Colimbia solida - Corydalis solida

Generalità

La Corydalis solida è una bulbosa perenne originaria dell'Europa e dell'Asia; al genere corydalis appartengono circa venti specie di piante erbacee perenni, bulbose e non. In primavera producono un piccolo cespo, alto 20-40 cm, di foglie di colore verde medio, finemente divise, che ricordano il fogliame della dicentra spectabilis. In primavera inoltrata dal cespo di foglie si ergono sottili fusti scuri, rigidi ed eretti, che portano piccoli mazzi di fiori tubolari, leggermente profumati, nei toni del rosa e del blu. All'inizio dell'estate ai fiori seguono i frutti, piccole silique contenenti i semi fertili. In genere all'arrivo del caldo di luglio il fogliame dissecca e la pianta va in riposo vegetativo, spesso le foglie spuntano nuovamente in autunno, per poi disseccare nuovamente in caso di gelo intenso. Viene anche chiamata colimbia solida.
corydalis


Esposizione

corydalis 2 Queste bulbose preferiscono posizioni al riparo dai raggi del sole, in ombra parziale o completa. La Corydalis solida è infatti una pianta bulbosa piuttosto resistente che predilige l'esposizione diretta al sole solo nelle ore più fresche del giorno. Non ama i raggi solari diretti, soprattutto durante le ore più calde e nelle giornate estive. E' sempre bene sistemare le piante di colimbia in un luogo riparato. Questa varietà è adatta ad essere coltivata principalmente in luoghi con clima temperato.

  • aquilegia Pianta erbacea perenne originaria della maggior parte delle aree temperate del nostro pianeta. Forma bassi ciuffi circolari di foglie divise, verde-blu, con picciolo molto lungo; in primavera dal cent...
  • Aquilegie L’aquilegia, comunemente chiamata Colombina, o anche ballerina, è una pianta perenne; esistono molte specie di questa pianta appartenente al genere delle ranunculacee, in quanto esistono aquilegie in ...
  • Esemplare di Russula virescens, ovvero verdone Il nome verdone è quello con cui viene più comunemente chiamato il fungo Russula virescens, una varietà molto ricercata dagli estimatori di questo gustoso frutto autunnale. Il termine virescens in lat...
  • Illustrazione di Russula cyanoxantha All'interno del genere fungino chiamato Russula, ci sono alcune specie commestibili, che si possono ridurre principalmente a quattro. Tra queste, ce n'è una che è detta Colombina buona e che si può co...


Annaffiature

colimbia Da marzo ad ottobre annaffiare periodicamente, con regolarità, cercando di mantenere il terreno fresco e leggermente umido. Per mantenere umidità ai piedi della pianta è consigliabile coprire il terreno con foglie o paglia così che sia più facile mantenere un certo grado di umidità, utile per la migliore crescita della corydalis solida. E' bene verificare che il terreno consenta il corretto drenaggio e che non permetta la formazione di ristagni d'acqua che sono piuttosto dannosi per la colimbia.


Terreno

colimbia1 Per la crescita vigorosa di questa pianta, coltivare in terreno leggero, abbastanza profondo, ricco in materia organica. Per uno sviluppo equilibrato dei bulbi e dell'apparato radicale il terreno non deve essere troppo pesante e permettere un buon drenaggio. E' bene, dopo la messa a dimora dei bulbi, coprire il terreno con materiale pacciamante in modo tale da garantire il corretto mantenimento di un buon grado di umidità.


Moltiplicazione

In primavera è possibile seminare i semi dell'anno precedente. In autunno è anche possibile prelevare i bulbilli che si formano con facilità attorno al bulbo iniziale. Se si decide per la semina, è opportuno sistemare i contenitori in cui vengono piantati i semi in un luogo protetto per permette la loro germinazione prima di metterli definitivamente a dimora. Con la tecnica della semina non è detto che le nuove piante abbiano le stesse caratteristiche della pianta madre per la variabilità genetica.


Colimbia solida - Corydalis solida: Parassiti e malattie

colimbia 1 In genere gli esemplari di questo tipo non vengono attaccati da parassiti o da malattie essendo di carattere rustico e resistente; è possibile, però, intervenire prima della fioritura con prodotti insetticidi ad ampio spettro per una migliore protezione. E' anche importante controllare che non si formino ristagni idrici che potrebbero provocare pericolosi marciumi radicali.





Esposizione
Pianta che predilige le posizioni ombreggiate, evitare l'esposizione ai raggi diretti del sole.

 
Posizione ombreggiata
Annaffiature
Consigliamo di annaffiare la pianta solo se il terreno è completamente asciutto, evitando gli eccessi.


Tenere Umido
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO