Rynchostylis

Generalità

Questo genere riunisce circa sei specie di orchidee epifite, originarie dell'Asia tropicale; si tratta di piante che con gli anni raggiungono dimensioni cospicue. Il corto fusto porta alcune grandi foglie allungate, arcuate, di colore verde scuro, abbastanza spesse e carnose; l'apparato radicale è cospicuo e in genere le radici riempiano completamente il contenitore di coltivazione, allargandosi anche all'esterno; in primavera o in estate dal cespo di foglie si sviluppa un lungo stelo floreale ricadente, che porta un'infiorescenza costituita da 30-40 piccoli fiori carnosi, talvolta delicatamente profumati, di colore bianco o rosato, che presentano maculature rosa, rosse, blu o porpora, con labello nello stesso colore delle maculature. Piante molto vigorose, che si coltivano di solito in panieri appesi, per meglio godere delle lunghe infiorescenze; in genere ogni pianta può produrre 3-4 infiorescenze durante la stessa stagione.
Rynchostylis


Esposizione

orchidea Le Rynchostylis si coltivano in appartamento, poichè temono il freddo; la temperatura minima per tutto l'arco dell'anno non dovrebbe essere inferiore ai 15-18°C; tenere i vasi in luogo molto luminoso, ma lontano dai raggi diretti del sole, soprattutto durante le ore più calde della giornata. L'esposizione diretta ai raggi del sole potrebbe infatti danneggiare i petali e le foglie della pianta in maniera irreparabile.

  • Pilea cadierei Questo genere comprende circa duecento specie di piante erbacee perenni, originarie di gran parte del globo; le specie generalmente coltivate come piante decorative sono circa dieci, provengono dall'A...
  • Aspidistra Varietà erbacea perenne rizomatosa, originaria dell'Asia orientale e dell'Africa, diffusa in molte parti dell'Asia dall'Himalaya al Giappone. Si presenta come un denso ciuffo di lunghe foglie cuoiose ...
  • Clorophytum Si tratta di un genere che riunisce numerose piante erbacee sempreverdi, originarie dell'Africa meridionale. La pianta ragno, conosciuta anche come Clorofito o Clorophytum, si presenta come un denso c...
  • fiore Doritis Al genere doritis appartiene solo questa specie, che però si presenta in molte varietà. Presenta pseudobulbi appiattiti, che producono alcune larghe foglie carnose; a partire dalla primavera si svilup...


Annaffiature

orchidea Dal mese di marzo a quello di ottobre annaffiare frequentemente le piante, mantenendo il substrato leggermente umido, ma non inzuppato di acqua; per evitare ristagni idrici consentire un buon ricambio dell'aria, per fare in modo che l'acqua delle annaffiature evapori liberamente; durante i mesi freddi diradare le annaffiature, fornendo acqua almeno una volta a settimana. Ogni 2-3 giorni vaporizzare le foglie con acqua distillata.


Terreno

Il terreno è uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione quando si desidewra coltivare un orchidea o qualsiasi altra varietà di pianta. Questo perchè il terreno è la principale fonte di sostentamento di tutte le specie vegetali ed è proprio dal terreno, attraverso le radici, che la pianta acquisisce le sostanze nutritive di cui ha bisogno. Per coltivare le Rynchostylis si utilizza un normale terriccio per orchidee, costituito da torba di sfagno, corteccia, fibre vegetali spezzettate. Queste piante non amano i rinvasi, è quindi preferibile cambiare il contenitore ed il substrato solo quando è effettivamente necessario, poichè le piante hanno raggiungo dimensioni cospicue; i ogni caso evitiamo di rovinare le radici durante questa delicata operazione. A partire dalla stagione primaverile, sarà possibile concimare le nostre piante con del fertilizzante liquido da diluire nell'acqua di irrigazione. Ridurre leggermente le dosi rispetto a quanto prescritto sulle confezioni.


Moltiplicazione

orchidea rhynchostylis Le Rynchostylis si propagano per divisione dei cespi di radici, in primavera inoltrata.


Rynchostylis: Parassiti e malattie

Per quanto riguarda i parassiti e le malattie che potrebbero arrecare danni alla pianta, fare attenzione alla cocciniglia ed agli afidi. Si tratta di minuscoli insetti che, nutrendosi della linfa contenuta nelle foglie della pianta, la indeboliscono rendendo difficile lo sviluppo. Sul mercato esistono prodotti specifici per combattere il problema.





Esposizione
Questa pianta predilige posizioni molto luminose, ma teme il contatto diretto con i raggi solari.

 
Posizione luminosa
Annaffiature
Annaffiare con regolarità, ogni 6-7 giorni, bagnando il terreno a fondo, ma attendendo che il substrato asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra; evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso.


Tenere Umido
concimazione
Con l'arrivo dei mesi freddi e l'accorciarsi delle giornate diradiamo le concimazioni: forniamo un fertilizzante specifico ogni 45-50 giorni.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO