Lagestroemia - Lagerstroemia

Generalità

piccolo albero o arbusto a foglie caduche proveniente dalle zone tropicali dell'Asia e dell'Australia, in natura può raggiungere i 10-15 metri di altezza. Ha foglie ovali, appuntite, verde brillante, divengono giallo-arancio prima di cadere in autunno; il tronco è marrone, molto liscio, con chiazze di colore più chiaro e più scuro. In estate produce piccoli fiori di colore rosa, viola, bianco o rosso, che ricoprono gli apici dei rami, riuniti in racemi piramidali. A fine estate porta piccoli frutti tondeggianti. I rami hanno andamento sinuoso e contorto, e rendono la pianta molto decorativa anche in pieno inverno. Abbastanza apprezzata come pianta da bonsai, può essere consigliata anche ad un principiante.
Lagestroemia bonsai

FORBICI DA POTATURA PROFESSIONALI - Cesoie per Potare da Giardino per la Cura di Piante, Siepi ed Alberi da Frutto, Comoda e Versatile Cesoia Manuale ideale per piccoli & grandi Lavori di Giardinaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,97€
(Risparmi 3,02€)


Potature

Lagestroemia bonsai potare leggermente in primavera, prima della comparsa dei boccioli, le potature drastiche vanno praticate in autunno, per favorire la produzione di boccioli in primavera; all'inizio del periodo vegetativo e in autunno cimare i germogli, lasciando 2-3 foglie. Il filo metallico si applica prima della comparsa dei fiori e dopo la fioritura, per tutto l'arco dell'anno.

  • Cisso  Genere a cui appartengono alcune decine di specie di piante rampicanti, originarie dell'Australia, e delle zone tropicali dell'Asia; a questo genere appartenevano anche alcune specie succulente, caudi...
  • Cissus Anche detti viti australiane, in effetti i cissus appartengono alla stessa famiglia della vite; il più coltivato in appartamento, cissus antartica, proviene appunto dall'Australia, le altre specie son...
  • Wax flower Il nome comune di questa pianta, fiore di cera, è dovuto all'aspetto ceroso dei petali; sviluppa un piccolo arbusto, che difficilmente supera i 2-3 metri di altezza se coltivato in piena terra. Il nom...
  • Nothofagus fogliame Il Nothofagus betuloides è un genere costituito da circa trenta specie di alberi di media grandezza, originari dell’America meridionale, dell’Australia e della Nuova Zelanda. Le specie originarie del ...

FOREVER GINKGO PLUS

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Esposizione ed annaffiature

Esposizione: la lagerstroemia si pone in luogo molto luminoso, anche se in estate è bene ombreggiarla nelle giornate più calde. Non teme il freddo, ma è opportuno proteggerla se le gelate invernali sono troppo persistenti; evitare posizioni eccessivamente ombreggiate.

Annaffiature: durante il periodo vegetativo, da aprile a ottobre, fornire acqua spesso e con regolarità. In inverno diradare le annaffiature. Concimare in primavera e in estate ogni due settimane.


Terreno

utilizzare un terreno sciolto, ricco e ben drenato; si può preparare un substrato adatto a queste piante mescolando due parti di terriccio da compostaggio, una parte di torba, una parte di sabbia e una parte di argilla. In genere le lagestroemie non hanno crescita rapidissima, ma è comunque bene rinvasare gli esemplari giovani ogni 2-3 anni, alla fine dell'inverno.


Lagestroemia - Lagerstroemia: Moltiplicazione e malattie

Moltiplicazione: in primavera è possibile seminare le lagestroemie in un composto di sabbia e torba in parti uguali, i semenzai vanno tenuti in luogo riparato, abbastanza luminoso e umido, fino a germinazione avvenuta. Verso la fine dell'estate è posibile prelevare gli apici semilegnosi dei rami per propagare la pianta per talea; le talee di lagestroemia non radicano con grande facilità, è quindi consigliabile utilizzare dell'ormone radicante e produrre numerose talee.

Parassiti e malattie: queste piante vengono colpite dalla cocciniglia farinosa, dagli acari e dagli afidi; talvolta durante la fioritura i racemi si ricoprono di oidio.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Il terreno si mantiene asciutto, inumidendolo leggermente una volta al mese, o anche meno. In genere se il clima è rigido non è necessaio annaffiare durante i mesi invernali.


Tenere asciutto
concimazione
In inverno è consigliabile sospendere, o ridurre drasticamente, le concimazioni; infatti un eccessivo sviluppo di vegetazione tenera e di nuovi germogli esporrebbe eccessivamente le piante al rischio di gelate.


Esigenze della piante a dicembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO