Albero dei fazzoletti - Davidia involucrata

vedi anche: Alberi

Generalità

La Davidia involucrata è un albero deciduo a crescita lenta, originario del continente asiatico; gli esemplari adulti possono raggiungere i 15-18 metri di altezza. Ha fusto eretto, con corteccia marrone-arancio; la chioma degli esemplari giovani è piramidale, tende ad arrotondarsi con il passare degli anni, rimanendo sempre molto densa e ramificata.

Le foglie sono cuoriformi, di colore verde chiaro, divengono gialle in autunno, prima di cadere; in primavera gli alberi con almeno 8-10 anni di età producono numerose infiorescenze arrotondate, costituite da piccoli fiori bianco-verdastri; ogni infiorescenza è quasi nascosta da grandi brattee bianche, pendule, simili a pezzi di tessuto; in autunno sulla pianta si possono notare i piccoli frutti, che contengono 4-5 semi.

Davidia fiori


Esposizione

Davidia infiorescenze Per quel che riguarda le annaffiature dell'albero dei fazzoletti è bene conoscere quali sono le sue esigenze, così da poterlo coltivare al meglio. Per un corretto sviluppo della Davidia involucrata è bene porre a dimora in luogo semiombreggiato; le davidie possono tollerare il pieno sole, ma in questa posizione necessitano di annaffiature regolari

In genere possono sopportare temperature vicine ai -15°C, ma è sempre bene riparare gli alberi giovani, che possono venire danneggiati da inverni particolarmente rigidi. Nelle zone con clima rigida è bene piantare questo tipo di albero dei fazzoletti in zone che consentano di mantenere al riparo gli esemplari dagli effetti delle temperature più rigide.


    Annaffiature

    davisia involucrata var Dopo la messa a dimora dell'albero dei fazzoletti è bene annaffiare abbondantemente e spesso per alcuni mesi, soprattutto nel periodo caldo dell'anno; gli esemplari adulti in genere si accontentano delle piogge, anche se è consigliabile fornire acqua nei mesi estivi e in caso di siccità prolungata.

    Controllare che il terreno non consenta la formazione di ristagni idrici che non sarebbero salutari per la crescita della pianta di Davidia involucrata.

    In primavera interrare ai piedi della pianta una buona quantità di concime organico ben maturo così da fornire tutto il nutrimento necessario al corretto sviluppo.


    Terreno

    fiore albero dei fazzoletti Le davidie preferiscono terreni freschi, profondi, ricchi e ben drenati; è bene mescolare alla terra di giardino della torba, del terriccio di foglie, sabbia e concime organico, in modo da ottenere un composto completo e bilanciato che consenta il corretto drenaggio ed eviti la formazione di ristagni idrici, pericolosi per la crescita degli esemplari.


    Moltiplicazione

    La moltiplicazione di questo genere di albero avviene per seme, non appena i frutti sono maturi, a fine estate; si possono seminare anche in altri periodi dell'anno, ma i semi, una volta essiccati, impiegano mesi prima di germinare.

    E' anche possibile propagare questi alberi per talea semilegnosa, in estate, utilizzando appositi contenitori in cui si faranno radicare le nuove piantine, così che acquisiscano la necessaria forza per poter essere poi messe a dimora definitivamente.


    Albero dei fazzoletti - Davidia involucrata: Parassiti e malattie

    fioritura albero dei fazzoletti In genere queste piante, essendo rustiche e resistenti, non vengono colpite da parassiti o da malattie. Per una maggiore sicurezza o in presenza di esemplari giovani, è possibile intervenire, prima della fioritura con l'uso di prodotti antiparassitari ad ampio spettro che proteggeranno al meglio tutti gli esemplari.





    Esposizione
    Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

     
    Sole pieno
    Annaffiature
    Annaffiare con regolarità, ogni 6-7 giorni, bagnando il terreno a fondo, ma attendendo che il substrato asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra; evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso.


    Tenere Umido
    concimazione
    In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


    Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO