Crossandra nilotica

Generalità

E' un genere di cinquanta specie di piante tropicali suffruticose sempreverdi, originarie dell'India e della Malesia. Hanno fiori di colore arancione, che durano a lungo. Fioriscono dalla primavera all'autunno e sono costituiti da una parte tubuliforme e da cinque lobi. Sono riuniti in infiorescenze a spiga all'estremità dello scapo fiorale.

Le foglie sono ellittico lanceolate, di colore verde scuro, con margini ondulati e nervature evidenti. E' una pianta perenne che, però, nei climi europei, può essere coltivata come pianta da interno, oppure in giardino come pianta annuale, visto che non è in grado di resistere alle temperature rigide invernali.

La Crossandra nilotica è originaria dell'Africa orientale a foglie ellittiche verde scuro lucide lunghe fino a dieci centimetri. I fiori rosso mattone, riuniti in spighe terminali, sbocciano dalla primavera all'autunno. E' una pianta che raggiunge di solito i 60 centimetri di altezza massima, prestandosi molto bene ad essere coltivata in appartamento.

Crossandra nilotica


Esposizione

crossandra infundibuliformis La Crossandra nilotica è una varietà di pianta che, per svilupparsi al meglio, richiede di essere sistemata in piena luce, ma è bene evitare l'esposizione in pieno sole che danneggia le foglie e blocca la fioritura. Non è una pianta di semplice coltivazione in quanto richiede un ambiente particolare con umidità e temperature piuttosto costanti, attorno ai 21 °C, per poter avere una buona fioritura nel periodo che va da marzo ad ottobre. E' anche bene controllare che la pianta non sia sistemata in zone con correnti d'aria fredde, che potrebbero danneggiarla, anche irrimediabilmente, in poco tempo.

  • Cordyline australis Al genere Cordyline australis o Cordilinea appartengono circa venti specie di arbusti o piccoli alberi sempreverdi, diffusi in Asia, in Australia ed in Sud America, oltre a numerose cultivar. Queste p...
  • piante Areca L'Areca è una palma originaria delle Filippine e della Malesia, coltivata in gran parte delle zone caldo-umide dell'Asia e dell'Africa, che in vaso raggiunge raramente i due metri. Ha tronco rigato e ...
  • Datura fiore E' un genere che comprende circa una decina di specie di piante erbacee, perenni, originarie dell'America centro settentrionale e probabilmente dell'Asia; un tempo il genere contava molte più specie, ...
  • Dizygotheca elegantissima La Dizygotheca elegantissima, spesso chiamata anche schefflera elegantissima o aralia elegantissima, è in natura un grosso arbusto, o piccolo albero, sempreverde, originario dell'Australia e delle iso...


Annaffiature

fiore crossandra Le annaffiature, per la migliore salute della pianta, si devono effettuare una volta alla settimana per mantenere la terra umida in quanto la pianta non sopporta di restare asciutta; è bene però prestare attenzione a non esagerare con Nella stagione fredda si innaffia con acqua tiepida per evitare che gli sbalzi termici danneggino la pianta.

Durante la crescita si aggiunge all'acqua d'irrigazione, un fertilizzante liquido ogni due settimane.


Riproduzione

fiori crossandra Da marzo a giugno si prelevano talee semilegnose lunghe sei - otto centimetri e si fanno radicare in un miscuglio di torba e sabbia alla temperatura di venti gradi. Quando le talee sono radicate si invasano.

La moltiplicazione per seme avviene in marzo alla temperatura di quindici gradi, mantenendo i contenitori in luogo riparato. Quando le piantine sono abbastanza grandi si trapiantano in vasi.

Queste piante, dopo che sono fiorite, vanno potate, tagliando i rami con i fiori di due terzi.


Terreno

La scelta del terreno ideale per la Crossandra nilotica è fondamentale per garantirne la crescita; il composto migliore è formato da terreno ricco di sostanze organiche e materiale drenante come torba e sabbia, così che non consenta il ristagno dell'acqua. E' bene che abbia un ph leggermente acido.


Crossandra nilotica: Parassiti e Malattie

crossandra pianta La ruggine si manifesta con pustole arancioni sulla pagina inferiore delle foglie. Per evitare marciumi e muffe bisogna rimuovere le foglie e i fiori appassiti e controllare il grado di umidità e la presenza di ristagni idrici. Questa pianta può essere colpita anche dagli afidi, che possono essere eliminati con prodotti specifici o con un lavaggio delle foglie con acqua e sapone, da risciacquare poi con attenzione.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO