Pino, Pino a cinque aghi - Pinu pentaphylla

Generalità

conifera sempreverde originaria dell'Asia, e in particolare del Giappone; in natura questi alberi possono raggiungere i 25-30 metri di altezza. Ha tronco eretto, con corteccia liscia negli esemplari giovani, che diviene spessa e rugosa con gli anni; la chioma è piramidale, molto densa e ramificata, tende ad arrotondarsi leggermente negli esemplari maturi; gli aghi sono di colore verde-bluastro e si raggruppano in mazetti di cinque, come suggerisce il nome. Produce infiorescenze di dimensioni contenute e in seguito piccole pigne di colore marrone scuro. Questa conifera è abbastanza consigliabile per i principianti, poichè di coltivazione facile, anche se può essere difficoltoso mettere in forma i rami e contenere la crescita degli aghi, esistono però nmerose cultivar, alcune delle quali con aghi di piccole dimensioni.
Pino bonsai


Potatura ed esposizione

Pino bonsaiPotatura: cimare i germogli quando sono ancora chiusi, all'inizio della primavera; le potature di formazione si praticano in autunno o a fine inverno. Il filo metallico si può posizionare nei mesi freddi dell'anno.

Esposizione: porre in luogo soleggiato e ben ventilato; nei mesi più caldi dell'anno è bene trasferire in luogo ombreggiato, per evitare un'eccessiva insolazione e temperature elevate; generalmente queste conifere non temono i freddi invernali, anche se in casi di gelate molto intense e prolungate è bene coprire il vaso con tnt.

  • Poligala myrtifolia al genere polygala appartengono decine di specie di piante erbacee perenni, diffuse anche sul territorio italiano allo stato selvatico; nei vivai è più facile trovare Polygala myrtifolia, detta anche ...
  • Portulacaria afra arbusto succulento sempreverde, originario dell'Africa meridionale; in natura può raggiungere i 2-3 metri di altezza, mentre in vaso si mantiene al di sotto dei 50-70 cm. Ha il portamento di un piccol...
  • Murraia bonsai pianta sempreverde originaria dell'Asia, con corteccia di colore marrone chiaro, setosa al tatto. In estate produce fiori bianchi molto profumati, seguiti da frutti giallo-rossi, oblunghi, che ricord...
  • bonsai picea conifera sempreverde dall'aspetto imponente, diffusa in Europa e in nord America, in natura può raggiungere anche i 40-45 metri di altezza; è l'abete che più spesso viene utilizzato come albero di nat...


Annaffiature

Annaffiature: da marzo a ottobre annaffiare regolarmente, attendendo che il terreno asciughi in superficie tra un'annaffiatura e l'altra; nei mesi freddi è preferibile diradare le annaffaiture, fornendo acqua solo quando il terreno è ben asciutto. Nei mesi di maggiore sviluppo vegetativo è bene fornire del concime universale ogni 10-15 giorni. In estate è bene vaporizzare spesso la chioma con acqua demineralizzata.


Terreno

i pinus pentaphylla amano i terreni ben drenati, sciolti e soffici, possibilmente con ph un poco acido; è bene utilizzare un composto costituito da una parte di torba, una parte di argilla e una parte di sabbia. Queste piante crescono abastanza rapidamente nei primi anni, vanno quindi rinvasate, all'inizio della primavera, ogni 2-3 anni, evitando di accorciare troppo le radici.


Pino, Pino a cinque aghi - Pinu pentaphylla: Moltiplicazione e malattie

Moltiplicazione: si possono propagare per seme, all'inizio della primavera; spesso questi pini sono frutto di innesto.

Parassiti e malattie: fare attenzione agli afidi ed agli acari; i pinus pentaphylla sono soggetti a malattie fungine che copiscono l'apparato radicale.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare con regolarità, ogni 6-7 giorni, bagnando il terreno a fondo, ma attendendo che il substrato asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra; evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso.


Tenere Umido
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO