Compresse arnica montana

Compresse arnica montana

L’arnica montana è una pianta dal fusto eretto e dritto, abbastanza robusto, che può raggiungere fino ai sessanta centimetri di altezza. Si tratta di una pianta medicinale che appartiene alla famiglia delle Asteraceae e che si trova tutto l’anno: si distingue tra le altre erbe per il suo aspetto “ghiandoloso" e per i suoi fiori giallo acceso che emanano un odore forte e gradevole. Ricorda vagamente la margherita, da cui si distingue per i petali più sottili e disordinati. E' molto diffusa sia in Europa che in Asia: predilige terre soleggiate e poco popolate, sia collinari che montane, e attualmente purtroppo è in via di estinzione.

L’arnica viene molto utilizzata nell’omeopatia, dove i suoi usi sono i più diversi e fanno capo alle straordinarie proprietà che quest’erba possiede: l’arnica è infatti un ottimo analgesico e un antinfiammatorio, indicato in casi di mal di gola, tosse, bronchite e in genere in tutte le forme influenzali. L’arnica è utilissima anche per trattare ecchimosi, ematomi, ferite varie e gonfiori, che dopo un trattamento a base di arnica si riducono sensibilmente.

A giovare dell’uso di questa straordinaria pianta sono anche i muscoli: l’arnica, infatti, si usa spesso nei casi di stiramenti, crampi, frequenti dolori muscolari e traumi derivanti da operazioni chirurgiche. Riducendo i gonfiori e lenendo eventuali ferite, l’arnica si dimostra un valido aiuto che tuttavia non presenta le controindicazioni della maggior parte dei farmaci. L’arnica montana si vende e si consuma prevalentemente in compresse: tuttavia è possibile trovare sul mercato anche tisane ed estratti di arnica seccata, venduti prevalentemente nelle erboristerie. Al loro interno, le compresse di arnica contengono una speciale soluzione a base di questa erba che è stata diluita centinaia di volte per ricavare la miscela omeopatica da usare come principio attivo medicinale, che può trovarsi in due diverse gradazioni, da 6 ch a 30 ch. Un’altra, sorprendente proprietà dell’arnica è quella di stimolare i globuli bianchi e quindi favorire il rapido riassorbirsi di ematomi e ferite.

arnica


Perché usare le compresse di arnica

compresse di arnicaLe compresse di arnica vanno prese per aiutare l’organismo a superare infortuni più o meno gravi, ferite, distorsioni o operazioni chirurgiche; avevo questa piante anche un effetto preventivo, essa è molto utile presa non solo dopo le operazioni, ma anche prima, per preparare il corpo ad affrontare al meglio lo shock dell’intervento chirurgico. In tal senso l’arnica è doppiamente utile poiché il suo effetto non si limita al corpo, ma influenza anche la psiche, rasserenando l’animo e consentendo di affrontare determinate prove con uno spirito migliore. La dose varia molto a seconda della patologia e dell’organismo: se ad esempio 5 ch vanno bene per alleviare la tensione a livello addominale o per combattere l’insorgenza di crampi, possono essere necessari per 30 ch per patologie che hanno a che fare con i denti o con i muscoli del viso. È importante non fare mai di testa propria, ma consultare sempre un medico: pur innocua, in dosi eccessive l’arnica presenta diversi effetti collaterali.


  • compresse Comprendono una miscela di principi attivi ed eccipienti in forma di polveri pressate. Gli eccipienti possono includere diluenti, leganti o agenti di granulazione, glidanti (che aiutano al deglutizion...
  • le compresse dimagranti Acquistarle è facile: erboristerie, farmacie ma anche supermercati propongono svariati prodotti che promettono di dare una mano nell'arduo compito di perdere peso.Queste compresse, pubblicizzate ovu...
  • compresse capelli Esistono diverse trattamenti naturale per contrastare la caduta dei capelli. Solitamente si tratta di integratori naturali a base di amminoacidi solforati e vitamine e si possono trovare generalmente ...
  • THE VERDE COMPRESSE L'estratto si ricava dalla pianta senza alcun processo di fermentazione e ossidazione, ma attraverso un procedimento di vaporizzazione e successiva essiccazione dei suoi elementi vegetali. In questo m...


Effetto delle compresse di arnica

compresse arnicaL’arnica è ricchissima di sesquiterpenici e flavonoidi, i principi attivi incaricati di lenire le infiammazioni e placare i dolori. Non solo: il suo effetto antiossidante la rende una pianta preziosa anche nella prevenzione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento. Il timolo, un olio essenziale dalle straordinarie proprietà antisettiche, e i carotenoidi sono anch’essi presenti in quantità massicce nell’arnica, che anni di studi scientifici hanno mostrato essere una pianta tra le più ricche di effetti benefici per l’organismo umano. Tuttavia quando si intraprende una cura a base di arnica è molto importante scegliere il dosaggio giusto affidandosi a un medico omeopatico. Tra una compressa da 6 ch e una da 30 ch c’è infatti una certa differenza: mentre la prima può essere usata per prevenire o curare di disturbi di lieve entità (sindromi parainfluenzali con qualche linea di febbre, mal di gola, tosse e dolori alle articolazioni), il dosaggio da 30 ch viene generalmente usato per problemi più seri, influenze aggressive oppure disturbi a carattere psicosomatico, che hanno origine psicologica e che sono da ricondurre allo stretto rapporto tra il corpo e la sfera emotiva.


Quando le compresse di arnica non vanno usate

L’artica non presenta particolari effetti collaterali, tuttavia ci sono persone più sensibili all’impiego di questo principio attivo. Ad esempio talvolta in concomitanza all’assunzione di arnica montana si può notare l’insorgere di mal di testa, bruciore di stomaco, palpitazioni e difficoltà nella respirazione: in tal caso è opportuno sospendere l’assunzione e consultare un omeopata. Questi disturbi sono dovuti alla presenza, nelle piante di arnica, di una minima quantità di elenanolidi, sostanze tossiche per il cuore. In alcuni individui i disturbi possono provocare idiosincrasia individuale. Quello che è importante sapere è che non è l’arnica in sé a essere tossica, bensì l’eccessiva quantità assunta. In commercio – nelle farmacie che vendono anche preparati omeopatici – si trova soprattutto l’Arnica Compositum Heel, venduta come blando antinfiammatorio. Il prezzo varia a seconda delle compresse contenute nella confezioni, ma in genere varia dai dieci sino a un massimo di diciotto euro. Sono molto usate anche le tintura di arnica e le pomate, più adatte a un uso topico del principio attivo: applicate su lividi ed ecchimosi, accelerano la guarigione favorendo il riassorbimento dell'edema.




COMMENTI SULL' ARTICOLO