Senape - Sinapis arvensis

Generalità

La senape, sinapis arvensis, è una piante erbacea annuale originaria dell'Europa, che raggiunge i 70-80 cm di altezza. Costituisce ciuffi di fusti sottili, rigidi, ramificati, che portano numerose foglie di colore verde scuro, opache, sessili, ovali allungate, dentate, lunghe fino a 15-20 cm; da maggio a settembre all'apice dei fusti sbocciano numerosi piccoli fiorellini di colore giallo vivo; in autunno i fiori lasciano spazio ai frutti: lunghi baccelli contenenti piccoli semi scuri.

Sinapis alba è molto simile, ma produce baccelli più corti con semi gialli. Con i semi della senape si preparano ottime salse utilizzate per accompagnare piatti di carne e di verdure; le foglie si possono consumare cotte ed hanno un sapore simile agli spinaci; i semi appena germinati si consumano in insalata.

Le foglie di tutte le varietà si possono raccogliere in qualsiasi momento e vanno utilizzate nel più breve tempo possibile in maniera da conservare tutto il loro aroma e freschezza. Quelle più grandi si possono scottare per poi essere abbinate ad altre verdure o aromatizzare pietanze come frittate o omelettes.

Senape

Semi erbe aromatiche assortite basilico erba cipollina maggiorana dolce aneto prezzemolo. Prodotto in UK 2000 semi per scatola erbe giardino cucina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,8€


Esposizione

Senape La senape si coltiva in zone molto soleggiate, non ama l'ombra; questa pianta muore all'arrivo dei freddi, va quindi posta a dimora all'inizio della primavera, per raccogliere i semi alla fine dell'estate; i piccoli semi si possono conservare subito, oppure vanno conservati in contenitori ermetici dopo averli fatti ben seccare.

La siepe si semina quando a primavera inoltrata, quando le temperature di notte non vanno al di sotto dei 10°C. Inizialmente è meglio seminare la sinapis arvensis in contenitori piccoli, come semenzai o contenitori alveolari e vasetti per facilitare la prima fase di crescita. Successivamente si provvederà al trapianto della senape per interrarla e continuare la coltivazione.

LA SENAPE IN BREVE
Famiglia, genere, specie Brassicaceae, brassica nigra, alba, arvensis, juncea
Tipo di pianta Annuale o biennale, Erbacea, aromatica, orticola
Altezza e larghezza massime Da persistente a semipersistente
Altezza e larghezza massime 150 x 70 cm
Coltivazione Facile
Crescita Da veloce a media
Rusticità Da abbastanza a molto rustica
Esposizione Da sole a mezz’ombra
Terreno Non esigente, ma preferisce ricco, profondo e argilloso
Collocazione Piena terra o vaso
Umidità del suolo Sempre fresco
Propagazione Seme
Uso Zona aromatica, bordure naturali, sovescio, foraggio


  • salvia chamedrioides Il genere salvia comprende alcune centinaia di specie di piante erbacee originarie del continente Americano, dell'Europa e dell'Africa settentrionale; possono essere erbacee o veri e propri arbusti, p...
  • salvia officinalis Proviene dalle coste del Mediterraneo. Pianta aromatica con foglie molto profumate, assai utilizzate in cucina. Durante il periodo invernale alcune varietà perdono completamente le foglie mentre altre...
  • ruta graevolens La Ruta graveolens proviene dall'Europa meridionale, dove può crescere a carattere spontaneo, soprattutto nei terreni pianeggianti e lungo i litorali. E' una pianta aromatica con foglie e radici mo...
  • Valeriana la Valeriana officinalis è una pianta officinale che cresce anche spontaneamente, originaria delle Regioni dell'Europa Occidentale. Si tratta di arbusti perenni, completamente rustici, che crescono ...

Semi erbe aromatiche assortite basilico erba cipollina maggiorana dolce aneto prezzemolo. Prodotto in UK 2000 semi per scatola erbe giardino cucina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,8€


Annaffiature

Ricordiamoci di annaffiare la senape solo in caso di lunghi periodi di siccità, solitamente queste piante si accontentano delle piogge. Non necessita di concimazioni aggiuntive, soprattutto se viene posta a dimora in terreno da giardino ricco in materia organica.


Terreno

Le piante di senape preferiscono terreni argillosi, e mal sopportano i terreni sabbiosi e molto drenati. Il primo periodo di crescita necessita principalmente di azoto ma senza richiedere comunque quantità eccessive. Se piantate la senape in terra non saranno necessarie particolari concimazioni. Se invece scegliete la coltivazione in vaso dovrete procurarvi un vaso sufficientemente ampio e del terriccio di buona qualità. Il diametro minimo del vaso per coltivare la senape è di 20 cm ed il terriccio da utilizzare dovrà essere un terriccio neutro con una buona percentuale di pietre porose per migliorare la struttura ed il drenaggio del terreno.

