erba artificiale

erba artificiale

I prati con erba artificiale sono una valida alternativa per chi adora il verde ma non ha il tempo e le possibilità di coltivarlo.
erba artificiale

Golden Moon 30mm di spessore Premium erba artificiale 1m x 4m

Prezzo: in offerta su Amazon a: 78€
(Risparmi 51,99€)


LA STORIA DELL’ERBA ARTIFICIALE

L’erba artificiale o anche conosciuta con il nome di erba sintetica ha visto il suo primo utilizzo intorno agli anni sessanta, fu ideata da un gruppo di ricercatori del Nord Carolina per realizzare un prato artificiale per lo stadio coperto del Texas, lo scopo era quello di abbassare i costi di mantenimento di un prato naturale coperto, creando un qualcosa di simile ma a prezzi ridotti.

Nei primi anni settanta l’utilizzo dell’erba artificiale ha iniziato a propagarli a macchia d’olio, al punto da ricoprire la maggior parte dei campi sia coperti che scoperti di baseball e di football americano negli Stati Uniti e in Canada.

Con il passare degli anni l’erba artificiale inizio ad avere una cattiva nomea, fu infatti utilizzata in alcuni campi di calcio, ma con pessimi risultati, era infatti molto più dura rispetto all'erba naturale e si comprese che le cadute erano molto più pericolose e provocavano danni maggiori.

Con le nuove tecnologie e con i nuovi prodotti immessi sul mercato, l’attuale erba artificiale risulta simile a quella naturale, soffice e morbida, e la meccanizzazione delle grandi industrie ha ridotto i costi di produzione, oggi giorno infatti risulta molto più economico istallare un prato con erba artificiale anziché con erba vera.

  • Margherite La margherita o pratolina è tra le più comuni asteracee, originaria dell’Europa, è diffusa anche in Asia e nel continente americano; sembra che sia l'archetipo della margherita, da cui prendono il nom...
  • terreno Con il termine pacciamatura si indica l’operazione di coprire il terreno con materiale inerte; questa operazione viene compiuta per alcuni principali motivi, il principale è quello di evitare la cresc...
  • prato Il prato comune, quello coltivato a graminacee, è costituito da innumerevoli piccole piante perenni tappezzanti, che si sviluppano vicine le une alle altre; tra di esse cadono foglie, detriti, residui...
  • dichondra Gent.mo staff di " Giardinaggio ",volevo porvi un quesito, a riguardo il mio prato di dichondra;visto che abito in un paese del nord e visto le temperature abbastanza bassedi questi mesi, anche ...

Erba atificiale 60 x 90cm da fioristi e mercati

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€


CARATTERISTICHE E TIPOLOGIE DI ERBA ARTIFICIALE

erba artificiale Le fibre che creano l’erba artificiale sono realizzate in polipropilene, un materiale che ha una forte resistenza a tutti gli agenti atmosferici, infatti sotto il caldo sole estivo non scolorisce mantenendo il verde brillante. Molto importante saper scegliere il tipo di erba artificiale che più si adatta al tipo di suolo, terreno o pavimento che dovrà ospitarla. L’erba artificiale più comune è chiamata stuoie a telo basso ed molto simile a dei tappeti, presenta rifiniture estremamente semplici, ed è una soluzione molto pratica, anche se esteticamente non raggiunge i livelli dell’erba artificiale dei campi professionali ma si presentano molto simili all'erba naturale. Altro tipo di erba artificiale è la stuoia a fibra ritorta che è molto simile ad un manto erboso soffice e naturale, l’erba artificiale viene lavorata in modo da sembrare molto simile a dei piccoli fili d’erba, che pero non si deformano con il calpestio, infatti una volta calpestati ritornano alla loro posizione iniziale.

Sul mercato esistono quindi una molteplicità di tipi di erba artificiale, dalle più semplici e quelle professionali. Lo spessore dell’erba artificiale varia al variare delle esigenze che si voglio soddisfare.


DIFFERENZE TRA ERBA ARTIFICIALE ED ERBA NATURALE

erba artificiale Una delle differenze principali tra l’erba artificiale e l’erba naturale è che la prima può essere utilizzata con molta più intensità, infatti non si rovina subito come quella natura, se prendiamo ad esempio un campo di calcio con erba naturale, può essere utilizzato mediamente duecentocinquanta ore annue, un campo in erba artificiale può essere utilizzato sette giorni su sette senza alcuni tipo di problema. Inoltre l’erba artificiale richiede poca manutenzione, è quindi un investimento a lungo termine, infatti non c’è il problema di aspettare la ripresa vegetativa dell’erba o dello stato dell’erba durante i temporali. L’erba sintetica presenta le stesse caratteristiche dell’erba vera.


GLI USI PIÙ COMUNI E I COSTI DELL’ERBA ARTIFICIALE

L’erba artificiale oltre ad essere utilizzata nell'ambito sportivo per ricoprire i campi di gioco e spesso utilizzata anche come elemento ornamentale per abitazioni ed esercizi pubblici .

Per uso domestico viene spesso utilizzata a bordo delle piscine sia a scopo decorativo sia a scopo di utilità, infatti permette di camminare a piedi nudi e di stendersi, oltre ai classici ornamenti come ricoprire l’ingresso dell’abitazione o per ricoprire le aiuole. Può essere collocata con molta facilità su balconi o per ricoprire terrazzi e guaine oltre il classico impiego come manto erboso per il giardino. In esercizi commerciali viene spesso utilizzata come ornamento per gli ambienti esteri di bar e ristoranti, infatti è molto caratteristico l’ambiente arredato su di un manto di erba.

L’utilizzo dell’erba artificiale ha avuto una grande diffusione grazie ai costi irrisori e alla semplicità di posa, infatti spesso la messa in posa dell’erba artificiale viene svolta direttamente dall'acquirente, è sufficiente distendere i rotoli per ottenere in pochi istanti un ambiente confortevole e di facile manutenzione. I costi dell’erba artificiale variano al variare della tipologia di erba, quella più comune ha un costo di circa 6,50 euro al metro quadro, quelle più particolari ad esempio con il drenaggio per la pioggia può arrivare ad un prezzo massimo di € 20,50 al metro quadro, niente a che vedere con i costi per la messa a dimora e la manutenzione di un prato vero.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO