maca estratto secco

maca estratto secco

La Maca delle Ande (nome scientifico: Lepidium peruvianum Chacon), anche conosciuta come Ginseng peruviano, è una pianta erbacea coltivata unicamente sulle Ande del Perù sin dal 1600 a.C., ad un'altitudine che va dai 3800 ai 4500 metri, ed appartenente alla famiglia dell Brassicacae. Ciò che si utilizza di questa pianta è la radice tuberosa, impiegata sin dai tempi degli Inca, sia fresca che secca, per le sue proprietà afrodisiache e rivitalizzanti.

La pianta vanta anche un elevato valore nutritivo, molto simile a quello dei cereali. Aveva per questo un ruolo fondamentale all'interno dell'alimentazione dalle popolazioni indigene del Perù e dei loro animali. Essa è infatti ricca di carboidrati, proteine, vitamine, sali minerali e acidi grassi essenziali.

Gli Inca consideravano la maca un vero e proprio dono degli dei da offrire a guerrieri e sacerdoti per assicurare loro lunga vita ed energia costante.

La pianta giunge in Europa già alla fine del 1400 tramite i conquistatori spagnoli che colonizzarono quelle terre e vennero a conoscenza dei loro frutti più preziosi. Ma è solo a partire dagli anni '60 e '70 del Novecento che comincia ad essere analizzata dal punto di vista medico ed organolettico. Gli studi scientifici ne hanno dimostrato, grazie agli aminoacidi in essa contenuti, la capacità di generare uno stato di vigore e benessere psico-fisico che la rendono adatta ad essere assunta come integratore alimentare soprattutto da parte di coloro che mettono a dura prova il proprio corpo, come sportivi ed atleti, o da chi soffre di carenze alimentari.

La Maca riporta benefici anche a coloro che svolgono un'intensa attività intellettuale, (come studenti, manager, ricercatori) che può portare a forme più o meno gravi di stress, affaticamento e depressione. Il tubero agisce incrementando la capacità di concentrazione, la memoria e la lucidità mentale, al pari del caffé o di altri stimolanti del sistema nervoso, pur senza contenere caffeina.

Benché gli Inca la consumassero anche fresca, all'interno di pietanze o bevande, oggi noi la consumiamo prevalentemente essiccata. L'essiccazione permette di conservare la radice piuttosto a lungo mantenendone inalterate le proprietà.

maca secca


L'ESTRATTO DI MACA SECCA - PREPARAZIONE

Per ottenere l'estratto di maca secca si utilizzano le radici, ovvero quelle parti della pianta che presentano una maggiore concentrazione di principi attivi. Una volta essiccato l'estratto secco si procede con la nebulizzazione e la titolazione (analisi volumetrica). Ciò assicura la giusta presenza del principio attivo all'interno del preparato, garantendone le proprietà benefiche e curative.

La maca secca può essere utilizzata direttamente in forma di polvere o impiegata per la preparazione di compresse, capsule, tavolette.

La polvere può essere inoltre reidratata, ovvero sciolta in acqua o altre bevande, aggiunta ai cibi o usata in infusioni a freddo.

  • amaca L’amaca è un particolare ‘letto’ che viene usato per sdraiarsi o per dormire. La sua storia ha origini molto lontane, nasce nei Caraibi e da lì si diffonde poi nel resto del mondo. L’amaca è fondament...
  • ortensie Questo gruppo di piante appartiene ad un insieme più ampio di hydrangea, denominate Yama, originarie delle zone montuose del Giappone (Yama trad. montagna) e tutte classificabili nella specie serrata....
  • maca La maca è una pianta originaria dei paesi dell'America meridionale. E' identificata con il termine scientifico Lepidium peruvianum e fa parte della famiglia delle Brassicaceae. Si tratta di una pianta...
  • Tuberi di maca nelle coltivazioni andine La maca delle Ande, o maca peruviana, viene usata dalla medicina tradizionale andina per le eccellenti proprietà nutrizionali, tonificanti, rivitalizzanti, afrodisiache e rafforzanti la fertilità sia ...


PROPRIETà E BENEFICI DELLA MACA SECCA

estratto secco macaLa maca secca ha notevoli proprietà energetiche e toniche che svolgono importanti attività benefiche sull'organismo.

-Attività immunostimolante: rafforza il sistema immunitario, attiva il metabolismo cellulare ed aumenta le resistenze a fattori patogeni.

-Attività anti-tumorale: ricerche scientifiche hanno provato come la maca sia in grado, grazie alla presenza di glucocinolati, di ridurre l'incidenza di tumori al seno e allo stomaco.

-Attività anti-invecchiamento: le vitamine antiossidanti (A, C, E), i flavonoidi, il fosforo e gli oligominerali donano vigore fisico, tonicità dei tessuti, ricambio cellulare e lucidità mentale.

-Attività anabolizzante: gli steroli naturali favoriscono lo sviluppo della massa muscolare, diventando una valida alternativa per gli sportivi agli anabolizzanti chimici.

-Attività afrodisiaca: La maca è uno stimolante in grado di migliorare l'attività sessuale ed incrementare la fertilità sia maschile che femminile. Pare addirittura che aumenti il volume dello sperma, il numero degli spermatozoi e la loro motilità. Regola inoltre la funzionalità ovarica e allevia i fastidiosi sintomi della menopausa (vampate di calore, depressione, stanchezza, osteoporosi, secchezza vaginale).

-Rafforzamento osseo: la massiccia presenza di calcio e sali minerali a livelli facilmente assorbibili, rende la maca un'arma contro l'osteoporosi. Essa favorisce infatti l'incremento del tessuto osseo e l'assunzione è paricolarmente indicata nelle fasi della crescita giovanile, durante la gravidanza e durante la menopausa.

-Attività anti-anemica: il ferro e la vitamina B2 contenute nella maca stimolano la produzione di globuli rossi, facendo della pianta un ottimo coadiuvante per il trattamento di anemie di media gravità.


POSOLOGIA ED EFFETTI COLLATERALI

estratto secco macaLa maca secca può essere assunta giornaliermente, in forma di polvere o compresse, in una quantità che va dai 5 ai 20 g di radice di maca essiccata o dai 400 ai 1000 mg di estratto secco. La quantità varia a seconda dell'intensità dell'attività fisica e mentale che si svolge ed è bene farsi seguire, nel dosaggio, da un medico, un omeopata o un erborista. Si consiglia un'assunzione lontana dai pasti.

Non sono state riscontrate nella maca vere e proprie controindicazioni, ma si consiglia un uso controllato in casi di soggetti maschi con precedenti di cancro alla prostata o con livelli elevati di PSA (antigene prostatico specifico); donne con precedenti o con rischio di cancro al seno; soggetti che soffrono di ipertiroidismo.

Si ricorda, inoltre, che come per qualsiasi altro prodotto, sono possibili reazioni allergiche o casi di ipersensibilità alla pianta. In tal caso, al primo accenno di fastidio, va immediatamente interrotta la somministrazione e contattato il proprio medico che darà indicazioni per rimedi e contromisure.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO