Cissus discolor

Generalità

Il Cissus discolor è un rampicante sempreverde, originario dell'Asia meridionale e dell'Australia; in natura può raggiungere un'altezza di 2-3 metri, mentre gli esemplari coltivati in vaso si mantengono entro i 50-200 cm. Ha fusti sottili, molto ramificati, carnosi, di colore marrone-rossastro; il fogliame è lucido, di forma ovale o cuoriforme, appuntito, di colore verde scuro; la pagina inferiore delle foglie è rossastra, mentre la pagina superiore presenta zonature argentee; le giovani foglie hanno il margine e le venature di colore rosso o rosato. Pianta abbastanza delicata, spesso viene coltivata in panieri appesi, per meglio poter ammirare lo splendido fogliame e creare splendide decorazioni per la casa.

Cissus discolor


Esposizione e annaffiatura

cissus In appartamento si coltiva in luogo molto luminoso e ben ventilato; può sopportare anche brevi periodi di sole diretto; in genere durante il periodo invernale si coltiva in luogo con temperature superiori ai 12-15°C, se la pianta si trova in condizioni di temperatura inferiore tende a perdere parte del fogliame e ad avere un periodo di riposo vegetativo.
Durante il periodo primaverile, estivo ed autunnale annaffiare con regolarità, lasciando asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra; in inverno diradiamo leggermente le annaffiature. Per tutto l'arco dell'anno ricordiamo di vaporizzare frequentemente la chioma, utilizzando acqua demineralizzata.

  • fiori secchi La vita dei fiori può essere, per così dire, "allungata", grazie all'utilizzo di tecniche di essiccazione, che consentono la conservazione di piante e fiori per un lungo periodo di tempo. La bellezza ...
  • Alpinia zerumbet fiore L'alpinia zerumbet o purpurata è una pianta tropicale sempreverde, originaria dell'America centro meridionale e dell'Asia. Forma un cespo fitto e compatto di foglie allungate, appuntite, di colore ver...
  • musa ornata fiore La Musa ornata è una pianta erbacea perenne originaria dell'Asia; è l'unica specie di banano che fiorisce e fruttifica anche se coltivato in appartamento. Lo spesso fusto, eretto, è di colore giallo-v...
  • Aphelandra squarrosa L'Aphelandra squarrosa o Afelandra è un arbusto sempreverde originario dell'America centro-meridionale, che in natura raggiunge i 2-3 m di altezza, ed in contenitore si mantiene di dimensioni vicine a...


Terreno

cissus Il terreno è la principale fonte di sostentamento delle piante. Per questo motivo, quando si decide di coltivare un arbusto, una piante o qualsiasi specie vegetale, è importante conoscere quali siano le specifiche esigenze colturali della stessa per poterla crescere al meglio. Per il nostro cissus discolor utilizziamo un terriccio soffice, molto permeabile e ben drenato; possiamo coltivare i cissus discolor in terriccio universale, alleggerito con perlite o pietra pomice, e con poche cortecce sminuzzate che rendono soffice il terreno e contemporaneamente mantengono leggermente l'umidità. La moltiplicazione avviene in genere per tale, utilizzando l'apice dei fusti, in estate, oppure preparando talee fogliari. La talea consiste di fatto nell'utilizzo di un frammento di ramo della pianta originale per poter dar vita da questo ad una nuova piantina. Il frammento di ramo dovrà contenere almeno 2-3 foglie, il taglio dovrà essere netto e realizzato con strumenti di lavoro puliti.


Cissus discolor: Parassiti e malattie

Per quanto riguarda parassiti e malattie che potrebbero copire la piante, i cissus soffrono particolarmente di marciumi radicali o di botrite; spesso l'insorgere di tali malattie è dovuto a scarsa ventilazione nell'ambiente o ad annaffiature eccessive. Quando la pianta mostra foglie rovinate, è opportuno controllare la radici del cisso e rimuovere eventuali radici marce. Questo può avvenire per eccessiva irrigazione. Se invece la pianta non genera nuovi germogli, probabilmente significa che non è avvenuta la concimazione che doveva essere fatta. Un altro motivo per cui la pianta potrebbe apparire deperita, floscia e priva di energia dopo anni, potrebbe significare la fine del suo ciclo di vita. Questa specie può infatti resistere fino a 6-7 anni.





Esposizione
Questa pianta predilige posizioni molto luminose, in questo periodo dell'anno è consigliabile evitare i raggi diretti del sole, soprattutto durante le ore più calde della giornata.

 
Posizione luminosa
Annaffiature
Le annaffiature saranno regolari, ogni qual volta il terreno si presenta asciutto; in questo periodo dell'anno ogni 3-4 giorni può essere sufficiente, evitando gli eccessi.


Tenere Umido
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO