Allamanda cathartica

Generalità

Al genere allamanda appartengono circa una decina di specie di piante rampicanti, sempreverdi, originarie dell'America centro-meridionale. In natura si sviluppano fino a 10-12 metri di lunghezza, mentre gli esemplari coltivati in vaso rimangono entro i 100-150 cm di altezza, e vengono spesso coltivate in panieri appesi. I fusti sono sottili, ma abbastanza cuoiosi, portano numerose grandi foglie lucide, spesse, leggermente coriacee, di colore verde scuro brillante, ovali; dalla primavera inoltrata fino ai primi freddi all'apice dei fusti producono numerosi grandi fiori riuniti in racemi; i fiori di allamanda cathartica hanno forma a trombetta, e presentano dimensioni cospicue, fino a 8-10 cm di diametro della corolla; sono di colore giallo oro, mentre i fiori di A. blanchetii, altra specie molto coltivata, sono rosati o porpora. Ai fiori seguono bacche tondeggianti, ricoperte da una fitta peluria, che contengono numerosi semi alati.

Allamanda cathartica


Esposizione

pianta Allamanda cathartica Le piante di allamanda cathartica non sopportano temperature inferiori ai 3-4°C per periodi prolungati, quindi in genere si coltivano come piante da appartamento; nelle regioni con inverni molto miti si possono utilizzare come arbusti da giardino, ponendole a dimora in luogo riparato dal vento e dal freddo. Per ottenere una fioritura abbondante è necessario che queste piante vengano collocate in luogo molto luminoso, che venga colpito direttamente dai raggi solari per almeno 3-4 ore al giorno, ma non durante le ore più calde, quindi meglio il sole della mattino o del tardo pomeriggio.

  • Cordyline australis Al genere Cordyline australis o Cordilinea appartengono circa venti specie di arbusti o piccoli alberi sempreverdi, diffusi in Asia, in Australia ed in Sud America, oltre a numerose cultivar. Queste p...
  • piante Areca L'Areca è una palma originaria delle Filippine e della Malesia, coltivata in gran parte delle zone caldo-umide dell'Asia e dell'Africa, che in vaso raggiunge raramente i due metri. Ha tronco rigato e ...
  • Datura fiore E' un genere che comprende circa una decina di specie di piante erbacee, perenni, originarie dell'America centro settentrionale e probabilmente dell'Asia; un tempo il genere contava molte più specie, ...
  • Dizygotheca elegantissima La Dizygotheca elegantissima, spesso chiamata anche schefflera elegantissima o aralia elegantissima, è in natura un grosso arbusto, o piccolo albero, sempreverde, originario dell'Australia e delle iso...


Annaffiature

fiori allamanda Durante i mesi freddi la allamanda cathartica si annaffia con moderazione, evitando di inzuppare troppo il terreno; da marzo a ottobre annaffiare regolarmente ed abbondantemente, evitando comunque i ristagni idrici che risultano molto dannosi per questo tipo di pianta, ma controllando che il terreno mantenga il giusto grado di umidità. Ogni 15-20 giorni fornire del concime per piante da fiore. In autunno, dopo la fioritura, si potano i rami troppo lunghi, per ottenere un arbusto più compatto.


Terreno

allamanda cathartica fiori Per avere un buon sviluppo degli esemplari di questo tipo, è consigliabile coltivare in un buon terreno ricco di materia organica, leggermente acido, molto ben drenato; per aumentare il drenaggio è consigliabile aggiungere alla terra dei nostri vasi una buona parte di pietra pomice o di lapillo.

Questa pianta si rinvasa annualmente nel periodo di inizio primavera fino a quando non si arriva ad utilizzare un vaso di circa 50 cm; a questo punto, ogni anno è bene intervenire eliminando lo strato superficiale del terreno e sostituirlo con un composto ricco di materia organica.


Moltiplicazione

La moltiplicazione dell'allamanda cathartica avviene per seme, a fine inverno, o per talea, in autunno o in primavera. Le talee vanno sistemate in contenitori in cui è stata posta una miscela di torba e sabbia; questi vanno poi posti in un luogo riparato e protetto dove la temperatura si mantenga costantemente attorno ai 22 °C.


Allamanda cathartica: Parassiti e malattie

fiore allamanda Queste piante rampicanti possono venire attaccate dalla cocciniglia e dal ragnetto rosso. L'attacco della cocciniglia è molto riconoscibile, per la presenza di formazioni che sembrano fiocchi di cotone; se la presenza è contenuta, è possibile intervenire mediante eliminazione manuale con un panno imbevuto d'alcool o lavando la pianta con acqua e sapone, da risciacquare poi con grande attenzione. Altrimenti, se la presenza di cocciniglie è massiccia, è bene impiegare un prodotto specifico da vaporizzare sulla pianta. Per eliminare il ragnetto rosso può essere sufficiente aumentare l'umidità ambientale e vaporizzare acqua sulle foglie.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, illuminato direttamente dai raggi solari per poche ore al giorno.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO