Casette per cani

Casette per cani

La tana rappresenta la sicurezza, il posto in cui nascondersi quando si percepiscono delle minacce, in cui riposare senza temere interferenze e una zona riparata in cui sostare, senza subire gli agenti atmosferici. Ma la tana è soprattutto il luogo in cui l'animale sa di avere la propria dimora e questo crea un giusto equilibrio nel suo stato psicologico, aiutandolo a crescere sano e felice. Per questo motivo, nel momento in cui decidiamo se ospitare il nostro cane in casa o all'esterno, optare per la tipologia adatta, di questo indispensabile accessorio, diventa molto importante. Se la scelta di una cuccia, da sistemare all'interno di un appartamento, dipende più che altro da un fattore organizzativo ed estetico, dettato dagli spazi che abbiamo a disposizione, dai nostri gusti personali e da quanto ci piace viziare il nostro cane, per le casette esterne la questione si complica e implica delle considerazioni che vanno valutate attentamente. In commercio esistono soluzioni di tutti i tipi, dai classici prefabbricati in legno, comodi ed ecologici, alle lussuose dependance e ai castelli in miniatura, chalet di montagna e riproduzioni in scala della villa padronale, costruite appositamente da aziende specializzate, per gli animali da compagnia appartenenti a personaggi famosi e noti per essere particolarmente eccentrici. Tuttavia, non è solo il lusso sfrenato a determinare il comfort che può offrire un box per cani considerato all'avanguardia. Alcuni, fra i modelli più tecnologicamente avanzati, offrono impianti elettrici, impianti di scarico, riscaldamento a infrarossi e vaschette per cibo e acqua poste all'interno, normalmente su una parete e facilmente ricaricabili dall'esterno. Ciò che comunque, ogni amorevole e responsabile padrone prende seriamente in considerazione, non è tanto l'estetica o gli optional tecnologici, quanto l'effettiva idoneità del prodotto. Una cuccia isolata male creerà notevoli problemi di salute al nostro amico peloso e non servirà allo scopo per cui è stata acquistata, un box con dimensioni non adatte alla stazza del cane, verrà quasi sicuramente rifiutato. Dunque, una casetta per cani, che sia considerata ottimale, dev'essere comoda non solo per l'animale, ma anche per chi se ne prende cura, dando a entrambi la giusta soddisfazione.
Casette per cani

CUCCIA CUCCE CANI GATTI PER ESTERNO GIARDINO MADE IN ITALY

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41,9€


Tipologie

Casette per caniLa tipologia classica prevede una struttura più o meno a parallelepipedo, con tetto spiovente e apertura frontale. Le caratteristiche comuni, presenti in qualsiasi tipologia di casette per cani, dovrebbero essere: almeno cinque centimetri sollevate dal suolo, isolamento termico, tetto spiovente o a una falda, per lo scarico delle acque piovane, una ventilazione idonea, l'essere state costruite con materiali atossici, niente spigoli vivi o ferramenta sporgente, come chiodi, viti o residui di lamiera e sbavature rigide della plastica. Una seconda apertura, che ci permetta di accedere confortevolmente all'interno, in modo da facilitare la pulizia e rendere igienico lo spazio dedicato al cane, è già prevista in molti modelli presenti sul mercato. Altro fattore importante è la dimensione della cuccia, che sia adeguata alla grandezza del nostro amico a quattro zampe. Un cane di piccola o media taglia non avrà problemi nell'accomodarsi in una casetta per cani di taglia grossa, ma, al contrario, un cane di taglia grossa avrà serie difficoltà nel riuscire a utilizzare una sistemazione stretta e scomoda. Un esempio di grandezza idonea prevede, per un cane alto al garrese 50cm (questa è l'altezza più comune per un animale di taglia media), una profondità di 70cm, una larghezza e un'altezza di 90cm circa. In questo modo avrete la certezza che il vostro cane possa trovare l'interno della cuccia comodo e non riscontrerà problemi nell'alzarsi in piedi e rigirarsi a suo piacimento. Sono disponibili sul mercato varie tipologie adatte a soddisfare tutti i gusti e tutte le tasche, prevedendo anche soluzioni alternative, che possono abbinare moduli con funzioni diverse, idonei per chi volesse, ad esempio, unire un ripostiglio per gli attrezzi, uno spogliatoio o una serra alla casetta per cani, in un'unica struttura. Le strutture multifunzione sono soprattutto consigliabili a chi non ha molto spazio a disposizione, ma non vuole rinunciare alla praticità che queste possono offrire.

    Home Idea Italia-Casetta per cani 332 x 117 cm

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 862€


    Materiali

    cucciaIl materiale plastico si gestisce più facilmente, si igienizza meglio e, se dotato della dovuta ventilazione, risolve molti problemi termo-isolanti. I fattori negativi si riscontrano nel tempo, dal momento che la plastica tende a ingrigire o ingiallire se posta all'esterno e l'usura del materiale stesso, a lungo andare, rende la struttura porosa ed esteticamente sgradevole. Il legno sarebbe preferibile sia alla plastica che al metallo, poiché quest'ultimo diventa freddo in inverno e trasmette eccessivo calore in estate, oltre a essere poco confortevole per l'animale. Tuttavia, il legno necessita di un isolamento fatto a regola d'arte, altrimenti tende a impregnarsi durante le piogge o le nevicate, con il rischio che si creino zone umide o, peggio ancora, funghi e muffe infestanti che possono provocare infezioni bronchiali, altre patologie respiratorie, dermatiti varie e offrono il terreno per la comparsa di parassiti. Per gli amanti del bricolage esistono in commercio kit di montaggio già predisposti, che danno la possibilità di costruire la casetta per Fido in modo simpatico ed economico. Poche viti, tasselli e pannelli possono creare la struttura di base, alla quale poi andranno applicati i materiali isolanti e l'impermeabilizzazione del tetto. Per chi volesse aggiungere un extra, è anche possibile montare una piastra alimentata a 12 volt da inserire nel pavimento, abbinabile a un timer adatto a programmare le ore di calore erogate nel corso della giornata. Alcune aziende leader hanno inserito, nel catalogo dei propri prodotti, anche sistemi di montaggio che non prevedono alcun utilizzo di chiodi o viti, ma combinazioni a incastro che facilitano la realizzazione della struttura, garantendo un' ambiente più sicuro per il cane.


    Consigli utili

    Nel caso si volesse procedere al “fai d te”, potrebbe essere utile sapere che il legno di pino è il più idoneo per la struttura che si vuole costruire e sono consigliabili pannelli da 3 cm, con un'intercapedine di coibentazione già predisposta. Pitturate il materiale con impregnanti da esterno, assicurandovi che siano atossici. Se dotate l'apertura, dalla quale passa il cane, di una tendina cerata, fate in modo che sia leggera, ma impermeabile allo stesso tempo. Riparerete in questo modo l'animale dagli spifferi e dalla pioggia, quando questa cade di traverso, senza impedirgli comunque il passaggio. In commercio si trovano cucce già dotate di un pannello basculante, che sostituisce la tendina. Un comodo cuscino morbido lo farà sentire sicuramente più a suo agio e se volete esprimere la vostra creatività, realizzare una veranda, direttamente costruita sul davanti o sul fianco della casetta, darà modo al cane di godere di un fresco posto all'ombra nei periodi estivi. Personalizzate la cuccia applicandovi targhe o altre decorazioni, ma sempre all'esterno e avendo cura che non siano facilmente raggiungibili e di conseguenza masticabili da Fido. Per rendere più gradevole la struttura si possono ridipingere le pareti esterne con colori vivaci o pitture a tema, così da soddisfare anche i vostri gusti personali ed eventuali esigenze estetiche, dettate dal contesto ambientale. Inoltre è possibile ricoprire anche il tetto e per chi è un esperto, nel campo dei materiali di costruzione, la scelta è piuttosto varia e spazia dalle tegole bituminose alle lastre in beola. Soprattutto, disponete la struttura il più vicino possibile alla porta d'ingresso, in modo da non dover prendere ogni volta l'ombrello, in caso di pioggia, quando arriverà l'ora di portare al vostro fedele amico la sua pappa.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO