Croton - Codiaeum variegatum

Codiaeum variegatum

Al genere codiaeum appartengono alcune specie di arbusti sempreverdi, originari dell'Asia; il croton è un arbusto di piccole o medie dimensioni, originario delle isole del Pacifico. Presenta un fogliame di grandi dimensioni, vistosamente variegate di vari colori tra cui giallo, arancio, rosso o rosa; esistono numerose varietà di questa pianta, con foglie di dimensione varia, ovali o allungate, anche lobate. La Codiaeum variegatum è una specie molto apprezzata per il fogliame decorativo, in estate produce anche piccoli fiori, riuniti in lunghe pannocchie arcuate di grande impatto ornamentale. Gli esemplari della specie raggiungono i 90-100 cm di altezza, esistono però varietà nane, con piccole foglie, che si mantengono entro i 30-40 cm.
Codiaeum variegatum


Esigenze colturali

esemplare <em>codiaeum</em> variegatum Le Codiaeum variegatum preferiscono le posizioni luminose, ma non amano i raggi diretti del sole; evitare di porre inoltre le piante in luogo soggetto a correnti, colpi d'aria o a sbalzi di temperatura; in inverno queste piante vengono coltivate in casa, con temperature minime superiori ai 15°C.
Per quanto riguarda le irrigazioni, annaffiare con regolarità le piantine, evitando i ristagni idrici, il terreno deve essere mantenuto leggermente umido; ogni 20-25 giorni aggiungere del concime per piante verdi all'acqua delle annaffiature, in dose dimezzata rispetto a quella consigliata sulla confezione. In clima molto secco vaporizzare spesso la chioma con acqua demineralizzata.
I croton preferiscono terreni molto ben drenati, ricchi di materia organica e soffici; ogni 2-3 anni rinvasare le piante, possibilmente in primavera.

  • fiori secchi La vita dei fiori può essere, per così dire, "allungata", grazie all'utilizzo di tecniche di essiccazione, che consentono la conservazione di piante e fiori per un lungo periodo di tempo. La bellezza ...
  • Alpinia zerumbet fiore L'alpinia zerumbet o purpurata è una pianta tropicale sempreverde, originaria dell'America centro meridionale e dell'Asia. Forma un cespo fitto e compatto di foglie allungate, appuntite, di colore ver...
  • musa ornata fiore La Musa ornata è una pianta erbacea perenne originaria dell'Asia; è l'unica specie di banano che fiorisce e fruttifica anche se coltivato in appartamento. Lo spesso fusto, eretto, è di colore giallo-v...
  • Aphelandra squarrosa L'Aphelandra squarrosa o Afelandra è un arbusto sempreverde originario dell'America centro-meridionale, che in natura raggiunge i 2-3 m di altezza, ed in contenitore si mantiene di dimensioni vicine a...


Moltiplicazione

croton La moltiplicazione del croton avviene per talea, in primavera o a al termine della stagione estiva. La riproduzione per talea avviene prelevando parte di ramo della pianta originaria. Questo deve avere lunghezza di circa 10 cm e deve presentare almeno 5-6 foglie. Per tagliare il ramo è opportuno utilizzare strumenti da lavoro puliti e ben affilati per evitare sfilacciature. Una volta realizzato il taglio, è necessario pulire le secrezioni della pianta con del carbone in polvere. Il rametto tagliato verrà poi posizionato in un contenitore con torba e sabbia. Per garantire una crescita perfetta, ricoprire il vaso o contenitore dove abbiamo posizionato il rametto con della plastica trasparente e porlo in un luogo riparato e all'ombra. Dopo circa 30 giorni, sarà possibile vedere i primi germogli della pianta.


Croton - Codiaeum variegatum: Parassiti

codiaeum La codiaeum variegatum può essere attaccata da parassiti e malattie. Vediamo insieme quali sono le cause più comuni dell'indebolimento della pianta. La pianta di croton può soffrire a causa di un clima eccessivamente secco, un improvviso cambio di temperatura o l'esposizione a colpi d'aria possono causare la caduta delle foglie; i croton vengono spesso attaccati da afidi, acari e cocciniglia.
La nostra pianta può perdere le sue bellissime screziature se posizionata in luoghi poco illuminati. Quando invece le foglie appaiono ustionate o particolarmente secche significa che sono state esposte per troppe ore al sole e alla luce diretta dei raggi solari. Spostare la pianta in un luogo più idoneo e riparato.


Guarda il Video



Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare con regolarità, ogni 6-7 giorni, bagnando il terreno a fondo, ma attendendo che il substrato asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra; evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso.


Tenere Umido
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO