Gonfrena, Falso trifoglio - Gomphrena globosa

Generalità Gonfrena

La Gomphrena globosa chiamata anche falso trifoglio, è una pianta erbacea annuale, originaria dell'America centrale, molto diffusa anche nei giardini europei. Produce mapie macchie costituite da sottili fusti eretti, rigidi, ben ramificati, che portano grandi foglie ovali, di colore verde scuro, ricoperte da una sottile epluria binca, che le rende grigiastre. Dall'estate fino all'arrivo del freddo all'apice dei fusti sbocciano piccoli fiori rosa, lilla, bianchi o rossi, riuniti in particolari pannocchie sferiche;per favorire uno sviluppo compatto e ben ramificato si consiglia di cimare spesso le giocani piantine da poco poste a dimora. Raggiungono i 35-50 cm di altezza; esistono cultivar molto alte, che superano i 55-65 cm, o anche molto compatte e striscianti, che non superano i 35-40 cm di altezza.
Gonfrena


Esposizione

gomphrena glob Le piante di Gomphrena globosa prediligono posizioni ben soleggiate, e non temono il calore della stagione estiva; nelle zone con estati molto torride è comunque consigliabile coprire i piedi delle piantine (sopratutto quelle più giovani) con pacciamatura di cortecce o di foglie, in modo da mantenere il terreno sempre leggermente fresco. Le piante di gonfrena temono il gelo, infatti non appena le temperature cominciano a scendere, le piante disseccano. La pianta può resistente infatti a temperature non inferiori a 7-9°C.


    Annaffiature

    Il falso trifoglio sopporta senza problemi la siccità, anche se in genere in zone molto asciutte tende in estate a sospendere le fioriture; per questo motivo è consigliabile annaffiare con regolarità, da aprile a settembre, ricordando sempre di lasciar asciugare bene il terreno tra un'annaffiatura e l'altra. Ogni 10-15 giorni e mescolare del concime per piante da fiore all'acqua delle annaffiature per permettere alle piantine di svilupparsi al meglio.


    Terreno

    gonfrena fiore Le piante di gonfrena hanno il pregio di svilupparsi in qualsiasi terreno, anche in zone molto povere di sali minerali o sassose; temono terreni pesanti e scarsamente drenati. Se si desidera coltivare il falso trifoglio in vaso è opportuno utilizzare un mix di terriccio composto da torba, terra e sabbia. Il terreno ideale è comunque quello gessoso e calcareo.


    Moltiplicazione

    La riproduzione della Gomphrena globosa avviene per seme: seminare in febbraio-marzo in semenzaio, che va tenuto in luogo protetto fino a germinazione avvenuta; la temperatura del terreno deve essere intorno ai 18 °C. In aprile-maggio è possibile seminare direttamente a dimora, in piena terra o in contenitore. Le piantine coltivate devono essere posizionate fra loro almeno a 25 cm di distanza per permettere una migliore crescita e sviluppo.


    Gonfrena, Falso trifoglio - Gomphrena globosa: Parassiti e malattie

    farfalla La gonfrena è una pianta che generalmente non viene colpita da parassiti o da malattie. L'unico pericolo che può riscontrare la pianta è dato dal mal bianco. Si tratta di una malattia fungina conosciuta anche con il nome di oidio, nebbia o albugine che provoca la comparsa di macchie sulle foglie della pianta. Oltre a questo problema, raramente sono stati riscontrati casi di sviluppo di virus della pianta. Questi si trasmettono solamente attraverso i semi e provocano un limitato sviluppo della pianta.





    Esposizione
    Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

     
    Sole pieno
    Annaffiature
    Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


    Tenere asciutto
    concimazione
    Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


    Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO