proprietà alloro

vedi anche: Laurus nobilis

Le proprietà dell'alloro

Laurus nobilis: è questo il nome scientifico dell'alloro. Esso appartiene alla famiglia delle Lauracee e si trova nelle zone con clima temperato, in particolare sulle coste settentrionali del Mar Mediterraneo. In Italia la pianta cresce spontaneamente nelle regioni del Sud e viene coltivata nelle regioni del Nord. Nel corso della sua crescita può assumere l'aspetto di un cespuglio o di un albero e le sue foglie sono di colore verde e di forma ovale. I frutti della pianta sono di colore nero.

L'alloro viene utilizzato nel corso della cottura di diversi piatti, per conferire un aroma ai cibi su cui viene applicato. Oltre a poter essere usato nel campo della cucina e della gastronomia, questa pianta ha diverse proprietà benefiche. L'olio essenziale d'alloro, ad esempio, è noto per la sua azione positiva sul sistema nervoso e per i benefici che apporta nel campo della cura dei dolori reumatici. Questo tipo di olio può essere usato anche in caso di distorsioni e strappi muscolari. L'azione dell'alloro apporta però i suoi principali benefici all'apparato digerente: l'olio essenziale si prende cura dello stomaco, migliorando la digestione dei cibi e svolgendo un'azione calmante e tonificante sulle pareti dell'organo e una sorta di protezione delle mucose gastriche. Ma dove si può trovare questa pianta? Essa è disponibile nel corso di tutto l'anno, nonostante i mesi migliori per la raccolta delle foglie siano quelli estivi (in particolare luglio ed agosto), poichè in questo determinato periodo esse hanno un potere aromatizzante superiore. Per quanto riguarda i frutti dell'alloro è consigliato raccoglierli dopo settembre, in modo che possano maturare completamente prima di essere utilizzati. Le foglie fresche possono essere usate per la preparazione di pietanze. Per farle essiccare, invece, è necessario conservarle in un luogo ventilato e asciutto, lontano dai raggi diretti del sole, tenendo conto che una volta essiccate le foglie possono essere impiegate nel giro di un anno. Oltre questo periodo di tempo l'alloro perde il suo caratteristico ed intenso aroma.

alloro


Come utilizzare l'alloro in cucina

Come è stato brevemente accennato, uno degli utilizzi più conosciuti dell'alloro è l'utilizzo di questa pianta aramotizzante in cucina. Sono molti i piatti in cui può essere impiegato: esso può essere messo nel ragù di coniglio, nelle insalate di polpo e patate, nelle zuppe, in minestre, vellutate e brodi, nella preparzione di pesce e carne ( come branzino, salmone, coniglio, pollo, vitello, capretto).

L'alloro può essere anche utilizzato per creare un infuso d'alloro appunto, sfruttando le sue foglie. La preparazione è abbastanza semplice: occorre pulire con cura le foglie ed in seguito metterle in acqua distillata, precedentemente riscaldata fino al punto d'ebollizione. E' necessario poi filtrare il composto ed è consigliata l'aggiunta di vodka, di zucchero e di succo di limone.

  • Da millenni l'uomo ha trovato nelle piante preziosi alleati per l'igiene e la salute del suo corpo, ed anche dello spirito; già nei secoli passati i primi medici utilizzavano fiori, radici, foglie e c...
  • altea Il fiore dell’altea si presenta o di colore rosa o rosso porpora ed ha una corolla di forma regolare formata da cinque petali a forma di cuore. I frutti son appiattiti e a forma di disco e assomiglian...
  • anice verde L’anice verde è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Umbelliferae ed è originaria del Medio Oriente, ha una forma ovoidale ricca di semi di cui per distillazione si ottiene l’om...
  • anice stellato Questo sempreverde originario del bacino del Mediterraneo, si trova oramai quasi in ogni zona del mondo. Il nome botanico è Illicium verum e la pianta viene denominata anice stellato proprio perché pr...


Le proprietà medicinali dell'alloro

alloroCome già precedentemente accennato, l'alloro può essere utilizzato per la cura del corpo e della salute della persona. E' stato sinteticamente spiegato il suo utilizzo in rapporto ai problemi dell'apparato digerente ma può anche essere usato nella cura di raffreddori e influenze. Esso è un buon anticatarrale. Le bacche dell'alloro sono note per le loro proprietà curative, poichè contengono un olio prezioso ricco di sostanze benefiche. La polvere d'alloro, ottenuta dopo aver fatto essiccare e aver sminuzzato le bacche, assunta nella dose di un cucchiaino al giorno, è un aiuto contro l'influenza e i raffreddori, i problemi d'intestino e di stomaco, le patologie nervose e perfino la paralisi. L'olio laurinato si ottiene pestando un gruppetto di bacche e facendole macerare in 500 ml d'olio d'oliva e può essere utilizzato nella cura dei dolori reumatici: esso deve essere frizionato sulle parti interessate dal fastidio alcune volte al giorno. Se fatte bollire a lungo le piccole bacche possono essere impiegate come decotto oleoso, applicato tramite impacchi: questi sono molto utili per un'azione rinforzante dei capillari sanguigni.


proprietà alloro: Curiosità e tradizione

alloroL'alloro viene utilizzato per decorare recinzioni e giardini. La pianta viene spesso usata per le corone simbolo dei neolaureati. Nei miti e nelle leggende greco-romane l'alloro era considerato una pianta sacra ed era simbolo di saggezza e di gloria: la corona d'alloro veniva usata per incoronare i vincitori dei giochi delfici. Proprio per questo motivo viene identificato come simbolo della vittoria. Inoltre questa pianta era cara al dio greco Apollo, poichè la ninfa di cui il Dio si innamorò fu trasformata da fanciulla in pianta d'alloro. Il Dio greco a quel punto collocò la suddetta pianta in giardino e promise di portarne sulla sua testa le foglie, sottoforma di corone.



COMMENTI SULL' ARTICOLO