bonsai carmona

vedi anche: bonsai

bonsai carmona

Il Bonsai Carmona, denominato anche tè del Fukien o tè coreano, è una piccola pianta sempreverde, originaria della Cina e molto diffusa nei paesi dell’Asia meridionale. A seconda della grandezza del fogliame, è presente in due varietà: Carmona microphylla e Carmona macrophylla.
bonsai <em>carmona</em>


CENNI STORICI E CARATTERISTICHE

La Carmona giunge oggi in Italia solo come bonsai ed è particolarmente apprezzata proprio per le sue forme proporzionate, poiché le foglie di piccole dimensioni si adattano perfettamente alla struttura miniaturizzata del tronco. Tuttavia, l’arbusto può raggiungere in natura anche i dieci metri di altezza e cominciò a essere importato nel nostro continente circa 150 anni fa, prevalentemente nei paesi caldi, per scopi ornamentali nella formazione di parchi pubblici. Soprattutto in passato, la Carmona fu anche oggetto di interesse commerciale a causa del suo legname, che è particolarmente pregiato e adatto alla costruzione di utensili e ruote; attualmente la pianta viene utilizzata nelle Filippine per ricavare dalle sue foglie una bevanda sostituiva del tè.

Dal punto di vista strutturale, il bonsai Carmona possiede rami contorti, una corteccia di colore grigio-marrone, ruvida negli esemplari maturi, e foglie sessili di piccola dimensione, di forma ovale e di colore verde scuro, lucide e ruvide al tatto. In primavera produce piccoli fiori bianchi, contraddistinti da infiorescenze cimose, a pannocchia, e dal calice a cinque divisioni; alla fine dell’estate produce piccoli frutti tondeggianti, di colore verde al momento dello sviluppo e che diventano poi rosso-violacei.

  • carmona Salve ho ricevuto un bonsai in regalo e vorrei sapere notizie piu particolari rispetto a quello che ho letto sul vostro sito, che ritengo molto molto utile: Posso rivolgermi a voi o all'esperto di com...
  • bonsai Salve!Volevo chiedere una cosa: mi sto appassionando molto ai bonsai, ma è una cosa appena nata e vorrei sapere come si fa a farli, basta prendere delle piante normali o c'è bisogno di piante partic...
  • ficus bonsai SECONDO VOI E' POSSIBILE CREARE DELLE TALEE DA UN'ALTRO BONSAI?...
  • Biancospino bonsai genere che comprende 100-150 specie di arbusti o piccoli alberi a foglia caduca, originari dell'Europa, dell'Africa settentrionale, dell'Asia e del nord America; generalmente si coltivano come bonsai ...


ESPOSIZIONE, ANNAFFIATURA E CONCIMAZIONE

bonsai carmona Il bonsai Carmona si trova in commercio con grande facilità, ma è un esemplare molto delicato che necessita di attenzione e cura costanti. Trattandosi di un arbusto di origine tropicale, teme il freddo ed è adatto a un clima caldo e umido, dunque viene identificato come pianta da interno. Non bisogna esporlo alla luce diretta del sole, né tenerlo troppo vicino ai caloriferi e alle fonti di calore, ma va posizionato in un luogo molto luminoso, in cui vi sia una temperatura compresa tra i 15° e i 24° C. Dalla primavera in poi può essere collocato in giardino o sul terrazzo, ma durante la stagione calda è bene collocarlo in un luogo riparato e in ombra.

La carenza d’acqua è una delle principali cause di moria delle Carmone, dunque il bonsai va innaffiato con abbondanza e regolarità, avendo premura di effettuare l’operazione nelle ore serali. Poiché l’appartamento è tendenzialmente un luogo secco, bisogna assicurarsi che il terreno resti sempre un po’ umido ed è consigliato, nelle giornate calde, nebulizzare le foglie con dell’acqua distillata. Tuttavia, poiché la pianta non ama i ristagni d’acqua, è necessario tenere sotto controllo il drenaggio e non lasciare acqua stagnante nel sottovaso, aspettando che il terreno si asciughi tra un intervento e l’altro. La tecnica migliore per l’innaffiamento è senza dubbio quella ad immersione, ponendo il vaso in un’ampia bacinella riempita d’acqua fino al bordo; facendo attenzione a non bagnare le foglie, bisognerà estrarre la pianta quando la superficie del terreno risulterà umida in maniera uniforme e lasciar scolare per qualche minuto.

Per ripristinare i nutrienti necessari alla corretta crescita, che tendono a esaurirsi rapidamente nella limitata quantità di terreno di un bonsai, in primavera e in estate bisogna effettuare interventi di concimazione con cadenza mensile, aggiungendo concime liquido nell’acqua dell’innaffiatura e bagnando il terreno prima di effettuare l’operazione. Tuttavia, bisogna prestare particolare attenzione alle dosi: un eccesso di concime potrebbe causare l’insorgere di ingiallimenti e macchie sulle foglie. Se quest’inconveniente dovesse presentarsi, è consigliato dimezzare la quantità e raddoppiare la frequenza della somministrazione oppure sostituire la tipologia di concime, scegliendone uno a cessione lenta.


RINVASO E POTATURA

bonsai carmonaOgni due anni, all’insorgere o al termine dell’estate, per favorire la crescita delle radici capillari e correggere la conformazione del bonsai, bisogna procedere con il trapianto, sostituendo il vaso e il substarto e riducendo la massa delle radici legnose. Poiché la Carmona è una pianta da fiore, è particolarmente indicata la scelta di un terriccio argilloso, composto per metà da terriccio universale, per il 20% da torba e per il 30% da sabbia.

Il momento più adatto alla potatura è l’inizio della primavera, ma gli interventi non eccessivamente incisivi e stressanti si possono effettuare durante tutto l’arco dell’anno. Quando si effettua una potatura di formazione, è necessario utilizzare delle forbici specifiche (il bonsai Carmona non tollera la pinzatura manuale) e, soprattutto, medicare le ferite dei rami più grandi con crema cicatrizzante. In ogni caso, la potatura più applicata è quella di sfoltimento, che mira a eliminare i rami spezzati, sproporzionati, o cresciuti in maniera disordinata, e accorciando i germogli troppo lunghi.


PATOLOGIE

Gli agenti patogeni che solitamente attaccano il bonsai Carmona sono i parassiti animali come afidi, cocciniglie e ragno rosso, contro i quali si consiglia di agire tempestivamente alla comparsa dei primi sintomi. Poiché le foglie sono particolarmente sensibili alle sostanze chimiche, prima di ricorrere all’uso di un insetticida è consigliato agire manualmente o con l’ausilio di uno spazzolino, rimuovendo gli insetti e le macchie o incrostazioni. Per prevenire l’attacco dei parassiti è particolarmente indicata la vaporizzazione della chioma con una soluzione a base di olio di pino.



  • carmona piccola pianta o arbusto sempreverde tropicale, originario dell'Asia meridionale, chiamato anche the del Fukien o the co
    visita : carmona
  • pianta bonsai Viene chiamato ficus ginseng il Ficus retusa (o Ficus microcarpa) coltivato a bonsai, questo perché la pianta sviluppa u
    visita : pianta bonsai

COMMENTI SULL' ARTICOLO