Lavori del mese appartamento luglio

Lavori del mese appartamento luglio

Durante i mesi estivi, se ne avete la possibilità, le piante da appartamento andrebbero poste all'aperto; la gran parte preferiscono posizioni semiombreggiate, quindi andrebbero poste su un terrazzo esposto a nord, oppure al di sotto di alberi ad alto fusto: non sempre l'esposizione del nostro appartamento è quella ottimale, possiamo ovviare a questo ad esempio tendendo dei teli ombreggianti, facilmente reperibili nei garden center ben forniti. Alcune piante, come ad esempio molte succulente, amano invece le posizioni molto luminose, anche soleggiate per molte ore al giorno.

Prima di sistemare le piante sul terrazzo o in giardino informiamoci sulle necessità di illuminazione e di insolazione, per evitare danni talvolta irreparabili.

piante appartamento


Piante appartamento

pianta grassa appartamento Se non possediamo terrazzo o giardino dovremo tenere le nostre piante in casa: cerchiamo di lasciarle in un luogo in cui godano di un buon ricambio d'aria, come vicino ad una finestra, con una buona luminosità.

Il posizionamento all'aperto, o in luogo ben ventilato, oltre alle giornate molto calde e lunghe modificano le necessità idriche delle nostre piante, è bene ricordarcene, per evitare brutte sorprese al ritorno da un fine settimana al mare: annaffiamole con regolarità, avendo cura di bagnare bene il substrato in profondità, possibilmente nelle prime ore del mattino; ricordiamoci anche di vaporizzare la chioma, ogni 4-5 giorni, sempre nelle prime ore del mattino, o comunque in un periodo del giorno in cui le piante sono in ombra completa.

Anche le succulente andranno annaffiate più spesso, attendendo sempre che il terreno asciughi perfettamente tra un'annaffiatura e l'altra.


  • schefflera Le schefflere sono grandi arbusti o piccoli alberi di origine tropicale, appartenenti alla famiglia delle araliacee, molto utilizzati in Italia come piante da appartamento, a causa del loro fogliame m...
  • Cornycarpus laevigata Il Corynocarpus laevigata o corinocarpo è una pianta sempreverde originaria della Nuova Zelanda; in natura è un piccolo albero, che raggiunge i 7-8 metri di altezza, in contenitore si mantiene al di s...
  • ficus Il ficus ginseng è una varietà di ficus microcarpa, dalle dimensioni abbastanza contenute. La specie f. microcarpa è un albero, che raggiunge i 20-25 m di altezza, originario dell'Asia e dell'Australi...
  • orchidee Le orchidee sono piante affascinanti per la loro provenienza e per le bellissime infiorescenze. Fino a qualche decennio fa la loro coltivazione era riservata ad una élite: era infatti quasi sempre ne...


Cura piante appartamento in luglio

piante da appartamento I lavori del mese di luglio per le piante che si trovano in casa dipendono principalmente dalla varietà di pianta a cui ci si sta dedicando; è fondamentale, infatti, capire quali sono le esigenze nutrizionali e idriche di ogni pianta, per evitare di praticare lavori che, invece di migliorare la salute, diventano un elemento di disturbo. Spesso le piante sono acclimatate al luogo in cui sono posizionate e il loro spostamento, se non si notano segni di sofferenza, può causare stress, che si tradurrà con perdita di foglie o scarsa produzione di fiori.

E' quindi fondamentale agire avendo buona conoscenza di quali siano le esigenze delle differenti specie. Tendenzialmente nel mese di luglio, date le temperature di solito elevate, è indispensabile concentrarsi sulle esigenze idriche delle piante, che non devono essere lasciate per troppo tempo con il substrato asciutto.


Malattie piante appartamento

curare piante appartamento Nel periodo vegetativo e nella stagione calda, è possibile che le piante possano essere soggette all'attacco di parassiti e malattie che ne minano la bellezza e la salute; per questo è importante riconoscerne la presenza per intervenire prontamente. Anche in questo caso ogni varietà di pianta avrà esigenze differenti, ma in linea generale, i problemi più comuni sono legati a parassiti come afidi, i cosiddetti pidocchi, cocciniglie e acari. Per contrastarli, in commercio esistono appositi prodotti da vaporizzare sugli esemplari colpiti, anche se, per alcune piante è possibile intervenire con metodi naturali come macerati a base di ortica o aglio.

Altro problema può essere quello del marciume radicale, che può essere causato da un eccesso d'acqua per troppe annaffiature o per una carenza di drenaggio del terreno. Controllare attentamente che il substrato non rimanga eccessivamente inzuppato.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO