le compresse dimagranti

E' DAVVERO TUTTO ORO QUELLO CHE LUCCICA?

Acquistarle è facile: erboristerie, farmacie ma anche supermercati propongono svariati prodotti che promettono di dare una mano nell'arduo compito di perdere peso.

Queste compresse, pubblicizzate ovunque ed acquistabili comodamente da chiunque senza ricetta medica, sono principalmente coadiuvanti. Cosa significa? semplice, si tratta di prodotti che danno una mano a coloro che per necessità o per motivi estetici vogliano ritrovare la forma perfetta, ma è bene tenere a mente che vanno associate ad una dieta equilibrata nonchè ad una costante attività fisica. Quest'ultima, oltre ad essere salutare, si rivela fondamentale per mantenere elastici i tessuti nonchè per rassodare, evitando antiestetici cedimenti.

Prima di acquistare qualsiasi prodotto o affidarsi ad una dieta ritagliata da una rivista (peggio ancora le diete fai da te!), sarebbe quindi bene rivolgersi al proprio medico curante o, in alternativa, visitare un dietologo. Un conto è dover perdere i due chiletti che ci ritroviamo addosso dopo le abbuffate del periodo natalizi, un altro è combattere l'obesità che purtroppo risulta essere uno dei problemi sanitari più gravi al mondo.

Posto che la responsabilità ed il buon senso devono sempre venire al primo posto, è sempre bene affidarsi a prodotti di qualità, meglio se naturali e privi di sostanze chimiche.

La perdita di peso associata ad uno stile di vita sano ed attivo risulta vincente, ma soprattutto costante nel tempo. Via libera all'aiuto delle compresse dimagranti se sicure ed approvate dal medico quindi, ma senza dimenticare di rivedere la propria dieta (cercando di non eccedere con le tentazioni) e muoversi almeno mezz'ora al giorno

le compresse dimagranti


IL BUON SENSO PRIMA DI TUTTO

dimagrireIniziamo subito con un consiglio: accertatevi sempre della sicurezza del prodotto che intendete acquistare. La regola di base da tenere presente quando si acquistano comprese dimagranti è sempre quella di rivolgersi prevalentemente a farmacia o, al limite, erboristerie. Fatevi consigliare ed optate per il prodotto più adatto alle vostre esigenze, assicurandovi che si tratti di un prodotto notificato dal Ministero Della Salute. Per essere certi della sicurezza del prodotto in questione, assicuratevi che il nome sia contenuto nell'apposito elenco presente sul sito ministeriale www.salute.gov.it.

Innanzitutto è bene operare una distinzione tra pillole dimagranti e quelle che vengono diffusamente (ed erroneamente) definite pillole dimagranti, quando si tratta in realtà di integratori. Questi ultimi sono disponibili un po' ovunque, addirittura nel supermercato sotto casa, a differenza delle vere e proprie pillole dimagranti per l'acquisto delle quali è necessaria la ricetta medica. Le pillole dimagranti vere e proprie non sono caramelle da ingerire in maniera del tutto incontrollata, ma la loro assunzione necessita di un dosaggio specifico che può essere individuato solo dopo un attento esame da parte del medicocurante e/o dietologo.

Si tratta di medicinali con effetti secondari da non trascurare. Purtroppo ormai i mass media hanno imposto canoni di bellezza in cui la magrezza occupa il primo posto della classifica, sebbene questa non sia sempre sinonimo di bellezza, nè di salute.

L'industria riesce a conquistare il pubblico riallacciandosi alla suddetta immagine, proponendo modelli estetici talvolta al limite, facendo leva sul desiderio di avvicinarsi sempre più a quell'immagine. Anche in questi casi i lati negativi non tardano a manifestarsi, tanto che è capitato fossero posti in commercio dei prodotti assolutamente nocivi per la salute. Molte pillole dimagranti, soprattutto quelle a base di sibutramina e di efedrina, sono state messe al bando perchè tra gli effetti collaterali figuravano ipertensione, tachicardia e palpitazioni. In alcuni casi ci si è imbattuti addirittura in anfetamine.

Non dimentichiamo quindi di essere prudenti. Sono noti casi di compresse dimagranti che, tra gli effetti collaterali, annoveravano perdite di memoria, malformazioni neonatali ed addirittura ideazioni suicidarie.


    le compresse dimagranti: IL MERCATO D'ORO DEI PRODOTTI DIMAGRANTI

    prodotti dimagrantiVediamo ora quali sono le compresse dimagranti legali in commercio, ricordando che l'acquisto è possibile unicamente dopo presentazione di una valida ricetta medica.

    Al primo posto troviamo quelle a base di orlistat (come Xenical). Si tratta di compresse che agiscono intervenendo sull'assorbimento dei grassi, ma non sono del tutto prive di controindicazioni ed effetti collaterali come incontinenza, flatulenza, urgenza fecale e deiezioni oleose.

    Qnexa è un'altro medicinale, recentemente finito sotto ai riflettori per una lunga serie di effetti collaterali piuttosto seri. Dopo essere stato ritirato dal commercio su ordine della Food And Drugs Administration, l'azienda produttrice ha effettuato nuove ricerche per meglio documentarsi in merito ai problemi derivanti dalla sua assunzione. Tale farmaco è quindi sconsigliato a donne in stato interessante o a chiunque voglia pianificare una gravidanza.

    Tra gli ingredienti presenti all'interno di Qnexa troviamo infatti anfetamine (il cui uso temporaneo è approvato per la perdita di peso), ma anche un antiepilettico (per donare un senso di sazietà) ed un'ulteriore sostanza appartenente alla famiglia delle anfetamine, il cui compito è quello di sopprimere l'appetito.

    Meglio dunque affidarsi alle mani di un espert erborista, capace di consigliarvi il prodotto più adatto e le modalità di assunzione di quest'ultimo. Le compresse dimagranti vanno infatti assunte con un'elevato quantitativo di acqua. Molti prodotti contengono infatti mucillagini che, al contatto con l'acqua, danno vita a una sorta di gel che prende forma a livello gastrico garantendo il senso di sazietà.

    Un possibile effetto collaterale è da individuarsi nel gonfiore a livello dello stomaco, gonfiore che può essere limitato assumendo prodotti a base di anice stellato e finocchio. Questi ultimi sono capaci di limitare il gas intestinale che si forma a causa della fermentazione.

    In erboristeria il panorama relativo agli integratori è vastissimo. Troviamo infatti integratori di fibre alimentari come quelli di cui abbiamo appena parlato, capaci inoltre di ridurre l'assorbimento di carboidrati e grassi, grazie all'azione esercitata a livello intestinale. Tra questi troviamo la crusca, i semi di psillio, il glucammano e il guar.

    Cacao, caffè, guaranà, tè nero e tè verde nonchè estratti di arancio amaro appartengono alla famiglia dei termogenici, il cui compito è quello di favorire la perdita di peso aumentando il metabolismo.

    Anche le alghe marine possono rivelarsi assai utili nella lotta ai chili superflui. Queste ultime sono ricche di sali minerali come ad esempio lo iodio, capaci di favorire l'attività metabolica ed attivare un effetto anoressizzante. Tra le alghe più comuni adatte a questo scopo troviamo l'alga bruna, l'alga di Kelp ed infine la laminaria. Quest'ultima è considerata l'alga marina per eccellenza, capace di favorire e stimolare l'energia vitale dell'organismo, oltre a ridurre la ritenzione idrica alla base degli inestetismi della cellulite.

    Nel caso delle alghe infine, sarà possibile abbinarle a piatti gustosi e cucinarle come contorno. Decisamente ipocalorico ma soprattutto salutare!



    COMMENTI SULL' ARTICOLO