Felce di Boston - Nephrolepis

Generalità

La Nephrolepis è una felce sempreverde di dimensioni medio-piccole, originaria dell'Asia orientale e dell'Oceania, diffusa in zone dal clima tropicale. Produce ampi ciuffi, costituiti da lunghe fronde imparipennate, di forma triangolare; ogni fronda è composta da piccole foglioline parallele, nastriformi, che diminuiscono di dimensione dalla base della fronda fino all'apice, di colore verde chiaro, con margine frastagliato e leggermente arricciato. Le giovani fronde si sviluppano dapprima arrotolate e si srotolano crescendo. A seconda della specie le fronde di nephrolepis possono essere lunghe dai 25 fino agli 80-90 cm; sono arcuate e danno origine a cespugli tondeggianti, molto indicati ad essere coltivati in panieri appesi. Felce di facile coltivazione, viene molto utilizzata come pianta da appartamento, anche perchè sembra sia molto utile in quanto sembra assorbire le sostanze nocive rilasciate da solventi, pitture ed elettrodomestici.
Nephrolepsis

Bakker Felce di Boston Green Lady - Altezza alla consegna: 35 cm ca., Ø 12 cm vaso.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,75€


Esposizione

Le Nephrolepis temono il freddo, e non possono sopportare temperature minime inferiori ai 10-12°C, quindi possono essere poste all'aperto soltanto durante le miti giornate primaverili ed estive. Come gran parte delle felci, amano l'ombra, quindi si coltivano in luogo mediamente luminoso, ma lontano dai raggi diretti del sole che potrebbe danneggiare in maniera irreversibile le foglie della nostra felce di boston.

  • fiori secchi La vita dei fiori può essere, per così dire, "allungata", grazie all'utilizzo di tecniche di essiccazione, che consentono la conservazione di piante e fiori per un lungo periodo di tempo. La bellezza ...
  • Alpinia zerumbet fiore L'alpinia zerumbet o purpurata è una pianta tropicale sempreverde, originaria dell'America centro meridionale e dell'Asia. Forma un cespo fitto e compatto di foglie allungate, appuntite, di colore ver...
  • musa ornata fiore La Musa ornata è una pianta erbacea perenne originaria dell'Asia; è l'unica specie di banano che fiorisce e fruttifica anche se coltivato in appartamento. Lo spesso fusto, eretto, è di colore giallo-v...
  • Aphelandra squarrosa L'Aphelandra squarrosa o Afelandra è un arbusto sempreverde originario dell'America centro-meridionale, che in natura raggiunge i 2-3 m di altezza, ed in contenitore si mantiene di dimensioni vicine a...

Bakker Felce di Boston Green Lady - Altezza alla fornitura 45-55 cm, vaso misura Ø 17 cm.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,95€


Annaffiature

Felce di Boston Si consiglia di mantenere il terreno della nostra felce di boston sempre umido, ma non eccessivamente bagnato; per un corretto sviluppo ella pianta è anche bene vaporizzare spesso la chioma; per le annaffiature e le vaporizzazioni utilizziamo dell'acqua scarsamente calcarea. Ogni 3-4 mesi provvediamo a ripulire l'intera pianta, possibilmente ponendo la chioma sotto l'acqua corrente, per rimuovere impurità e polvere. Da marzo a ottobre aggiungiamo all'acqua delle annaffiature poco concime per piante verdi, ogni 15-20 giorni.


Terreno

felce di boston coltivare in buon terriccio universale, alleggerito co perlite e pezzetti di corteccia sminuzzati, che permettono di mantenere il terreno soffice e fresco. Gli esemplari coltivati in vaso tendono ad allargarsi, è quindi consigliabile cambiare il contenitore ogni 2-3 anni, scegliendone uno leggermente più capiente del precedente.


Moltiplicazione

Se vogliamo moltiplicare la nephrolepis occorre prelevarne le spore, che si producono al di sotto del fogliame; con maggiore facilità si praticano porzioni del cespo di foglie, mantenendo alcune radici ben sviluppate per ogni porzione praticata.


Felce di Boston - Nephrolepis: Parassiti e malattie

foglie della felce Le felci di boston temono l'attacco di acari e della cocciniglia; in condizione di terreno eccessivamente bagnato possono svilupparsi marciumi. Spesso le felci con il passare egli anni tendono a divenire giallastre, questo fatto può essere dovuto alla clorosi ferrica, favorita dall'utilizzo di acqua calcarea; oppure semplicemente l'ingiallimento può essere imputato a scorrette condizioni di coltivazione: scarsa umidità ambientale, scarsa luminosità, terriccio esausto. Spesso il fogliame più esterno dissecca, a partire dalla punta: rimuoviamo tutte le fronde rovinate o leggermente disseccate.





Esposizione
Pianta che predilige le posizioni ombreggiate, evitare l'esposizione ai raggi diretti del sole.

 
Posizione ombreggiata
Annaffiature
In questo periodo dell'anno non è necessario annaffiare troppo spesso la pianta; in genere si interviene ogni 20-25 giorni, ma soltanto se il terreno è asciutto.


Tenere Umido
concimazione
Si consiglia di sospendere le concimazioni durante il periodo invernale; un eccessivo apporto di nutrienti infatti favorirebbe lo sviluppo di nuova vegetazione, troppo sensibile alle basse temperature.


Esigenze della piante a dicembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO