Tiglio africano - Sparmannia africana

Generalità

Il tiglio africano è un piccolo cespuglio proveniente dall'Africa meridionale, coltivato per le foglie decorative e per la fioritura appariscente. Presenta grandi foglie verde brillante, cuoriformi, ricoperte da una tenera peluria, i fusti sono carnosi e tendono a lignificare con la crescita della pianta; solitamente raggiunge i due metri di altezza, ma può crescere ulteriormente se coltivata in condizioni particolarmente favorevoli. In primavera produce lunghi steli alla cui sommità sbocciano numerosi fiorellini bianchi, con stami gialli molto vistosi; per prolungare la fioritura è opportuno potare gli steli che portano fiori appassiti, in questo modo la sparmannia africana continuerà a fiorire fino all'inizio dell'estate.
fiori Sparmannia


Esposizione

Sparmannia pianta La sparmannia africana gradisce particolarmente i luoghi molto luminosi, anche se è bene tenerla lontana dai raggi diretti del sole, soprattutto nelle giornate più calde dell'estate, per evitare scottature sulle foglie. In estate si può tenere all'esterno, in giardino o su un terrazzo, in luogo semiombreggiato; in inverno è bene tenerla in casa o in una serra temperata, evitando di porla troppo vicina a fonti di calore.

La temperatura ideale per questo tipo di pianta è quella compresa tra i 7 e i 18 °C.


    Annaffiature

    fiori tiglio africano Per tutto il periodo vegetativo, da marzo a novembre, fornire abbondante acqua alla sparmannia africana, evitando di lasciar asciugare il terreno; nel periodo invernale è bene diminuire le annaffiature, attendendo che il terriccio asciughi un po' prima di fornire ulteriore acqua; nelle giornate più calde, ma anche nei casi in cui la pianta venga tenuta in luogo fortemente riscaldato, si consiglia di aumentare l'umidità ambientale, vaporizzando dell'acqua distillata su tutta la chioma. Controllare che non si formino ristagni idrici che possono risultare dannosi per questo genere di pianta.

    In primavera e in estate fornire al tiglio africano del concime per piante da fiore ogni 15-20 giorni, aggiungendolo all'acqua delle annaffiature.


    Terreno

    fiori sparmannia africana Questo tipo di pianta gradisce un terreno molto soffice, ricco di humus e ben drenato, in grado di evitare la stagnazione dell'acqua che risulta nociva per la salute di queste piante; poichè la crescita è vigorosa si consiglia di rinvasare la sparmannia africana ogni anno, soprattutto nei primi anni di vita della pianta, quest'operazione di può effettuare all'inizio della primavera o in autunno, avendo cura di potare leggermente le radici.


    Moltiplicazione

    La moltiplicazione del tiglio africano avviene per talea e per seme; in primavera si può anche intervenire dividendo i cespi di sparmannia africana, avendo cura di prelevare delle porzioni munite di alcune radici. Le talee si effettuano in primavera e vanno sistemate in un composto di torba e sabbia, in un luogo che abbia un buon grado di umidità e temperature costanti. Le piante, data la rapidità di crescita, vanno poi rinvasate in un contenitore con un buon terreno per consentirne lo sviluppo corretto.


    Tiglio africano - Sparmannia africana: Parassiti e malattie

    fiore tiglio africano Il tiglio africano teme particolarmente la cocciniglia, soprattutto se viene tenuto in ambiente poco aerato. Per contrastare il fenomeno è possibile procedere ad eliminare i parassiti con un batuffolo di cotone ed alcool, oppure lavando le foglie con acqua e sapone neutro, da risciacquare poi con cura. Nel caso la pianta sia piuttosto grande, è possibile intervenire con prodotti insetticidi specifici.





    Esposizione
    Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

     
    Sole pieno
    Annaffiature
    Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


    Tenere asciutto
    concimazione
    Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


    Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO