tintura madre melissa

Tintura madre melissa

La melissa è una pianta molto antica il cui uso era già ampiamente diffuso sia tra gli antichi greci sia tra gli antichi romani, i quali già conoscevano e sfruttavano le sue notevoli proprietà benefiche. Nel Medioevo, inoltre, essa veniva utilizzata di frequente dai monaci all’interno delle abbazie, dove erano presenti dei veri e propri laboratori officinali per la sintesi di piante, erbe e fiori ritenuti curativi e medicamentosi. Oggi, dopo secoli, la scienza ha definitivamente confermato l’efficacia di alcuni di questi preparati, nonché di piante come la melissa, che possiede grandi proprietà sedative, calmanti e lenitive. Appartenente alla grande specie delle Labiatae, la Melissa officinalis è un pianta erbacea che cresce in maniera spontanea, in tutte le stagioni; è molto amata dalle api, e proprio da esse prende il nome (“mélissa” in greco antico vuol dire infatti “ape”). Raggiunge un’altezza massima di cento centimetri e odora di limone, anche se nell’aspetto è piuttosto simile all’ortica. Predilige le zone calde, a clima temperato: per questo motivo è diffusa soprattutto in Europa meridionale e nell’Est asiatico. È molto diffusa anche in Italia, dove sovente viene utilizzata per abbellire e arricchire giardini ornamentali, mentre ancora più spesso la si può trovare tra cespugli e arbusti, nelle zone ombrose delle pinete oppure sui cigli delle strade.

melissa


Uso della tintura madre di melissa

tintura madre melissaIn omeopatia, fitoterapia e soprattutto erboristeria la melissa è facilmente reperibile sia in gocce di tintura madre che in estratto secco o liquido, tisane oppure compresse e capsule; soprattutto per quanto riguarda le compresse e le tisane, la melissa spesso non è presente da sola ma assieme ad altre erbe dagli effetti simili (camomilla, valeriana, passiflora, tiglio), le quali amplificano e rafforzano i benefici apportati. La tintura madre di melissa è usata per alleviare una serie di patologie gastrointestinali non gravissime ma debilitanti come aerofagie, gastralgie, dispepsie e diversi tipi di infezioni che possono colpire l’intestino. Questo perché la melissa è un’erba dall’alto potenziale purificante, in grado di lenire ed eliminare le scorie senza gli importanti effetti collaterali dei farmaci. Tuttavia la melissa viene usata principalmente per via del notevole effetto calmante esercitato sul sistema nervoso centrale. Ciò la rende adatta a combattere tutti quei disturbi che hanno a che fare con lo stress: stati ansiosi, tensione, angoscia, attacchi di rabbia, irritabilità e insonnia. Assunta prima di coricarsi, infatti, la melissa favorisce un riposo sereno e in generale aiuta a ridimensionare in maniera importante tutti gli stati di ipereccitabilità e agitazione connessi a una sovra stimolazione del sistema nervoso, messo a dura prova dai ritmi frenetici della via moderna. La tintura madre di melissa è inoltre efficace nei casi di dispepsie biliari e in tutti quei disturbi gastrici che potrebbero avere un’origine nervosa (gastrite, nausea, conati di vomito), poiché agisce sull’eccessiva secrezione di succhi gastrici, moderandola.


  • melissa Nome: Melissa officinalis L.Raccolta: Le foglie a seconda che si vogliano essiccare o consumare fresche si devono raccolgiere o prima della fioritura o in estate; i fiori tra giugno ed agosto....
  • Melissa Pianta erbacea perenne, che raggiunge un'altezza di 60-70 cm, originaria dell'Europa e dei paesi che si affacciano sul mediterraneo, la melissa costituisce densi cespi tappezzanti di fusti sottili, a ...
  • melissa La melissa è una pianta conosciuta fin dall’antichità per le sue notevoli proprietà curative. Attualmente si vende in erboristeria – pura, cioè in figlie essiccate, destinata alla preparazione casalin...
  • tisana melissa Da sempre si sa che il mondo vegetale rappresenta un'ottima soluzione per contrastare diverse patologie di lieve entità, senza affaticare il proprio corpo con l'assunzione di medicinali che alla lunga...


Posologia e controindicazioni

Come tutte le tinture madri a base di erbe, la melissa va somministrata in maniera costante ma intelligente, facendo ben attenzione a non superare le dosi indicate. Se usata correttamente non presenta alcun tipo di effetto collaterale, e anzi si presta bene a essere usata in combinazione con altre erbe o anche con medicinali, con la cui azione non interferisce in alcun modo. Disponibile in flaconcini dotati di un comodo contagocce, la tintura madre di melissa va assunta generalmente nella quantità di massimo trenta gocce, da prendere in una sola soluzione, diluite in acqua, oppure in sue o tre assunzione, l’ultima delle quali deve avvenire prima di coricarsi. Non si dovrebbero mai superare le cinquanta gocce al giorno, ed è consigliabile, qualora la si assuma di sera per trovare rimedio all’insonnia, prendere la tintura madre almeno mezz’ora prima di coricarsi, così da lasciarle il tempo di agire.


tintura madre melissa: Altre proprietà della melissa

melissa Oltre alla più sfruttata proprietà calmante e lenitiva, la melissa presenta anche riconosciute proprietà antispasmodiche, antistaminiche, antivirali e antibatteriche. È in grado di impedire il vomito, di purificare l’apparato gastrointestinale, combattere le forme più blande di allergia e prevenire l’insorgere di infezioni batteriche. Affinché la tintura madre di melissa esplichi appieno le sue proprietà curative, è tuttavia necessario assumerla con costanza per diverse settimane fino a un massimo di due mesi; è opportuno chiedere consiglio al proprio erborista, il quale valuterà caso per caso. Può essere assunta sia in maniera preventiva, in periodi di particolare stress o insonnia, sia come rimedio d’urgenza da assumere all’occorrenza: in questo senso è l’ideale per i dolori mestruali, gli spasmi intestinali improvvisi e tutte le patologie riconducibili al colon irritabile.

Non da ultima, è importante ricordare anche la blanda azione antidepressiva della melissa, che gli arabi già secoli fa adoperavano come rimedio contro la “malinconia”. Infine, il gradevole odore di limone della melissa – che nei secoli ha fatto sì che venisse denominata anche “Cedronella” – ne rende gradevole l’uso anche sotto forma di tisana, che può essere addolcita mediante l’aggiunta di un cucchiaino di miele o di zucchero di canna.



COMMENTI SULL' ARTICOLO