Pioppo nero - Populus nigra

Generalità

Il populus nigra è una pianta arborea decidua dalle dimensioni imponenti originaria dell'Europa e dell'Asia occidentale, presente allo stato selvatico anche nel continente americano. Ha chioma rotonda, a cupola, abbastanza ampia, ma rada, che raggiunge rapidamente i 30-35 metri di altezza, non è infrequente vedere esemplari di pioppo nero a portamento colonnare; le foglie sono alterne, verde scuro sulla pagina superiore e verde-giallastro sulla pagina inferiore, di forma triangolare o a diamante, con il margine dentato. La corteccia è grigia negli esemplari giovani, tende a scurirsi con l'età della pianta, solcata da profonde fessure. Gli amenti maschili e femminili crescono su alberi diversi, quelli femminili sono ciuffetti bianchi e cotonosi di semi, quelli maschili sono grigi, marroni o rossastri. Tende a sviluppare lunghe radici superficiali. In America troviamo anche P. deltoides, e in Italia e in Europa è molto diffuso anche P. alba, con foglie ovali grigio-verdi. P. tremula, diffuso in Europa, in Africa e in Asia ha foglie tondeggianti che ondeggiano anche con venti molto lievi.
Pioppo nero alberi

Vivai Le Georgiche PIOPPO NERO - POPULUS NIGRA [Vaso Ø24cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,5€


Esposizione

Pioppo nero Il pioppo nero preferisce le posizioni molto luminose, soleggiate, ma si adatta bene anche a mezz'ombra, non gradisce l'ombra completa. Non teme il freddo e neanche il vento, è molto resistente all'inquinamento ed è per questo molto utilizzato per alberature stradali.

Può crescere anche in modo spontaneo lungo le rive dei fossi o in zone alluvionali.

    GreenGard - Rotolo di tessuto per proteggere piante e coltivazioni da gelo e insetti, dimensioni 10 x 3,2 metri

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,59€


    Terreno e annaffiature

    populus nigra Gli alberi di populus nigra preferiscono terreni ricchi in materia organica, leggeri e ben drenati, difficilmente si adattano a terreni inconsistenti e sterili; in natura prediligono le zone umide, vicino a fiumi e torrenti, poiché non tollerano le siccità di lunga durata. È quindi opportuno interrare periodicamente del buon concime organico ai piedi della pianta, almeno due volte l'anno, si consiglia inoltre di annaffiare i pioppi qualora si verificassero periodi prolungati di siccità.


    Moltiplicazione

    fiori pioppo nero Per quanto riguarda la moltiplicazione delle piante di questa varietà essa avviene,di solito, per talea.

    Nel periodo primaverile le talee si fanno radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali e le nuove piantine vanno coltivate in serra per almeno due anni prima di essere poste a dimora, poiché gli esemplari giovani possono talvolta temere il freddo e il vento.

    La propagazione può avvenire anche per seme; in questo caso si consiglia di utilizzare numerosi semi poiché la terminabilità del pioppo non è molto alta.

    In autunno si possono prelevare i polloni basali, che solitamente le piante adulte sviluppano in numero cospicuo, da interrare in un composto soffice e ricco di materia organica, per consentirne un migliore sviluppo.


    Pioppo nero - Populus nigra: Parassiti e malattie

    fogliame populus nigra Spesso questo genere di piante viene attaccato dall'afide lanigero del pioppo nero, che rovina completamente i germogli.

    Le giovani piante di populus nigra possono subire attacchi letali da parte della crisomela, che ne divora le foglie. Inoltre i pioppi possono essere attaccati da oziorrinco e da rodilegno, in generale però i parassiti preoccupano più gli esemplari giovani, in quanto le piante adulte sono maggiormente resistenti agli attacchi dei parassiti.


    Guarda il Video
    • pioppo Il pioppo, nome comune per Populus, appartiene alla famiglia delle Salicacee. E' una pianta che ha una crecita molto rap
      visita : pioppo
    • pioppo albero Il genere Populus appartiene, come i salici, alla grande famiglia delle Salicaceae. Le specie, per lo più arboree, sono
      visita : pioppo albero



    Esposizione
    Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

     
    Sole pieno
    Annaffiature
    Si annaffia soltanto durante periodi di prolungata siccità o quando il terriccio è ben asciutto; in questo periodo dell'anno in genere può essere sufficiente intervenire una volta ogni 20-25 giorni.


    Tenere Umido
    concimazione
    Si consiglia di sospendere le concimazioni durante il periodo invernale; un eccessivo apporto di nutrienti infatti favorirebbe lo sviluppo di nuova vegetazione, troppo sensibile alle basse temperature.


    Esigenze della piante a dicembre in un clima continentale.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO