Brascicome - Brachycome iberidifolia - Brachyscome iberidifolia

Generalità

Il Brachycome iberidifolia è una pianta perenne originaria dell'Australia, della Nuova Zelanda e dell'Africa, generalmente coltivata come annuale. Ha sottili fusti, di colore verde brillante, densamente ramificati, che portano numerose foglioline sottili, finemente divise; in genere i piccoli cespugli di Brascicome raggiungono i 25-30 cm di altezza, e talvolta i fusti tendono a divenire leggermente ricadenti.

Da maggio fino alla fine dell'estate questi arbusti producono numerosissimi fiorellini a stella, simili a piccole margherite, di colore viola, porpora, bianco, blu, azzurro o giallo chiaro, con il centro di colore molto scuro, quasi nero, oppure giallo oro; i piccoli fiori hanno un diametro di 1,5-2 cm. Per prolungare la fioritura e renderla più abbondante è bene staccare i fiori appassiti. A fine estate possono produrre piccoli frutti allungati, contenenti numerosi semi. Le brachycome sono molto usate nei giardini rocciosi, ma anche in contenitore.

Brachycome


Esposizione

Brachycome Per ottenere la migliore fioritura possibile è consigliabile porre a dimora il Brachycome iberidifolia in luogo soleggiato, o all'ombra parziale, così che questa varietà possa ricevere alcune ore al giorni di irraggiamento diretto.

Queste piante temono molto il freddo, quindi se si vogliono mantenere da un anno all'altro è necessario ricoverarle in serra temperata o in casa; nei luoghi con inverni miti sono piante perenni, è però bene pacciamare la base della pianta in autunno, per proteggerla dal freddo invernale.


    Annaffiature

    brascicome Per consentire la migliore crescita possibile annaffiare il brascicome regolarmente, lasciando asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra per evitare che si formino dei dannosi ristagni d'acqua.

    La carenza d'acqua durante i mesi estivi ostacola la fioritura, è quindi bene annaffiare quasi quotidianamente in luglio-agosto, quando le temperature elevate fanno asciugare rapidamente il terreno. Da marzo a ottobre fornire de concime per piante da fiore mescolato all'acqua delle annaffiature, ogni 10-15 giorni.


    Terreno

    brascicome Porre a dimora il brascicome in terreno ricco, ben drenato e non troppo secco. Prima di interrare delle piante di Brachycome iberidifolia è bene lavorare a fondo il terreno, aggiungendo del concime organico e della pietra pomice a granulometria abbastanza fine, così da avere a disposizione un substrato che risulti essere soffice, leggero e con il corretto grado di drenaggio.


    Moltiplicazione

    La moltiplicazione degli esemplari appartenenti a questa varietà avviene in genere per seme; si può seminare in febbraio in semenzaio, oppure in aprile-maggio, direttamente a dimora; i semi vanno coperti poco per favorire la germinazione. E' importante che i nuovi germogli rimangano al riparo fino a quando le temperature siano abbastanza mito e non ci sia più il rischio di gelate tardive che ne comprometterebbero irrimediabilmente la crescita.


    Brascicome - Brachycome iberidifolia: Parassiti e malattie

    brascicome in genere queste piante non sono soggette all'attacco da parte di parassiti o di malattie, ma per un maggiore grado di sicurezza, è bene intervenire con un prodotto antiparassitario ad ampio spettro alla fine dell'inverno, prima della ripresa vegetativa, se si coltivano queste piante come perenni.





    Esposizione
    Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

     
    Sole pieno
    Annaffiature
    Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


    Tenere asciutto
    concimazione
    Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


    Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO