Episcia cupreata

Generalità

La Episcia cupreata è una pianta erbacea perenne originaria dell'America meridionale. Ha radici stolonifere, carnose e a sviluppo rapido, da cui crescono sottili fusti carnosi, di colore verde, densamente ramificati, che portano numerose foglie ovali, di colore vario, dal verde scuro al bronzo, con venature in contrasto o variegate, carnose e ruvide; la pianta si mantiene al di sotto dei 10-15 cm di altezza, ma si sviluppa in densi tappeti allargati. In estate produce numerosi fiorellini tubolari, di colore rosso, arancione, bianco o rosa; esistono numerosi ibridi con foglie sgargianti o con fioriture particolari. Queste piante sono molto adatte ad essere coltivate in contenitori appesi.

Episcia cupreata


Esposizione

infiorescenza Episcia Porre la Episcia cupreata in luoghi molto luminosi, ma al riparo dai raggi diretti del sole, soprattutto nei mesi più caldi; teme temperature inferiori ai 10°C, quindi in inverno va tenuta in casa o in serra temperata. Essendo una varietà di origine tropicale non ha problemi con le temperature massime; se viene posta in luoghi con poca luminosità produrrà pochi fiori e le foglie si allungheranno.

  • fiori secchi La vita dei fiori può essere, per così dire, "allungata", grazie all'utilizzo di tecniche di essiccazione, che consentono la conservazione di piante e fiori per un lungo periodo di tempo. La bellezza ...
  • Alpinia zerumbet fiore L'alpinia zerumbet o purpurata è una pianta tropicale sempreverde, originaria dell'America centro meridionale e dell'Asia. Forma un cespo fitto e compatto di foglie allungate, appuntite, di colore ver...
  • musa ornata fiore La Musa ornata è una pianta erbacea perenne originaria dell'Asia; è l'unica specie di banano che fiorisce e fruttifica anche se coltivato in appartamento. Lo spesso fusto, eretto, è di colore giallo-v...
  • Aphelandra squarrosa L'Aphelandra squarrosa o Afelandra è un arbusto sempreverde originario dell'America centro-meridionale, che in natura raggiunge i 2-3 m di altezza, ed in contenitore si mantiene di dimensioni vicine a...


Annaffiature

piante episcia Le piante di Episcia cupreata preferiscono terreni umidi, quindi necessitano di annaffiature frequenti e regolari, si consiglia però di non inzuppare mai il terreno e di lasciarlo asciugare leggermente tra un'annaffiatura e l'altra. Da marzo a ottobre fornire del concime per piante da fiore, ogni 15-20 giorni, mescolato all'acqua delle annaffiature, possibilmente in quantità dimezzata rispetto a quanto consigliato sulla confezione.

Si consiglia di vaporizzare spesso le foglie con acqua demineralizzata, per aumentare l'umidità ambientale.


Terreno

episcia pianta La Episcia cupreata preferisce terreni sciolti, ricchi e molto ben drenati; utilizzare un miscuglio di torba e terriccio di foglie in parti uguali, a cui aggiungere della perlite e della pietra pomice, per aumentare il drenaggio. Si consiglia di rinvasare la pianta ogni 2-3 anni, possibilmente all'inizio della primavera. Le radici della pianta sono piuttosto superficiali e si sviluppano più in orizzontale, quindi è consigliabile scegliere vasi larghi e meno profondi.


Moltiplicazione

Questa pianta si propaga in vari modi, in primavera si possono praticare talee di fusto o di foglia, oppure si possono seminare i piccoli semi. Spesso si procede alla propagazione per divisione, staccando gli stoloni ben sviluppati, che portano alcune ramificazioni; queste porzioni vanno subito rinvasate in contenitore singolo.


Episcia cupreata: Parassiti e malattie

episcia fiori Talvolta gli afidi rovinano le foglie; può essere attaccata anche dalla cocciniglia e colpita da marciume radicale, soprattutto quando il terreno non è sufficientemente drenante. Gli afidi, o pidocchi possono essere eliminati con l'impiego di prodotti specifici o con preparati naturali a base di aglio, che va fatto bollire in acqua, per poi filtrare il tutto e vaporizzare il composto sulle piante colpite. Per le cocciniglie, quando sono poco diffuse, è possibile intervenire con un panno con alcool per eliminarle manualmente. Anche il ragnetto rosso può essere un parassita che colpisce la pianta, in questo caso, è sufficiente aumentare il grado di umidità, visto che questi parassiti non amano l'acqua.





Esposizione
Questa pianta predilige posizioni molto luminose, ma teme il contatto diretto con i raggi solari.

 
Posizione luminosa
Annaffiature
Consigliamo di annaffiare la pianta solo se il terreno è completamente asciutto, evitando gli eccessi.


Tenere Umido
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO