Cypripedium

Generalità

Genere che comprende numerose orchidee rizomatose vivaci, originarie delle zone temperate dell'Europa, del nord America e dell'Asia. Come il genere paphiopedilum il fiore dei cypripedium è caratterizzato da labello piccolo, sotto cui si può notare una sacca, costituita dai due petali inferiori, a forma di "scarpetta", e da dimensioni sicuramente appariscenti, infatti spesso superano i 7-8 cm di diametro. La pianta è vivace, ciò significa che in autunno la parte aerea ingiallisce e secca completamente, mentre in primavera spuntano numerose foglie verdi, strette e lunghe, che spesso raggiungono e superano i 60 cm di lunghezza.

I fiori sbocciano in primavera e sono di vari colori, dal giallo al rosa al rosso.

cypripedium guttatum

Orchidee di abitudini terrestri-Cypripedium fiore-Grande Scarpe da donna, colore: bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,88€


Esposizione

cypripedium gisela I cypripedium preferiscono posizioni molto luminose, ma temono il contatto diretto con i raggi del sole, così come non sopportano il calore dei mesi estivi; è quindi opportuno porli in un luogo ombreggiato e ben ventilato, al riparo dal sole e dal caldo, soprattutto in estate. Queste piante non temono il freddo, quindi possono essere poste anche in giardino, possibilmente ai piedi di alberi o arbusti, che garantiscono un'ombra costante. Nei luoghi in cui gli inverni sono molto rigidi si consiglia di pacciamare la pianta, ricoprendola con foglie o materiale opportuno, per preservare le radici dal freddo intenso; se invece si coltiva in vaso si può porre il contenitore in serra fredda. Queste piante necessitano di un periodo di dormienza di alcuni mesi a temperature al di sotto dei 5-6°C, quindi nei luoghi in cui gli inverni sono miti è opportuno estrarre i rizomi dal terreno e porli in sacchetti di plastica con poco terriccio e sfagno, quindi conservare i sacchetti in frigorifero.

  • Fiori scarpetta Alcune specie di orchidee presentano fiori molto particolari, con il labello ricurvo, chiuso fino a formare una specie di scarpetta; le orchidee con labello a coppa appartengono a tre principali gener...
  • Orchidee Cattleya spicata Il genere orchidee cattleya conta circa cinquanta specie di epifite e litofite, originarie dell'America meridionale; sono munite di pseudobulbi carnosi, che possono avere dimensioni vicine ai 5-7 cm, ...
  • Masdevallia E' un genere che comprende numerosissime orchidee epifite, originarie delle zone umide e montuose dell'America del sud, dal Messico al Perù. Non presentano pseudubulbi e le foglie lunghe e strette, ab...
  • Laelia Il genere Laelia comprende circa 50-60 specie di orchidee, prevalentemente epifite, originarie dell'America centrale, molto affini alle cattleya. Queste varietà formano densi ciuffi di pseudobulbi pia...


Annaffiature

cypripedium parviflorum Necessitano di una buona quantità d'acqua possibilmente distillata, fare attenzione ad evitare che il terreno asciughi, senza però inzupparlo, per prevenire marciumi. In estate fornire acqua spesso, anche ogni giorno, e diradare le annaffiature fino a sospenderle in inverno. Queste piante non necessitano di concimazioni troppo intense, è sufficiente fornire un fertilizzante per orchidee una volta al mese, o anche meno, nel periodo vegetativo, sciogliendone un quarto della dose consigliata nell'acqua delle annaffiature.


Terreno

cypripedium macranthon Questo genere di orchidee comprende soltanto varietà terricole, quindi necessitano di un terriccio ricco di humus, volendo anche da compostaggio , l'importante è che sia molto soffice e leggero, per non rovinare le radici delicate dei cypripedium; aggiungere al terriccio una buona quantità di corteccia e di perlite per aumentare il drenaggio. Alcune varietà, come C. reginae e C. formosanum gradiscono un terreno un poco acido, aggiungere quindi aghi di pino per abbassare il valore del Ph. Evitare di maneggiare troppo spesso le radici, che si spezzano facilmente, e ricordare di non interrarle troppo in profondità quando si mettono a dimora.


Moltiplicazione

Avviene per seme, ma è abbastanza difficoltosa, inoltre le piante fioriscono soltanto dopo 4-5 anni. Seminare a marzo in un composto di sabbia e torba in parti uguali e tenere per alcuni mesi il semenzaio all'ombra e coperto con plastica o vetro, per mantenere l'umidità. In autunno, una volta che le piantine sono diventate gialle, tagliare a circa un cm d'altezza, e porre il semenzaio in frigorifero. Quando le piantine si possono maneggiare rinvasare in contenitori singoli, che vanno mantenuti in luogo riparato per almeno un paio d'anni. Se si decide di interrare i cypripedium in giardino si consiglia di aspettare per almeno 2-3 anni, perché le piante divengano vigorose, e in grado di sopportare le avversità.


Cypripedium: Parassiti e malattie

cypripedium formosanum Possono venire attaccate da cocciniglia e afidi; se sono coltivate all'aperto fare molta attenzione alle lumache che sono ghiotte delle foglie carnose di queste splendide piante.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Con l'arrivo dei mesi freddi e l'accorciarsi delle giornate diradiamo le concimazioni: forniamo un fertilizzante specifico ogni 45-50 giorni.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO