Ancamptis pyramidalis

Generalità

Il genere anacamptis contava una ventina di specie di orchidee terrestri, ora racchiuse nel genere orchis; al genere anacamptis appartiene una sola specie A. pyramidalis. Si tratta di una orchidea erbacea, terricola, priva di pseudobulbi, diffusa in Europa, prevalentemente nell’area mediterranea, ed in Asia centrale. Sviluppa piccoli ciuffi simili ad erba, formati da foglie lineari o lanceolate, di colore verde brillante, con vistosa venatura centrale; in primavera tra le foglie si erge un sottile fusto, rigido, alto 20-50 cm, che posta alla sommità una grossa pannocchia piramidale di fiori. Il fusto porta alcune brattee triangolari, acuminate e rigide, di colore verde o talvolta rossastre o violacee. I fiori sono di piccole dimensioni, di colore rosa, porpora o bianchi, delicatamente profumati, caratterizzati dai tre sepali inferiori uniti a formare un ampio labello trilobato; i fiori sbocciano in successione, a partire dalla parte bassa della pannocchia, e la fioritura dura alcune settimane; ogni singolo cespo di foglie presenta alcuni fusti floreali. Pianta abbastanza diffusa anche in Italia, soprattutto in media collina o alle pendici delle montagne, sui pascoli aridi e soleggiati.
Foto anacamptis


Esigenze colturali

anacamptis piramidalis Quando si vuole coltivare una pianta, è molto importante scegliere la posizione ideale per poterla crescere al meglio. Ciascuna specie presenta determinate esigenze colturali e per questo è bene fare attenzione all'esposizione diretta dei raggi di sole, al vento, al gelo e alle specifiche condizioni atmosferiche del luogo in cui ci si trova. L'Ancamptis pyramidalis predilige posizioni ben soleggiate, per questo da evitare l’ombra o anche la mezz’ombra; non teme il freddo ed in inverno può sopportare gelate anche intense e durature, che talvolta causano il completo scomparire della parte aerea. Gli esemplari coltivati in vaso possono essere posti in lieve mezz’ombra durante i mesi più caldi dell’anno.
Gli Ancamptis pyramidali sopportano molto bene la siccità, anche se è il caso di annaffiare leggermente in caso di siccità, sopratutto durante la stagione più calda dell'anno, l'estate.
Il terreno rappresenta la principale fonte di sostentamento per le nostre piante. Per questo la scelta del terriccio deve essere effettuata sulla base delle specifiche esigenze della nostra Ancamptis pyramidalis. Queste prediligono terreni aridi, sassosi, e molto ben drenati; si sviluppano di preferenza su terreni di tipo calcareo.

  • Exacum affine E' una erbacea perenne sempreverde originaria dell’Isola di Socotra; al genere exacum appartengono circa 40 specie di piante erbacee, annuali e perenni, ma solo E. affine viene coltivata come pianta o...
  • Ananas bracteatus L'Ananas bracteatus è una pianta epifita originaria dell'America meridionale, in particolare del Brasile e della foresta Amazzonica; viene coltivata come pianta ornamentale, ma anche, nei paesi tropic...
  • Tillandsia cyanea La tillandsia cyanea è una pianta erbacea perenne epifita, appartenente alla famiglia delle Bromeliacee, originaria dell'America meridionale; si tratta di una pianta estremamente versatile, facile da ...
  • Pianta di Anthurium scherzerianum Il genere Anthurium fa parte della famiglia botanica delle Araceae ed è originario dell'America del Sud, nelle regioni tropicali e subtropicali. I fiori di questa pianta, cioè più esattamente le infio...


Moltiplicazione

anacamptis La moltiplicazione avviene per seme, durante la stagione primaverile; è anche possibile dividere i cespi di foglie, facendo attenzione a mantenere per ogni porzione praticata un buon apparato radicale.


Ancamptis pyramidalis: Parassiti e malattie

In genere queste piante non vengono attaccate da parassiti o colpite da malattie anche se occasionalmente può accadere che gli afidi colonizzino il fusto floreale danneggiando la pianta in maniera circoscritta o totale. Per eliminare il problema in maniera naturale, è possibile rimuovere manualmente i parassiti utilizzando un batuffolo di cotone, meglio utilizzare i guanti. Nei casi estremi, tagliare la parte colpita ma solo se la parte danneggiata dagli afidi è piuttosto circoscritta.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO