Eritronio - Erythronium

Generalità

Il genere Erythronium comprende numerose specie di piante perenni bulbose, originarie dell'America settentrionale, dell'Asia e dell'Europa centrale. I bulbi sono ricoperti da squame, e producono 1-2 grandi foglie, tondeggianti, scure, variegate di verde chiaro o di marrone; a partire dal secondo anno dall'interramento dalle foglie si innalza un corto fusto su cui sboccia un grande fiore singolo, simile al giglio, di colore bianco, giallo, arancione, rosa o viola, a seconda della specie e della varietà, generalmente con il centro di colore contrastante. La fioritura dura da marzo a maggio; i bulbi di Erythronium tendono a produrre nuovi germogli ogni anno ed a tappezzare tutto il terreno a loro disposizione. Per questo motivo, in genere, le piante di Erythronium, si coltivano in piena terra così che possano riprodursi al meglio e avere tutto lo spazio necessario, non avendo poi particolari problemi ad essere esposte alle temperature invernali. Sono piante bulbose di facile coltivazione che non richiedono particolari accorgimenti.
erythronium revolutum


Esposizione

erythronium californicum Queste bulbose necessitano di posizioni all'ombra o a mezz'ombra; preferiscono temperature miti in primavera e in estate, e sopportano le alte temperature estive a patto di essere in luogo riparato dal sole diretto. Generalmente non temono il freddo invernale, essendo in riposo vegetativo, ma è comunque consigliabile pacciamare il terreno nei periodi più freddi dell'anno, utilizzando paglia e concime organico. L'Eritronio necessita di ricevere alcune ore di luce diretta, ma solo nelle ore più fresche della giornata, per questo va posto in posizione semi ombreggiata.

  • Eritronio L'Erythronium dens canis, o eritronio è una bulbosa molto elegante della famiglia delle Liliacee; il dente di cane appartiene ad un genere diffuso prevalentemente in europa ed in Asia; poche specie so...
  • Eremoro  L'Eremurus o eremoro è una varietà di bulbosa originaria dell'Asia centrale appartenente alla famiglia delle Liliacee. Il suo bulbo si caratterizza per essere una radice tuberosa che presenta 2 o 3 ge...


Annaffiature

erythronium kondo Nel periodo vegetativo, da febbraio-marzo a luglio annaffiare abbondantemente, mantenendo il terreno leggermente umido; da giugno in poi diradare le annaffiature, fino a sospenderle completamente quando le foglie cominciano ad ingiallire. In primavera fornire del concime per piante da fiore, sciolto nell'acqua della annaffiature oppure in granuli da spargere sul terreno.


Terreno

eritonio japonicus Le piante di Eritronio amano terreni sciolti, soffici e molto ricchi di materia organica. Preferiscono inoltre zone umide, mal sopportano la siccità e i terreni troppo drenati; i bulbi vanno interrati in autunno a circa 8-10 cm di profondità, lasciando altrettanto spazio tra l'uno e l'altro. Per evitare una crescita stentata e per favorire fioriture abbondanti si consiglia di dissotterrare periodicamente i bulbi e di trapiantare i bulbilli, in modo da lasciare più spazio tra un bulbo e l'altro.


Moltiplicazione

in autunno è possibile staccare i bulbilli di Eritronio che ogni bulbo produce con il passare degli anni; i piccoli bulbi vanno quindi interrati direttamente a dimora.


Eritronio - Erythronium: Parassiti e malattie

eritronio Fare attenzione all'oidio, che colpisce le foglie, e al marciume radicale. Infatti, pur prediligendo terreni non troppo drenati che possono asciugare troppo in fretta e luoghi leggermente umidi, la presenza di troppa acqua o umidità può risultare dannosa per queste piante. Se non si interviene con tempestività il bulbo può rapidamente marcire fino a portare alla morte della pianta. In caso si noti un'eccessiva umidità è possibile procedere con un trapianto del bulbo in terreno più idoneo, che consenta un drenaggio maggiore.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO