curcuma

La curcuma

La curcuma è una pianta appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae. Le specie più conosciute sono la curcuma longa, nota anche come la curcuma domestica, la curcuma xanthorrhiza e la curcuma zeodaria. In totale, esistono ottanta specie di piante di curcuma. Sono piante coltivate prevalentemente nelle zone tropicali e hanno origine nei paesi dell'Asia meridionale, soprattutto Cina e Polinesia. Le sue foglie sono allungate e presentano una forma ovoidale, i suoi fiori sono piccoli e riuniti a spiga. La parte della pianta utilizzata è il fusto, in particolar modo la radice. La sua radice, infatti, è usata in cucina dopo un procedimento che vede un primo essiccamento ed una successiva polverizzazione, grazie alla quale assume il suo tipico colore giallo-ocra. Proprio per il colore brillante che la sua radice polverizzata assume, la curcuma è molto utilizzata come colorante alimentare. In cucina, questa spezia è conosciuta soprattutto perché è una delle principali spezie che formano il curry. Al di là del suo uso in cucina, la curcuma è utilizzata in ambito omeopatico ed estetico per alcune sue proprietà benefiche ed è, inoltre, contemplata anche in alcuni riti dei paesi sud asiatici. In India, ad esempio, viene creata una collana di curcuma da far indossare ad una giovane donna nel giorno delle sue nozze o della promessa di matrimonio. Tra i benefici che la curcuma può apportare all'organismo, la principale è quella antiossidante: aiuta ad eliminare le tossine e protegge dai radicali liberi. In commercio, è possibile trovare diverse pillole di integratori a base di curcuma recandosi in farmacie omeopatiche o in erboristeria.
curcuma

Himalaya depurare Neem Face Wash, Combo Pack

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€


Le proprietà della curcuma

curcuma Accanto alle proprietà antiossidanti di cui si è parlato sopra e che rendono la curcuma una spezia utile per combattere l'aggressione dei radicali liberi, questa spezia è in grado di combattere l'invecchiamento, in particolar modo della pelle. Proprio per questo, in alcune zone asiatiche la curcuma è ridefinita "spezia della giovinezza" per la sua alta percentuale di vitamina C e di curcumina, che sarebbero insieme in grado di ritardare la comparsa delle rughe. La curcumina, elemento principale della curcuma, è considerata avere numerosi effetti positivi sulla salute in termini sia preventivi che terapeutici. Noto è l'effetto positivo della spezia sui dolori intestinali e sulle artriti. Ha, quindi, un forte effetto antidolorifico. Accanto a questo, la curcuma svolge altre azioni sull'intestino; ha, infatti, la capacità di sistemare le funzionalità intestinali riportandole alla regolarità grazie ai suoi effetti lassativi. E' in grado di aiutare la digestione, favorendo la depurazione dell'organismo: riduce l'assimilazione degli zuccheri, elimina le tossine e brucia i grassi. Grazie a tali funzioni, la curcuma è usata nelle diete dimagranti per aiutare il processo di perdita di peso, anche perché la sua assunzione permette di rendere più veloce il metabolismo. L'azione della curcuma sui grassi, inoltre, ha una duplice funzione: se da un lato, infatti, aiuta la perdita di peso, dall'altro svolge un'azione anti-colesterolo. Allo stesso tempo, favorisce la fluidità del sangue provocando dei benefici nella sua circolazione. Le proprietà diuretiche della curcuma, inoltre, la rendono una buona alleata nella battaglia contro la cellulite. La curcuma può essere definita un vero e proprio antibiotico naturale, svolgendo un'azione positiva su mal di gola ed influenza, proteggendo allo stesso tempo le mucose orali. Un ulteriore effetto della curcuma, anche se non ancora dimostrato, è di tipo antitumorale, in particolar modo per il tumore del pancreas e del collo.


  • infiorescenza Curcuma alismatifolia Al genere curcuma appartengono circa quaranta specie di piccoli arbusti sempreverdi o vivaci, originari dell'Asia e dell'Australia. C. alismatifolia è originaria dell'India; sviluppa lunghe foglie lan...
  • Curcuma  La curcuma è una pianta originaria dell'estremo oriente, e dell'Australia, dove ne esistono svariate specie, circa 80; produce un tozzo rizoma carnoso, che dopo essere stato bollito ed essiccato viene...
  • Pianta della curcuma La pianta della curcuma appartiene alla vasta famiglia delle Zingiberacaee; se ne conoscono un’ottantina di specie ma le più diffuse e utilizzate sono la varietà longa e la alismatifolia. Dalla prima ...
  • Una piantagione di curcuma longa Curcuma longa è il nome botanico col quale si chiama la comune curcuma, conosciuta anche come turmerico o zafferano delle Indie. Il nome deriva da Kourkoum, un termine di origine indio-persiana che st...


Usare la curcuma

curcuma Per sfruttare tutti i benefici che la spezia ha da offrire basta recarsi in erboristeria e scegliere di acquistare la radice di curcuma, per creare dei preparati casalinghi, oppure degli integratori farmaceutici già pronti. Gli integratori presenti in commercio sono di diversi tipi; è possibile trovarli sotto forma di pillole oppure di sciroppo. L'uso indicato per gli integratori a base di curcuma è di circa 3 compresse al giorno o, se parliamo di integratori liquidi, bisognerà assumerne circa 15 ml diluiti in almeno 500 ml di acqua o di succo di frutta. Da non dimenticare, è che tali integratori non devono essere assunti nel corso di una gravidanza e dell'allattamento oppure nel caso in cui si soffra di ulcera o calcoli. Se la scelta in erboristeria ricade direttamente sulla radice di curcuma, sarà necessario imparare a preparare un buon infuso. Se acquistata già in polvere, basterà scioglierla in acqua calda. Più indicato, però, è l'acquisto della radice a pezzetti. In tal caso, basterà far bollire la radice in un litro di acqua per poi filtrarla. Aggiungendo al liquido un cucchiaino di miele, inoltre, si otterrà un infuso dall'ottimo sapore e i cui effetti benefici saranno aumentati dalle proprietà lenitive del miele. Una tazzina di infuso prima dei pasti contribuirà a mantenersi sani e giovani. In modo più semplice, la curcuma può essere assunta direttamente durante i pasti: assicurarsi di avere la spezia in dispensa basterà per usufruire dei suoi effetti benefici.




COMMENTI SULL' ARTICOLO