Maggiorana - Origanum majorana

Generalità

La maggiorana è una specie di origano, il nome latino che la designa è infatti origanum majorana; come l'origano ha piccole foglie verdi, ovali o tondeggianti, ricoperte da una leggera peluria molto aromatiche se stropicciate; i piccoli fiori sono di colore rosato, e, come accade per l'origano, anche la maggiorana tende a produrre piccoli arbusti tondeggianti, che perdono il fogliame durante l'inverno, per ricominciare a germogliare in primavera, in modo da donarci ogni anno nuove tenere foglie. Le sue origini sono in Africa e in Asia, dove viene molto utilizzata, assieme al cugino origano, pur avendo un aroma più delicato. Ormai è presente, naturalizzata anche in Europa, e in particolare sulle coste del mediterraneo.

La maggiorana viene spesso utilizzata fresca, prelevandone i rami più giovani con l'aiuto di una forbice; le foglie possono però venire anche congelate, mantenendo tutto il loro delicato aroma. La maggiorana viene anche disseccata: in questo modo il profumo del fogliame cambia leggermente, pur restando molto aromatico.

maggiorana

Atlante illustrato delle piante medicinali e curative

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,3€
(Risparmi 2,7€)


Coltivazione

La coltivazione della maggiorana è semplice, già in febbraio possiamo seminarla in serra o in cassone caldo, diradando le giovani piantine e ripicchettando le piante all'aperto quando il clima comincia a scaldarsi, in aprile o maggio. All'inizio della primavera se ne trovano facilmente piantine già grandi in vivaio; volendo possiamo anche seminare direttamente a dimora in primavera. Le piante si posizionano in luogo ben soleggiato, e si annaffiano per i primi mesi di vita. Ben presto svilupperanno piccoli arbusti, che con il passare degli anni tenderanno anche a lignificare alla base; questi arbusti in genere non necessitano di grandi cure o di annaffiature, e, come accade per altre aromatiche, quali salvia o rosmarino, tendono ad accontentarsi dell'acqua delle piogge. A fine inverno è consigliabile potare gli arbusti a 10-15 cm da terra, in modo da ottenere un tappeto compatto di giovani germogli profumati. Se si vogliono ottenere più foglie è bene potare l'arbusto anche subito dopo la fioritura, per mantenerlo compatto.

Nelle zone dove l'inverno è decisamente molto rigido coltiviamo la maggiorana come annuale, oppure potiamola in autunno, fino al terreno, e pacciamiamo la zona sopra le radici, in modo da ripararle dal freddo intenso, e permettere alla pianta di rigermogliare in primavera. Può essere anche coltivata in vaso.

  • maggiorana Nome: Origanum majorana L. Raccolta: Nei mesi più caldi. Proprietà: Calmante, carmativo, stomatico, aromatico, espettorante, sedativo. Famiglia: Labiate. Nomi comuni: Persia, erba persega, sca...
  • maggiorana La maggiorana è una pianta erbacea, perenne, cespugliosa, originaria delle zone nord-occidentali africane e centrali asiatiche. Questa pianta appartiene alla famiglia delle Lamiaceae ed è conosciuta a...
  • Origano e Maggiorana Origano e maggiorana appartengono entrambi alla stessa specie, origanum; sono piccole piante perenni, originarie dell’Area mediterranea, dell’Asia e dell’Africa, molto utilizzate in cucina. Origanum v...
  • maggiorana La maggiorana è una pianta appartenente alla famiglia delle Lamiaceae e il termine scientifico che la identifica è Origanum Majorana. Originaria dell'Asia centrale e dei paesi nord-orientali del conti...

Come nascono le medicine. La scienza imperfetta dei farmaci. Dal giardino dei semplici al progetto razionale dei farmaci. Con e-book

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,48€
(Risparmi 2,02€)


Maggiorana - Origanum majorana: Utilizzo in cucina

La maggiorana viene utilizzata prevalentemente fresca, per insaporire sughi e insalate; essiccata invece viene usata al posto dell'origano, o assieme ad esso, per cucinare carni alla griglia, verdure, sughi contenenti pomodoro. Come accade per altre erbe, anche la maggiorana entra in quel fondamentale composto di erbe essiccate denominato "erbe provenzali".

Quando si prelevano le foglie per l'essiccazione, possiamo prelevarne anche i fiori, che risultano molto decorativi sul piatto di portata.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta direttamente ai raggi del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare eccessivamente; in genere è sufficiente fornire acqua ogni 15-20 giorni, o anche meno; più il clima è freddo e meno la pianta necessita di annaffiature; si consiglia di sospendere le annaffiature durante i periodi con temperature molto rigide.


Tenere asciutto
concimazione
In genere l'orto non viene concimato durante i mesi invernali, se si è già proceduto ad aggiungere al terreno del concime organico durante l'autunno; altrimenti si pratica una concimazione con stallatico a dicembre o a febbraio.


Esigenze della piante a dicembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO