Quercia, Farnia - Quercus

Generalità

albero di dimensioni cospicue originario dell'Europa. Queste piante hanno crescita lenta e sono molto longeve; hanno fusto possente, molto ramificato, con chioma tondeggiate, piramidale o disordinata; la corteccia è scura, profondamente fessurata negli esemplari di alcuni anni di età. Le foglie sono lobate, cuoiose, di colore verde scuro, lucide, divengono color bronzo in autunno, prima di cadere. Con gli anni diventano esemplari maestosi, anche se spesso i bonsaisti preferiscono coltivare piccole querce mantenendole di dimensioni contenute. In genere queste piante sono di coltivazione abbastanza difficoltosa e sono sconsigliate ai principianti, poichè le potature vanno effettuate in modo molto oculato e non è sempre facile ottenere foglie di dimensioni contenute.
Quercia bonsai


Potature

le querce si potano in autunno o a fine inverno, evitando interventi troppo drasitici, che potrebbero provocare eccessivo stress alla pianta; durante il periodo vegetativo si cimano i germogli, lasciando un paio di piccole foglie. La defogliazione, totale o parziale, è sconsigliata, poichè tende a produrre foglie di grosse dimensioni.

  • Evonimo  L’evonimo (detto anche fusaggine) è uno degli arbusti più diffusi nei giardini: le specie a foglia persistente sono un classico per creare belle siepi. Quelle caduche vengono apprezzate per i bei frut...
  • Ginestrone  L'Ulex europaeus o ginestrone è un arbusto sempreverde di medie dimensioni, diffuso nell'area mediterranea; gli esemplari adulti possono raggiungere i 3-4 metri di altezza, ma è possibile mantenere l...
  • cyclamen europaeum PRIMULACEAECYCLAMEN EUROPAEUM L.CiclaminoPianta alta 5-15 cm, con tubero globoso depresso. Foglie contemporanee ai fiori, cuoriformi rotondeggianti denticolate o intere. Fiori profumati, c...
  • trollius europaeus RANUNCULACEAETROLLIUS EUROPAEUS L.Bottone d'oroPianta alta 10-60 cm, velenosa. Foglie palmato partite. Fiori solitari giallo oro; sepali numerosi (5 - 15) petaloidei formanti un globo, pet...


Esposizione,annaffiature e terreno

Esposizione: porre in luogo soleggiato, ricordandosi di spostare la pianta a mezz'ombra durante i mesi più caldi dell'anno. Gli esemplari giovani, o con contenitori molto piccoli, necessitano una protezione delle radici nei mesi con temperature rigide.

Annaffiature: da marzo a ottobre annaffiare regolarmente, lasciando asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra. Durante il periodo vegetativo fornire del concime per piante verdi, ogni 15-20 giorni, utilizzando una dose dimezzata rispetto a quella consigliata sulla confezione.

Terreno: le querce necessitano di un terreno leggero e ricco, molto ben drenato; si prepara mescolando una parte di torba, una parte di argilla e una parte di sabbia; si consiglia di rinvasare ogni 2-3 anni, visto che le piante crescono molto lentamente.


Quercia, Farnia - Quercus: Moltiplicazione e malattie

Moltiplicazione: avviene in genere per seme, in autunno; se si desidera seminare in primavera è consigliabile lasciare i semi per almeno 10-15 giorni in frigorifero, per simulare la stagione invernale. In genere, vista la lentezza nello sviluppo, si tende a prelevare esemplari adatti alla coltivazione bonsai direttamente in natura.

Parassiti e malattie: i giovani alberi di quercia tendono ad ammalarsi molto frequentemente di oidio, soprattutto se sono in luogo con scarsa aerazione.


  • farnia La farnia, nome largamente diffuso per quercus robur, o anche quercus peduncolata, è un albero di media grandezza, appre
    visita : farnia
  • quercia bonsai Tutti ormai conosciamo i bonsai, dei veri e propri alberi in miniatura, che possono essere coltivati all’ interno di vas
    visita : quercia bonsai



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO