Sciroppo per tosse

sciroppo per tosse

La tosse è una reazione fisica a sostanze irritanti che ostruiscono le vie respiratorie e la gola. Esse stimolano i nervi del tratto respiratorio invitando i muscoli dell'addome e del diaframma a dare una spinta d'aria per espellere la causa della sensazione di fastidio ed irritazione.

Il cosiddetto "colpo di tosse" che può avvenire ogni tanto per svariate cause non deve preoccupare. Quando invece la tosse tende a persistere per più giorni o addirittura per alcune settimane, magari in concomitanza con sindomi influenzali di raffreddore o di sinusite, può richedere una cura medica.

La tosse può essere di due tipi, secca o grassa e deve per tale motivo essere affrontata in modo diverso a seconda della tipologia.

La tosse secca è detta "improduttiva" in quanto non produce muchi ed è spesso di natura allergica o bronchiale. Tale tosse si presenta spesso come stizzosa e a volte spasmodica e va trattata, per lo più, con medicinali sedativi che tendono a placate il tipico "solletico" alla gola che essa provoca.

La tosse grassa è invece "produttiva" ovvero è caratterizzata da presenza di catarro secreto all'interno delle vie respiratorie infiammate che spinge per uscire fuori proprio attraverso il colpo di tosse che svolge quindi il ruolo di "pulitore" dell'apparato respiratorio. La tosse grassa va curata con medicinali mucolitici ed espettoranti che favoriscono l'espulsione dei muchi.

Tra i vari medicinali chimici o omeopatici per combattere il fastidioso sintomo della tosse, il più utilizzato è quello in forma di sciroppo, la cui tipica consistenza densa e scivolosa aiuta a fluidificare i muchi e a lenire i rossori della gola infiammata, decongestionando il petto e donando immediato sollievo alle vie respiratorie sotto stress.

Scopo dello sciroppo, in generale, è quello di placare e/o curare l'irritazione che colpisce gola e trachea, riducendo così i colpi di tosse o calmandone la violenza.

sciroppo tosse


Sciroppi naturali

Moltissimi sono gli sciroppi che combattono la tosse facilmente reperibili in ogni farmacia.

In caso di tosse secca è bene richiedere sciroppi con funzione sedativa. I sedativi possono essere di due tipi, i sedativi centrali e quelli periferici. I sedativi centrali eliminano lo stimolo della tosse agendo sul sistema nervoso; i sedativi periferici, invece, sono caratterizzati da molecole che tendono ad addormentare i recettori dell'apparato respiratorio, calmando conseguentemente l'impulso di tossire.

Se invece la tosse risulta grassa vanno utilizzati mucolitici o farmaci con principi attivi espettoranti. I mucolitici tendono a rendere i muchi più fluidi in modo da facilirare il lavoro di espulsione da parte di bronchi e trachea. Agendo sul problema che causa la tosse e non sullo stimolo, tali medicinali tendono ad avere un risultato non immediato. Anzi, in certi casi, è possibile riscontrare un iniziale peggioramento, ma alla fine della cura la tosse sarà stata eliminata definitavamente. Per questo stesso motivo è preferibile non assumere, in concomitanza col mucolitico, un farmaco sedativo in quanto questo tenderebbe a far ristagnare il muco all'interno dei bronchi rendendo vano il lavoro del mucolitico o, ancor peggio, causando infezioni broncopolmonari.

Esistono inoltre sciroppi ad azione espettorante e balsamica che migliorano la respirazione attraverso lo stimolo all'espulsione del catarro.

Si consiglia, in ogni caso, di prestare attenzione alle quantità e seguire la posologia prescritta dal medico. Molti di questi sciroppi, infatti, se assunti in quantità eccessive, possono creare stati di euforia al pari di una sostanza allucinogena.

Altra controindicazione riscontrata in casi di consumo eccessivo è un effetto lassativo a causa di alcuni principi a base di erbe o sonnolenza per l'effetto calmante a cui essi inducono.

  • sciroppo tosse grassa E' arrivato il periodo dell'anno dove il freddo, il gelo, gli sbalzi di temperatura, la pioggia e quant'altro minano e destabilizzano la nostra salute e le nostre difese immunitarie. Insieme alla clas...
  • sciroppo di sambuco Il sambuco è una pianta tipica delle zone di montagna, nome scientifico Sambucus Nigra L. e appartiene alla famiglia delle Caprifoliaceae. In Italia si trova soprattutto in Alto Adige e nelle zone di ...
  • sciroppo d Lo sciroppo d'acero ha origini antiche, tanto che veniva utilizzato dagli indiani del Canada e degli USA ancora prima dell'arrivo di Cristoforo Colombo. Erano soprattutto gli indiani irochesi a lavora...


Sciroppo per tosse: Sciroppi omeopatici

sciroppo tosseAnche in caso di utilizzo di sciroppi omeopatici e dunque a base naturale è necessario riconoscere il proprio tipo di tosse, secca o grassa, e scegliere conseguentemente la cura più adeguata.

In caso di tosse secca sono particolarmente indicati sciroppi a base di pulsatilla, zolfo, camomilla, drosera e noce vomica, principi attivi che agiscono come calmanti e che evitano l'effetto rigurgito che la tosse stizzosa spesso può provocare.

In caso di tosse grassa e catarrica è bene scegliere uno sciroppo a base di hepar calcareum sulphuris (solfuro di calcio), perfetto per combattere le tracheiti, o uno sciroppo a base d'aglio che risulta, in caso di influenza e bronchite, un potente antibiotico naturale.

Se la tosse risulta congestionante ed è accompagnata da dolore al petto e difficoltà di respirazione, uno sciroppo a base di antimonium crostata (tartaro emetico) può essere la soluzione, soprattutto se la causa è una broncopolmonite. In caso di irritazione alla gola, invece, può aiutare uno sciroppo a base di belladonna, fosforo o aconitum napellus (aconito napello) che leniscono l'infiammazione su cui si istalla lo stimolo della tosse.

Altri principi naturali utili a combattere la tosse sono:

L'altea in grado di creare uno strato protettivo composto dalle mucillagini di cui è composta, che fa da barriera contro gli agenti irritanti.

Il timo, il cui olio essenziale, il timolo, svolge funzione espettorante ed antimicrobica contro i microranismi che causano l'infezione.

La liquirizia che è un antinfiammatorio ed antismasmotico naturale.

Il pino che ha proprietà balsamiche simili a quelle dell'eucalipto in grado di lenire le irritazioni.

La Grindelia, un antispasmotico naturale particolarmente indicato per il trattamento dell'asma e della bronchite.

Una ricetta veloce ed efficace di sciroppo per la tosse fai-da-te prevede miele (possibilmente aromatizzato all'eucalipto, che lo rende balsamico) e/o zucchero fuso (dalle proprietà lenitive ed espettoranti) con aggiunta di qualche goccia di limone (antisettico e cicatrizzante).

Il miele, inoltre, è estremamente ricco di antiossidanti ed è quindi in grado di guarire molte infezioni derivanti dal raffreddore. Le sue caratteristiche di densità e dolcezza favoriscono infatti la salivazione, assottigliano il muco e lubrificano le vie respiratorie.

Tali ingredienti naturali possono anche essere combinati tra loro, lasciandosi consigliare, per gli abbinamenti e le dosi, dal proprio medico, omeopata o erborista, seppure molte ricette si tramandino di generazione in generazione offrendo rimedi dalle sconosciute basi scientifiche ma dal sicuro risultato.

C'è da dire, inoltre, che lo sciroppo omeopatico, nonostante riceva spesso la critica da parte della medicina tradizionale di fornire solo un effetto placebo (che può comunque ottenere dei risultati), risulta invece particolarmente adatto a curare la tosse dei bambini, oltre che degli adulti. Tali rimedi non vengono infatti sottoposti a procedimenti chimici e, conseguentemente, non conoscono controindicazioni ed effetti collaterali.



COMMENTI SULL' ARTICOLO