Pescatorea

Generalità

Genere che comprende 15-20 specie di orchidee epifite, originarie delle foreste umide dell'America centro -meridionale. Non possiedono pseudobulbi, costituiscono rosette a ventaglio di lunghe foglie arcuate, strette e sottili, di colore verde chiaro, abbastanza ruvide e percorse da una profonda venatura centrale; in autunno inoltrato e in inverno alla base delle foglie, all'apice di corti fusti sottili, sbocciano grandi fiori singoli, di colore bianco, con venature o macchie di colore rosa, blu o viola, talvolta con labello di colore contrastante; esistono numerosi ibridi, spesso di colori molto sgargianti, macchiati di bianco. I petali sono carnosi, cerosi e spessi, talvolta lucidi; questi fiori emanano un delicato profumo. Le pescatorea hanno coltura abbastanza facile e sono adatte anche ai principianti.
Pescatorea


Esposizione

Fiore Pescatorea Per coltivare al meglio le tue orchidee pescatorea, porre i vasi in luogo molto luminoso, ma lontano dai raggi diretti del sole che potrebbero causare bruciature sulle foglie e compromettere lo sviluppo della pianta; queste orchidee temono il freddo, e necessitano di temperature medie vicine ai 18-20°C, per questo motivo in inverno vanno tenute in casa, al riparo da correnti fredde o gelo, oppure in serra temperata dove si crea l'habitat ideale per la loro coltivazione.

  • Pilea cadierei Questo genere comprende circa duecento specie di piante erbacee perenni, originarie di gran parte del globo; le specie generalmente coltivate come piante decorative sono circa dieci, provengono dall'A...
  • fiore Doritis Al genere doritis appartiene solo questa specie, che però si presenta in molte varietà. Presenta pseudobulbi appiattiti, che producono alcune larghe foglie carnose; a partire dalla primavera si svilup...
  • Calanthe triplicata Le calanthe sono bellissime orchidee terricole, ne esistono alcune centinaia di specie, diffuse prevalentemente in Asia, con alcune specie in Madagascar e nelle isole dell’Oceania; sono state divise i...
  • Sarcochilus genere che comprende alcune specie di orchidee epifite o litofite, diffuse in Australia e in Asia. Costituiscono ampi cespi di foglie lineari, erette o leggermente arcuate, carnose, di colore verde ch...


Annaffiature

orchidee coltivazione Annaffiare regolarmente per tutta la durata dell'anno, intensificando le annaffiature nei mesi estivi, solitamente più caldi e secchi, lasciando comunque asciugare un poco il substrato tra un'annaffiatura e l'altra; ogni 2-3 giorni vaporizzare le foglie con acqua demineralizzata, per aumentare l'umidità ambientale. Da marzo a novembre fornire del concime specifico per orchidee, mescolato all'acqua delle annaffiature, ogni 10-15 giorni.


Terreno

Utilizzare un composto per orchidee epifite, costituito da pezzetti di corteccia, polistirolo e fibre vegetali; rinvasare almeno ogni due anni, per permettere alle piante uno sviluppo armonico. E' importante ricordare che la scelta del terreno deve essere realizzata tenendo in considerazione le specifiche esigenze della nostra orchidea; ciascuna pianta infatti necessita di un particolare terriccio per svilupparsi e crescere al meglio. Dal terreno le nostre piante acquisiscono le principali sostanze nutritive di cui hanno bisogno per vivere; da qui, l'importanza di questo elemento.


Moltiplicazione

orchidea riproduzione La moltiplicazione dell'orchidea pescatorea avviene in genere per divisione dei cespi di foglie, lasciando una radice vigorosa e ben sviluppata ad ogni porzione ottenuta; le nuove piante si rinvasano subito in contenitore singolo; in genere le divisioni si praticano in primavera inoltrata.


Pescatorea: Parassiti e malattie

Per quanto riguarda malattie e parassiti che potrebbero attaccare la pianta, è importante fare attenzione alle cocciniglie. Si tratta di minuscoli parassiti che, nutrendosi della linfa contenuta nelle foglie dell'orchidea, indeboliscono l'intera pianta. Per la rimozione manuale delle cocciniglie, utilizzare un batuffolo di cotone imbevuto di alcool; se il problema è diffuso e non circoscritto, prediligere specifici prodotti antiparassitari.
Un ulteriore problema che può presentare la pescatorea, è la presenza di marciume radicale. Attenzione quindi alle annaffiature: lasciare asciugare il terreno tra un irrigazione e l'altra.





Esposizione
Questa pianta predilige posizioni molto luminose, ma teme il contatto diretto con i raggi solari.

 
Posizione luminosa
Annaffiature
Annaffiare con regolarità, ogni 6-7 giorni, bagnando il terreno a fondo, ma attendendo che il substrato asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra; evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso.


Tenere Umido
concimazione
Con l'arrivo dei mesi freddi e l'accorciarsi delle giornate diradiamo le concimazioni: forniamo un fertilizzante specifico ogni 45-50 giorni.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO