Brahea armata

Brahea armata

La Brahea armata è una palma sempreverde di origine centro americana; ha crescita lenta, e gli esemplari adulti possono raggiungere i 10-15 metri di altezza. Esistono circa 10 specie di Brahea, tutte rustiche. La brahea armata è una palma imponente, con largo fusto eretto, che può raggiungere i 50 cm di diametro, di colore marrone-grigio, profondamente solcato dai segni lasciati dai piccioli delle foglie ormai cadute. La chioma è tondeggiante, nella parte bassa sono presenti per mesi le fronde ormai secche, che si staccheranno. Le fronde sono grandi, rigide, di colore verde bluastro, portate da un lungo picciolo carnoso e rigido, che presenta numerose spine acuminate; la foglia è tondeggiante, pennata, costituita da numerose foglie allungate, spesse e cuoiose, ricoperte da uno strato di pruina biancastra. In primavera produce lunghe infiorescenze arcuate, costituite da numerosi piccoli fiori bianchi, seguiti da bacche tondeggianti, di colore marrone, che contengono un singolo seme fertile.
brahea


Esposizione

Brahea esemplare vetusto Queste palme necessitano di essere poste a dimora in luogo soleggiato, anche se si sviluppano al meglio anche in luoghi semiombreggiati, purchè ricevano alcune ore al giorno di sole diretto. Non temono il freddo e le gelate invernali, e possono sopportare temperature invernali vicine ai -10°C senza subire danni; eventualmente gelate molto intense e molto prolungate possono rovinare le foglie più giovani.

Nonostante non sia una pianta originaria delle nostre latitudini, sia nel nord che nel sud Italia si trovano moltissime piante di questa specie che superano i 100 anni. Questo dimostra come anche la Brahea Armata, se trova le condizioni adatte, può crescere bene in moltissime zone d'Italia. Al nord in modo particolare, gli esemplari più belli di questa pianta si trovano in diverse zone del Lago Maggiore.

  • Noce di cocco in vaso E' un genere che comprende alcune palme originarie delle isole dell'Oceano Pacifico, coltivata in Asia, Africa e America meridionale per i grandi frutti conosciuti come noce di cocco. E' una pianta mo...
  • Phoenix Le phoenix sono piante appartenenti al genere delle palme che presentano diciassette specie differenti. Hanno un grande valore ornamentale e tutte provengono dall’Asia orientale. Presentano foglie lun...
  • Brighamia Al genere brighamia appartengono 6-7 specie di piante a fusto succulento, originarie delle isole Hawaii, dove sono in via di estinzione; in natura possono raggiungere i 3-4 metri di altezza, in conten...
  • Cycas La cycas revoluta è una pianta sempreverde adatta al giardino o all'appartamento, originaria dell'Asia; si tratta di una delle piante più antiche della terra, anticamente era diffusa su tutto il globo...


Annaffiature

L'irrigazione è un aspetto di cruciale importanza per la crescita delle nostre piante. L'acqua è di fatto l'elemento indispensabile per la loro crescita ottimale e per questo è opportuno conoscere le esigenze colturali delle nostre coltivazioni in materia di irrigazione.

Come molte altre palme anche le braee provengono da zone con clima subdesertico, quindi si sono adattate a vivere in luoghi dove sono probabili lunghi periodi di siccità; pur sopportando climi molto secchi sembra che abbiamo uno sviluppo migliore se le annaffiature sono abbastanza regolari. E' opportuno ricordare sempre di attendere che il terreno sia ben asciutto prima di annaffiare nuovamente; gli esemplari a dimora da molto tempo si accontentano delle piogge.

la palma brahea è comunque una palma rustica che può resistere anche alla siccità come abbiamo detto precedentemente a patto che i terreni siano ben drenati.


Terreno

palma blu La Palma Blu del Messico (Brahea armata) è una specie che può essere coltivata in qualsiasi tipologia di terreno, purchè sia molto ben drenato; E' infatti una palma con poche esigenze colturali e che si accontenta anche di terreni ghiaiosi e decisamente poveri come lo possono essere quelli delle zone desertiche e aride. Una delle principali problematiche che può rallentare o rendere difficile la crescita della pianta è l’umidità stagnante, soprattutto durante i mesi invernali. Questo perchè la presenza di ambienti umidi causa lo sviluppo di malattie radicali e può portare gravi danni alla pianta. Per risolvere problemi di questo tipo sarà utile utilizzare un miscuglio costituito da terriccio universale bilanciato, terra da giardino e sabbia in modo tale da permettere alla nostra pianta di crescere e svilupparsi al meglio!


Moltiplicazione

La palma blu del Messico è una varietà di palma di particolare bellezza e per questo considerata una specie ornamentale a tutti gli effetti. Grazie alle sue foglie decorative, ai suoi splendidi fiori e alla facilità di coltivazione sul territorio italiano grazie alle favorevoli condizioni climatiche, la Brahea armata viene spesso coltivata nei giardini delle nostre case e chi possiede alcune specie, desidera spesso moltiplicarle per ottenere nuove piantine di palma blu del Messico. Se desideriamo riprodurre la nostra brahea armata dobbiamo conoscere tutte le sue caratteristiche e i metodi di moltiplicazione della stessa. E' possibile riprodurre la pianta per per seme, in primavera. Le piantine che nasceranno dovranno essere tenute a dimora in vaso per circa 3 anni, prima di poter essere piantate in piena terra.


Brahea armata: Parassiti e malattie

palma Le palme blu del Messico in genere non vengono colpite da parassiti o da malattie se coltivate nelle migliori condizioni. Se offriamo alla pianta un terreno adatto e le migliori cure non avremo problemi a crescerla sana e forte. Una possibile problematica potrebbe comparire in caso di inverni particolarmente freddi con gelate molto prolungate. In questo caso la pianta potrebbe avere problemi a svilupparsi e le condizioni climatiche avverse potrebbero causare l’ingiallimento delle fronde, soprattutto quelle più giovani. Inoltre, un'irrigazione eccessiva potrebbe causare l’insorgenza di marciumi radicali. Ultimo, ma non meno importante il fattore umidità. Un clima particolarmente umido, cosi come un terreno troppo bagnato potrebbero causare l'insorgenza di malattie fungine e marciumi radicali.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO