Ixia viridiflora

Generalità

L'Ixia viridiflora è una piccola bulbosa a foglie caduche originaria dell'Africa; i bulbi sono di piccole dimensioni, di forma tondeggiante, lievemente schiacciata e di colore chiaro. In primavera producono sottili foglie nastriformi, leggermente rigide, erette o arcuate, che raggiungono i 40-60 cm di lunghezza, di colore verde chiaro; in primavera inoltrata o in estate tra le foglie si ergono sottili fusti che portano una infiorescenza a pannocchia, costituita da piccoli fiori a stella; a secondo della specie i fiori hanno gola scura o meno, e sono di colore vario, dal rosa al giallo, dal bianco al lilla. La fioritura è abbastanza prolungata; in genere per garantire un buon effetto si tende ad interrare numerosi bulbi ravvicinati, in modo che le infiorescenze sbocciano "a mazzi". Queste bulbose vengono molto utilizzate anche per produrre fiori recisi, ed esistono infatti numerosi ibridi, dai colori appariscenti o dai fiori particolarmente grandi. Tra le più conosciute troviamo: I. viridiflora., I. flexuosa, I. maculata, I. Polystachya.
Ixia


Esposizione

Ixia Le specie di Ixia viridiflora si pongono a dimora in luogo soleggiato, preferibilmente protetto dal vento che potrebbe piegare i fusti floreali; queste bulbose non sono molto rustiche e gelate intense le rovinano irreparabilmente: è quindi opportuno coprire il terreno con paglia, oppure coltivarle in vaso per garantire loro una migliore protezione; altrimenti è possibile dissotterrare i piccoli bulbi in autunno, per porli nuovamente a dimora a fine inverno. E' importante comunque assicurare a queste piante sempre una buona luminosità.

  • Eremoro  L'Eremurus o eremoro è una varietà di bulbosa originaria dell'Asia centrale appartenente alla famiglia delle Liliacee. Il suo bulbo si caratterizza per essere una radice tuberosa che presenta 2 o 3 ge...
  • Hedychium pianta perenne rizomatosa, originaria dell'Asia; forma ampi cespi di lunghe foglie lanceolate, di colore verde scuro o verde bluastro, a seconda della specie. I densi cespugli possono raggiungere con ...
  • Ranuncolo  Fiore che era molto presente nelle nostre zone anche allo stato selvatico, il ranuncolo è molto ricercato per l'epoca di fioritura, che è una delle prime. Fiorisce in tardo inverno o agli inizi della ...
  • Agapanto  L'Agapanthus o Agapanto è una pianta con radici rizomatose, originaria dell’Africa meridionale; in primavera produce lunghe foglie nastriformi, larghe 4-6 cm e lunghe fino 50-80 cm, che danno origine...


Annaffiature

ixia L'annaffiatura delle piante è fondamentale per una corretta crescita delle nostre specie coltivate. Per questo è importante conoscere le esigenze colturali di ciascuna. Queste specie non hanno particolari necessità di acqua. Tendono infatti ad accontentarsi delle piogge, ma in caso di prolungata siccità estiva è preferibile intervenire annaffiando con moderazione. Quando i bulbi cominciano a produrre il fogliame è consigliabile arricchire il terreno con del concime granulare a lenta cessione, specifico per bulbose.


Terreno

Il tipo di terreno ideale per la coltivazione delle nostre piante di ixia è un terriccio abbastanza ricchi, molto soffice e leggere; possiamo utilizzare del terreno di giardino, alleggerito con del terriccio universale e poca sabbia. Si adattano comunque a crescere in qualsiasi tipologia di terreno. Attenzione ai ristagni idrici che potrebbero causare muffe.


Moltiplicazione

ixia pianta La riproduzione avviene nel periodo autunnale. In questa stagione infatti si dissotterrano i bulbi ed è possibile interrarli separatamente in primavera. E' possibile procedere anche alla semina, nel mese di marzo, in un recipiente con letto caldo, circa 15° C e semi.

15° C. La fioritura avverrà 2-3 anni dopo circa. I colori variabili dei fiori dipendono dalle varietà ibride da cui derivano.


Ixia viridiflora: Parassiti e malattie

Per quanto riguarda parassiti e malattie che potrebbero attaccare la nostra Ixia viridiflora , possiamo affermare che occasionalmente gli afidi si annidano alla base dei fiori. Inoltre, è possibile che si sviluppino funghi di tipo patogeno di differenti tipologie a causa di ristagni idrici ed eccessiva umidità del terreno. Attenzioni e cure adeguate possono prevenire il problema.





Esposizione
Pianta che necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare.

 
Sole pieno
Annaffiature
1-2 volte a settimana annaffiamo il terreno, ma solo se è perfettamente asciutto da almeno un giorno; in presenza di precipitazioni o di nuvolosità possiamo sospendere le annaffiature. Ricordiamo in ogni caso che le annaffiature devono essere praticate bangnado in profondità il terreno, evitando però ristagni idrici.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno è consigliabile fornire una buona dose di concime per piante da fiore, ricco in azoto e potassio, per favorire lo sviluppo del fogliame ed una abbondante fioritura; utilizzando un concime a lenta cessione una sola applicazione sarà sufficiente; con altri tipi di concime è necessario ripetere l'applicazione ogni 8-10 giorni, utilizzando una dose dimezzata rispetto a quella consigliata in etichetta.


Esigenze della piante a luglio in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO