centocchio

Centocchio

Il Centocchio, il cui nome scientifico è Stellaria media, è una piccola pianta erbacea spontanea alta fino a 40-50 cm., generalmente biennale, appartenente alla famiglia delle Caryophyllaceae, molto diffusa sul territorio italiano. Infatti le sue origine sono probabilmente mediterranee, anche se è diventata poi un'erba comune in quasi tutto il mondo.

La possiamo trovare un pò ovunque, nei campi coltivati, nei giardini, nelle zone rurali, ai margini dei sentieri e delle strade, ma anche nei centri urbani, infatti è una pianta nitrofila, indifferente al tipo di terreno.

Si diffonde in pianura e fino ai 1600 metri, raramente si trova in latitudini maggiori.

Il genere Stellaria comprende circa 200 specie con caratteristiche leggermente diverse, ed il Centocchio appartiene alla sottofamiglia delle Alsinoideae, perché presenta il calice dialisepalo, ovvero con i sepali completamente separatati l'uno dall'altro.

Il nome "Stellaria" ha origini latine e si riferisce alla forma stellata del fiore, che è situato normalmente in cima ai rami, ma a volte anche sulle brattee verdi. I peduncoli floreali sono lunghi da 1 a 3 cm., il calce è formato da 5 sepali liberi fra loro con una forma ovale ed apice ottuso, di colore bianco.

La fioritura avviene generalmente da aprile a giugno, ma nelle zone più temperate, dove la pianta cresce soprattutto nel periodo invernale essendo il terreno più costantemente umido, la fioritura può avvenire da gennaio a dicembre.

Il Centocchio ha il fusto rossastro, strisciante, che si può estendere fino a 80 centimetri in larghezza, è molto ramosa ed ha le radici sottili. Le foglie sono ovali o cuoriformi, con il margine intero, i frutti sono delle capsule ovali contenenti all'interno alcuni semi appiattiti dal colore brunastro con quattro piccole protuberanze.

Il Centocchio si riproduce per seme e in un anno una pianta può produrre più di diecimila semi, che sembra possano rimanere a riposo nel terreno anche 80 anni. Infatti è talmente facile e rapido il suo sviluppo che in alcune zone è considerata una pianta infestante, soprattutto perché assorbe una grande quantità di azoto dal terreno e quindi lo impoverisce.

Ma è altrettanto vero che è una pianta ricca di proprietà benefiche, usata in farmacia, in erboristeria ed in cucina, e può essere anche coltivata senza particolari problemi.

centocchio

DICOTIL EXTRA DA 500 ML

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25€


Coltivazione

Il Centocchio può essere coltivato in giardino o in vaso, l'importante è che lo si posizioni in una zona riparata dal vento e, di inverno, possibilmente in un luogo chiuso perché non sopporta le temperature sotto lo zero.

In estate invece è consigliabile sistemarlo non in pieno sole ma in una zona semi-ombreggiata, dove il sole lo raggiunga solo nelle ore più fresche.

Per quanto riguarda l'irrigazione, il Centocchio ha bisogno di molta acqua, pertanto va annaffiato con frequenza ed il terreno dove si trova deve rimanere sempre umido.

  • barba di becco E’ una pianta con un ciclo biennale e questo significa che un anno sviluppa solo le foglie mentre l’anno successivo, compare l’infiorescenza floreale.E’ una pianta dalle molteplici proprietà, usata ...
  • beccabunga La beccabunga, nome scientifico Veronica beccabunga L, è una pianta medica erbacea di tipo perenne, che appartiene alla grande famiglia delle Scrofulariacee. E’ molto diffusa nei luoghi umidi di monta...
  • guaranà Il guaranà è una pianta originaria dell’Amazzonia, coltivata, trasformata e consumata dai popoli indigeni già molto prima dell’arrivo dei conquistatori europei. Era ritenuto un arbusto sacro, inserito...
  • gymnema La Gymnema Sylvestre, che possiamo trovare comunemente in erboristeria, è ottenuta dalla pianta di Gymnema che nasce e si sviluppa principalmente nelle foreste tropicali che si trovano in India e nel ...

Fiskars 432299 - Forca a scavare con tappo, manico e stampella convessa (30 cm, 4 chiodi di garofano)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,75€


Composizione e proprietà

centocchioNella pianta del Centocchio possiamo trovare diversi principi attivi, fra i quali saponoisidi, sali alcalini, tannini, resine, vitamine del gruppo B e C.

La pianta possiede numerose proprietà, fra cui le principali sono quelle astringenti, espettoranti, diuretiche e lenitive, pertanto i suoi effetti benefici riguardano soprattutto la pelle, i polmoni e lo stomaco.


centocchio: Uso

tisana centocchioIn erboristeria questa pianta è impiegata, per uso esterno, per le sue proprietà rinfrescanti e lenitive, quindi principalmente contro eczemi, psoriasi, vaginiti e in generale per i casi di prurito. Può svolgere un'azione antinfiammatoria ed efficace contro le screpolature e le ulcere della pelle, risultando ottima anche nella cura dell'acne e della couperose, per le palpebre arrossate e gonfie e per le punture di insetti. Sembra che la sua azione sia benefica anche per i problemi del cuoio capelluto.

A livello "casalingo" si può preparare facilmente un decotto di Centocchio mettendo 4 gr. di pianta fresca in una tazza d'acqua e lasciandola bollire 15 minuti, molto utile per i problemi di anemia. Della pianta va sempre usata la parte esterna al terreno e non le radici.

Per la tosse, il mal di gola, la bronchite ed il catarro, può essere efficace l'infuso di Centocchio che si prepara mettendo due cucchiaini di pianta essiccata in un quarto di litro d'acqua e facendolo bollire 10 minuti. Il contenuto va poi filtrato come il tè.

Con il Centocchio si può fare anche una bevanda fresca e dissetante, basta miscelare un pò di erba fresca con succo di ananas, e filtrare il tutto: sarà utile contro le irritazioni della pelle ed i reumatismi.

Per i dolori reumatici si può anche fare il bagno di Centocchio, anche questo con la pianta essiccata, aggiungendo 5 o 6 cucchiai a 100 ml. di acqua bollente, per poi versare l'infuso nell'acqua preparata per il bagno.

Se poi si vogliono utilizzare degli impacchi contro i gonfiori della pelle, basta triturare la pianta fresca, meglio se fiorita, e farne una sorta di poltiglia da applicare sulle parti interessate.

Da non dimenticare l'uso che del Centocchio si può fare in cucina, sia crudo che cotto. Infatti si possono usare i rametti più teneri per preparare insalate o per insaporire le insalate fatte con altre verdure. E' buono anche cotto insieme ad altre erbe e ci si possono fare ottime frittate. Nelle zone della Liguria e Toscana si usa anche aggiungerlo alle zuppe vegetali, infatti tra le specialità della Lunigiana c'è la "zuppa d'erbi" che è composta di una trentina di piante e fra queste compare anche il Centocchio.

L'uso del Centocchio in cucina non comporta particolari controindicazioni, anzi costituisce un buon integratore di vitamina e si può mangiarne a volontà.



COMMENTI SULL' ARTICOLO