Epipactis

Generalità

L'epipactis è un'orchidea terricola originaria dei boschi Europei; il genere epipactis comprende circa quaranta specie, generalmente terricole, originarie dell'Europa e dell'Asia centro-settentrionale. Producono una grossa radice fibrosa, che con il tempo si estende a formare dense colonie di piante, costituite da lunghi fusti eretti, leggermente arcuati, carnosi, di colore verde brillante, leggermente pubescenti alla base, alti 60-70 cm, all'apice dei quali sbocciano, in luglio-agosto, numerosi fiori, fino a trenta per ogni singola infiorescenza, con petali e sepali verdastri e caratteristico labello a coppa, leggermente carnoso, di colore verde-rosato; sotto ogni fiore è presente una piccola brattea allungata di colore verde brillante. Alla base dei fusti spuntano numerose foglie arcuate, lineari, spesso dall'aspeto polveroso, lunghe 10-15 cm. E. gigantea ha fiori gialli e fusti lunghi anche un metro; E. mairei è originaria della Cina, con fiori marroni, gialli o bianco-verdastri.
Epipactis gigantea


Esposizione

Epipactis thunbergii Queste orchidee necessitano di essere coltivate in una posizione molto luminosa, anche in pieno sole se si può garantire la presenza costante dell'acqua, ad esempio vicino ad un piccolo stagno; se coltivate in contenitore è bene tenerle in luogo luminoso ma ombreggiato, per evitare periodi anche brevi di siccità. In genere le epipactis non temono il freddo.

  • epipactis palustris ORCHIDACEAEEPIPACTIS PALUSTRIS CrantzPianta alta 30 - 60 cm. Rizoma stolonifero, fusto con foglie sessili lanceolate. Fiori con pedicello violaceo in racemo rado con brattee erbacee; tepali es...
  • Fiori scarpetta Alcune specie di orchidee presentano fiori molto particolari, con il labello ricurvo, chiuso fino a formare una specie di scarpetta; le orchidee con labello a coppa appartengono a tre principali gener...
  • Orchidee Cattleya spicata Il genere orchidee cattleya conta circa cinquanta specie di epifite e litofite, originarie dell'America meridionale; sono munite di pseudobulbi carnosi, che possono avere dimensioni vicine ai 5-7 cm, ...
  • Masdevallia E' un genere che comprende numerosissime orchidee epifite, originarie delle zone umide e montuose dell'America del sud, dal Messico al Perù. Non presentano pseudubulbi e le foglie lunghe e strette, ab...


Annaffiature

fiore epipactis gigantea Da marzo a ottobre annaffiare regolarmente, anche ogni giorno nei periodi più caldi dell'anno, mantenendo il terreno costantemente umido ma non inzuppato, controllando che ci sia un giusto grado di drenaggio per evitare che si possano formare dei ristagni idrici e conseguenti marciumi radicali; ogni 15-20 giorni è bene fornire del concime specifico per orchidee, sciogliendo nell'acqua delle annaffiature circa metà della dose consigliata sulla confezione. Nel caso di temperature elevate, è bene vaporizzare con regolarità dell'acqua sulle foglie per mantenere il giusto grado di umidità e temperatura.


Terreno

epipactis helleborine le epipactis necessitano di terreno soffice, profondo, ricco di materia organica; utilizzare un buon terriccio bilanciato, a cui mescolare del terriccio di foglie, dell'humus e dei pezzetti di corteccia o fibra vegetale. Le radici carnose non vanno interrate eccessivamente; di solito queste orchidee hanno sviluppo abbastanza vigoroso, ma impiegano alcuni mesi per stabilirsi al meglio, quindi potrebbero non dare risultati soddisfacenti immediatamente dopo la messa a dimora: è bene attendere almeno un anno prima di sperare in una fioritura abbondante.


Moltiplicazione

La riproduzione delle Epipactis per ottenere nuovi esemplari in genere avviene per divisione dei cespi, ad inizio primavera o a fine estate, dopo la fioritura; si praticano porzioni delle grosse radici, che vanno subito interrate a dimora in un substrato adeguato, composto da terriccio fertile e drenato, ricco di humus e mescolato con pezzi di corteccia.


Epipactis: Parassiti e malattie

epipactis veratrifolia Le lumache, le cavallette e molte larve sono ghiotte delle foglie delle orchidee. E' possibile utilizzare appositi prodotti specifici per contrastare il problema, con l'accortezza di vaporizzare principalmente sulle foglie e con la dovuta moderazione.





Esposizione
Questa pianta predilige posizioni molto luminose, ma teme il contatto diretto con i raggi solari.

 
Posizione luminosa
Annaffiature
Annaffiare con regolarità, ogni 6-7 giorni, bagnando il terreno a fondo, ma attendendo che il substrato asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra; evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso.


Tenere Umido
concimazione
Con l'arrivo dei mesi freddi e l'accorciarsi delle giornate diradiamo le concimazioni: forniamo un fertilizzante specifico ogni 45-50 giorni.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO