Ficus deltoidea

Generalità

E' un arbusto o piccolo albero sempreverde, originario dell'Asia centro-meridionale; in natura gli esemplari adulti si mantengono di dimensioni vicine ai 2 m di altezza. Hanno fusti sottili e ramificati in modo disordinato, legnosi o semi-legnosi, con corteccia marrone chiaro, liscia; le foglie sono di colore verde chiaro, leggermente grigie o giallastre sulla pagina inferiore, hanno forma tondeggiante, a cucchiaio, e un breve picciolo, sono spesse e cuoiose, opache. In primavera e in autunno produce piccoli frutti, di 1-2 cm di diametro, simili a piccoli fichi, di colore verde, che rimangono sulla pianta per mesi, divenendo dapprima gialli, poi rossi, prima di cadere, contengono numerosissimi piccoli semi, di solito non fertili negli esemplari coltivati lontano dal luogo di origine. Il ficus deltoidea è molto meno diffuso come pianta ornamentale rispetto ad altre specie di ficus, ha comunque aspetto molto decorativo e particolare ed è di facile coltivazione; in natura spesso si sviluppa come pianta epifita, crescendo sul tronco di grandi alberi. La linfa del ficus deltoidea viene utilizzata per produrre la gomma.
Ficus deltoidea


Esposizione

pianta ficus deltoidea Per una crescita sana e rigogliosa, porre le piante di questa varietà in posizioni semi ombreggiate, con luminosità abbondante. In estate porre in luoghi ombreggiati, lontani dalla luce diretta del sole; scegliere posizioni ben ventilate, ma lontane da finestre o porte, in modo che la pianta non subisca bruschi sbalzi di temperatura, che potrebbero non giovare allo sviluppo equilibrato della pianta. Se la pianta viene sistemata in un luogo con poca luminosità, il promo sintomo è dato dalla caduta delle foglie. Intervenire con tempestività per evitare che il fenomeno peggiori, sposando la pianta in un luogo adeguato.

  • Ficus elastica In natura il ficus elastica è un grande albero, che raggiunge i 25-30 metri e si sviluppa nelle foreste tropicali dell’Asia; in vaso ha portamento eretto, scarsamente ramificato, e raggiunge i 200-300...
  • Ficus Benjamina Il ficus benjamina appartiene alla famiglia delle Moraceae È originario dell’Asia sudorientale e dell’Oceania. È un albero che può raggiungere i 30 metri di altezza dove è endemico (o in zone con cli...
  • Ficus australis Albero sempreverde originario dell'Australia e della Nuova Zelanda, il ficus australe o ficus rubiginosa può raggiungere in natura gli 8-10 metri di altezza, ma in contenitore si mantiene entro i 2-3 ...
  • Ficus neriifolia Il Ficus neriifolia, chiamato anche f. a foglie di oleandro, è un arbusto o piccolo albero sempreverde, originario dell'Asia centro-meridionale; in natura gli esemplari adulti si mantengono di dimensi...


Annaffiature

ficus deltoidea foglie Annaffiare regolarmente, ma senza eccedere, lasciando asciugare bene il terreno tra un'annaffiatura e l'altra; in estate annaffiare più spesso, soprattutto nei periodi molto caldi; in inverno annaffiare sporadicamente, senza dimenticare di vaporizzare le foglie con acqua distillata, per aumentare l'umidità ambientale, ed evitare che l'aria venga eccessivamente asciugata dal riscaldamento domestico. Da marzo ad ottobre fornire del concime ricco in azoto ogni 15-20 giorni, mescolato all'acqua delle annaffiature.


Terreno

ficus deltoidea pianta Per la messa a dimora delle piante appartenenti a questa varietà utilizzare un terreno soffice, sciolto, molto ricco, mescolato a pietra pomice o perlite, per aumentare il drenaggio; per ottenere una pianta ben sviluppata è bene rinvasare il ficus deltoidea ogni due anni, in autunno così da permettere alle radici di avere spazio sufficiente.


Moltiplicazione

La moltiplicazione di queste piante avviene per talea, utilizzando delle porzioni semilegnose degli apici dei rami, che vanno immerse nell'ormone radicante e quindi interrate in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, che va mantenuto umido fino a radicazione avvenuta; le nuove piantine si pongono quindi in contenitore singolo.


Ficus deltoidea: Parassiti e malattie

ficus deltoidea piante Fare attenzione alla cocciniglia e agli afidi, che spesso si annidano sulla pagina inferiore delle foglie. Per eliminare il problema è bene procedere con maggiori vaporizzazioni delle foglie, visto che l'acqua è un elemento non gradito da questi parassiti. E' anche possibile pulire direttamente le foglie con acqua e sapone, risciacquando poi con attenzione. Altrimenti, in commercio, sono disponibili speciali prodotti insetticidi che potranno essere utili se la presenza di parassiti è massiccia.


Guarda il Video



Esposizione
Questa pianta predilige posizioni molto luminose, in questo periodo dell'anno è consigliabile evitare i raggi diretti del sole, soprattutto durante le ore più calde della giornata.

 
Posizione luminosa
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO