Thelymitra

Generalità

Si tratta di un genere che comprende circa quindici specie di orchidee terricole, a foglia caduca, diffuse in Australia, in Nuova Zelanda e in Indonesia; hanno grosse radici tuberose, che tendono nel tempo a produrre numerosi germogli con nuove piante; ogni tubero produce una singola foglia, semi eretta, allungata, di colore grigio-verde, in molte specie abbastanza carnosa. In primavera e in estate da ogni tubero si erge un fusto che porta fiori singoli, o più spesso riuniti in lunghe pannocchie, alte 40-50 cm, che portano 10-20 fiori, di colore generalmente blu o viola, ma anche rossi, gialli o bianchi. Nella maggior parte delle specie il labello è del tutto simile agli altri petali. Orchidee di non facile reperimento, molto diffuse però nell'areale di origine e dai colori molto particolari.
Thelymitra


Esposizione

pianta Thelymitra Porre le orchidee Thelymitra in posizione molto luminosa, anche soleggiata; le thelymitra vengono dette orchidee del sole, poichè i loro fiori sbocciano soltanto nelle giornate luminose e soleggiate, mentre si chiudono di notte o in presenza di nuvole quando la luce del sole scompare. Queste orchidee possono sopportare temeprature minime vicine ai 4-5°C, nelle zone con inverni rigidi è quindi bene conservarle in serra fredda i tuberi; con l'arrivo dei freddi autunnali la parte aerea secca completamente, se viviamo in zone con inverni non molto freddi possiamo semplicemente proteggere queste piante con una buona pacciamatura del terreno.

  • Anthurium andreanum Gli anthurium sono tra le piate più coltivate in appartamento, appartengono alla famiglia della aracee, come ad esempio le comuni calle bianche da giardino; le somiglianze tra i due generi sono molto ...
  • Asparagus densiflorus Questo genere riunisce alcune decine di specie di piante, alcune delle quali vengono utilizzate come ortaggi visto che producono un frutto commestibile, l'asparago, altre invece sono coltivate come pi...
  • Clivia miniata fiori La clivia è una pianta erbacea, con radici rizomatose, originaria del Sud Africa; in Italia tipicamente se ne coltiva una sola specie, clivia miniata, ma è possibile reperire in vivaio anche esemplari...
  • Begonia La begonia appartiene alla famiglia delle begoniaceae ed è diffusa in tutte le regioni, da quelle tropicali a quelle temperate calde. Ne esistono circa 900 specie, di cui la maggior parte perenni, che...


Annaffiature

orchidea Per quanto riguarda le annaffiature, irrigare regolarmente le orchidee Thelymitra, evitando di lasciare ristagni nel sottovaso e lasciando asciugare bene il terreno tra un'annaffitura e l'altra per evitare appunto la formazioni di marciumi radicali; da marzo a settembre fornire del concime specifico per orchidee ogni 10-15 giorni, mescolato all'acqua delle annaffiature per garantire una crescita ottimale. E' consigliabile ridurre le quantità di concime da somministrare alla pianta rispetto a quanto scritto sulla confezione. Basta poco prodotto per migliorare notevolmente la crescita dell'orchidea.


Terreno

orchidea Il terreno è un elemento fondamentale da tenere in considerazione per la crescita delle nostre piante. Grazie al terreno, le nostre orchidee possono acquisire le sostanze nutritive di cui hanno bisogno per svilupparsi. Per questo, la scelta del terriccio deve essere ponderata e realizzata sulla base delle specifiche esigenze delle nostre piante. Per quanto riguarda il terreno quindi, utilizzare un buon terriccio universale bilanciato, ricco di materia organica, alleggerito con pochi pezzetti di corteccia e con una minima quantità di sabbia o perlite. I tuberi tendono ad allargarsi, quindi gli esemplari coltivati in vaso vanno rinvasati ogni 2-3 anni, per fornire alle radici spazio sufficiente allo sviluppo.


Moltiplicazione

La moltiplicazione di questa orchidea avviene generalmente per seme; in autunno è anche possibile dividere i tuberi, avendo cura di lasciare alcune radici ben sviluppate per ogni porzione praticata.


Thelymitra: Parassiti e malattie

orchidea In genere questa orchidea non teme l'attacco di parassiti o di malattie. Attenzione ai ristagni idrici e alla formazioni di marciumi radicali che potrebbero compromettere lo sviluppo della pianta.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Con l'arrivo dei mesi freddi e l'accorciarsi delle giornate diradiamo le concimazioni: forniamo un fertilizzante specifico ogni 45-50 giorni.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO