Piante latifoglie

vedi anche: Trova piante

Le piante latifoglie

Le piante e gli alberi latifoglie si possono distinguere per la caratteristica di avere il seme avvolto da un frutto, in questo modo risulta protetto e ne viene facilitata la disseminazione. Il fiore delle angiosperme è composto da diverse parti, alcune sterili, sepali e petali, altre fertili, stami. Negli stami si differenziano i pollini che serviranno poi per far nascere nuove piante. L'impollinazione delle piante latifoglie non avviene solamente tramite il vento come per le gimnosperme, ma soprattutto grazie all'azione di insetti o a volte uccelli. Le angiosperme possono essere monocotiledoni o dicotiledoni. I cotiledoni sono foglie embrionali che servono come nutrimento dell'embrione. Le latifoglie possono essere piante erbacee, legnose, arbustive od arboree, a foglie persistenti o caduche.
Pioppi

Mastice, pasta cicatrizzante specifico per bonsai di latifoglie, 160 gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16€


Caratteristiche delle piante latifoglie

Mimosa Le foglie hanno forma molto variabile e i fiori maschili e femminili sono uniti o separati, quindi entrambi sulla medesima pianta o su piante differenti. Le latifoglie hanno la caratteristica, in alcune specie, di far ricrescere i germogli dai ceppi quando la parte aerea, rami e foglie, vengano tagliati o danneggiati dal fuoco. Un'altra caratteristica delle latifoglie arboree è che hanno un legno secondario costituito da cellule di diverso tipo: vasi conduttori, fibre di sostegno e cellule parenchimatiche. Molte latifoglie hanno degli organi di riserva che consentono loro di ricostituire l'apparato vegetativo e la fioritura quando le condizioni ambientali sono favorevoli. Questi organi possono essere il fusto, i tuberi o le foglie succulente come nei bulbi di cipolla o in radici come nelle carote e nel ravanello.

  • Pilea cadierei Questo genere comprende circa duecento specie di piante erbacee perenni, originarie di gran parte del globo; le specie generalmente coltivate come piante decorative sono circa dieci, provengono dall'A...
  • Aspidistra Varietà erbacea perenne rizomatosa, originaria dell'Asia orientale e dell'Africa, diffusa in molte parti dell'Asia dall'Himalaya al Giappone. Si presenta come un denso ciuffo di lunghe foglie cuoiose ...
  • Clorophytum Si tratta di un genere che riunisce numerose piante erbacee sempreverdi, originarie dell'Africa meridionale. La pianta ragno, conosciuta anche come Clorofito o Clorophytum, si presenta come un denso c...
  • fiore Doritis Al genere doritis appartiene solo questa specie, che però si presenta in molte varietà. Presenta pseudobulbi appiattiti, che producono alcune larghe foglie carnose; a partire dalla primavera si svilup...

Mastice, pasta cicatrizzante specifico per bonsai di latifoglie, 500 gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48€


Nomi di piante e alberi latifoglie

Orchidea Le piante della divisione delle angiosperme, quindi delle piante e degli alberi latifoglie appartengono a tipologie di piante diverse, sia ad arbusto, sia arboree, sia erbacee, quindi una diversità piuttosto evidente e che raggruppa numerose caratteristiche diverse. Il Noce, il Castagno, il Pioppo bianco, la Roverella, il Pioppo tremolo, il Sorbo degli uccellatori, il Salice, il Ciliegio selvatico, l'Ontano nero, il Maggiociondolo, l'Ontano bianco, la Robinia, la Betulla, l'Acero montano, il Carpino nero, il Tiglio, il Nocciolo, il Mirtillo, il Faggio, il Frassino, l'Euforbia, il Ricino, l'Olmo, il Moro, il Fico, la Canapa, il Papavero, il Cappero, la Mimosa, il Pisello, la Malva, il Cotone, la Vite, gli Agrumi in generale, il Baobab, il Papiro, il Giglio, il Frumento, l'Orchidea, la Palma, l'Asparago, l'Aglio.


Piante latifoglie: Le conifere

Pino loricato Le conifere sono piante vascolari con semi che sono contenuti all'interno di un cono, sono piante legnose e per lo più appartengono al genere arboreo con pochi e rari arbusti. Le conifere hanno una conformazione tipica con tronco singolo e con rami laterali. Le foglie di moltissime conifere sono aghiformi, con alcune eccezioni con foglie piatte a scaglie triangolari. Il colore delle foglie può variare a seconda della specie, anche se quasi tutte sono sempreverdi e le foglie possono rimanere molti anni sulla pianta. Solo tre generi perdono le foglie in autunno: il Larix, il Taxodium e la Metasequoia. Molte specie di conifere producono una particolare resina che le aiuta a difendersi da funghi e insetti. Gli aghi servono come difesa dalla disidratazione o dalle condizioni ambientali estreme.


Guarda il Video
  • aghifoglie Gli alberi Latifoglie appartengono alle Angiosperme, o come si preferisce dire recentemente in ambito scientifico, alla
    visita : aghifoglie
  • nomi di alberi All'interno di ogni scheda sulla singola pianta, troverete alcune generalità, e le principali caratteristiche dell'alber
    visita : nomi di alberi
  • nomi di piante grasse Le piante grasse sono diffusissime negli appartamenti e nelle case, forse per le poche cure che richiedono, forse per il
    visita : nomi di piante grasse
  • piante aghifoglie Spesso sentiamo parlare di alberi latifoglie e, nella larga maggioranza dei casi, la nostra conoscenza in tema si ferma
    visita : piante aghifoglie

COMMENTI SULL' ARTICOLO