IL CALENDARIO DELLA SENAPE
Semina Da febbraio a settembre, scalare per le annuali
Raccolta delle foglie Da aprile a dicembre
Raccolta dei semi Da inizio autunno


Moltiplicazione

La moltiplicazione della senape avviene principalmente per seme: seminare all'inizio della primavera direttamente a dimora oppure in contenitori come descritto prima. Le principali varietà di senape che vengono coltivate sono la senape bianca, la senape nera e la senape selvatica. Il nome delle prime due varietà è dovuto al colore che assumono i loro rami. La senape selvatica è la specie con sapore ed aroma più delicato ma dalla crescita leggermente più rustica.


Parassiti e malattie

Parlando di malattie e parassiti della senape, c'è da segnalare che spesso gli afidi rovinano i germogli e i boccioli fiorali, compromettendo la produzione dei semi. Le condizioni climatiche di coltivazione sbagliate possono spesso rovinare la pianta ed indurre un deperimento che facilita l'attacco dei parassiti e l'ingresso delle malattie.

È una pianta generalmente resistente, ma nel tempo, a causa della coltivazione intensiva in alcune zone, alcuni patogeni si sono rivelati insidiosi.

In particolare la senape bruna è sensibile all’oidio, specialmente alla fine della primavera e a inizio autunno. Scegliamo sempre una posizione ben ventilata e aperta, evitando il più possibile di bagnare le foglie durante le irrigazioni.

Le piccole piantine e la base di quelle adulte risultano molto appetibili per lumache e limacce. Creiamo delle barriere con della cenere, gusci d’uovo o sabbia. Utili sono le trappole di birra.

Un altro nemico sono gli alticini, coleotteri che colpiscono in particolar modo le Brassicaceae. Causano buchi sulle foglie che possono debilitare la pianta. L’ideale è proteggere gli esemplari con delle reti a maglia molto fitta.


Raccolta e conservazione dei semi

I semi si raccolgono a fine estate-inizio autunno. Bisogna procedere prima che risultino completamente maturi e diventino scuri. Tagliamo gli steli alla base, raccogliamoli in mazzi e poniamoli a seccare in una zona ombreggiata, secca ed arieggiata. Stendiamo al di sotto un telo in maniera da raccogliere i grani che dovessero cominciare a cadere. Una volta che il tutto risulta ben secco scuotiamolo e battiamolo con un bastone per favorire la fuoriuscita dei semi.

Si conservano egregiamente per almeno due anni, soprattutto se chiusi in barattoli ermetici al riparo da luce e calore.


Utilizzi in cucina

La senape è conosciuta e impiegata a scopo alimentare e medicinale fin dall’antichità. La salsa cui dà il nome è molto popolare in tutto il mondo: è la più consumata dopo il ketchup e la maionese. Viene impiegata in particolar modo nella cucina francese, inglese (e di conseguenza americana), ma può variare sia nell’aspetto sia negli ingredienti e nel sapore complessivo finale, più o meno pungente.

I semi vengono impiegati ampiamente anche nella cucina asiatica. Pestati al mortaio diventano un ingrediente indispensabile per i tipici melange indiani di spezie. Possono essere saltati interi in padella e adoperati per aromatizzare verdure, insalate e carni.

Sono spesso un elemento essenziale nella preparazione delle conserve sott’olio e sott’aceto (per esempio di cavolfiori, cetrioli e cavoli). In Giappone e Corea se ne ricava una salsa molto piccante (karashi o yeongyeoja) per accompagnare zuppe, ravioli e carne.

In Italia è molto famosa la mostarda (di Cremona, di Voghera, di Mantova, di Vicenza): si tratta di frutta o verdura candita (o ridotta in composta) aromatizzata con olio essenziale o polvere di senape piccante. Si abbina a bolliti e carni in genere, oppure a formaggi. Il nome mostarda (moutarde in francese) fa riferimento al mosto dell’uva, da cui un tempo si ricavavano delle composte aromatizzate con i semi pestati finemente.

TipoSpecieAltezza e colore dei fioriParti utilizzabiliAromaAltri usiAltre caratteristicheConsigli
 Annuale Senape bianca (Sinapis alba) Da 50 a 90 cm, fiori gialli Semi, fiori e foglie Delicatamente speziato Migliora la tessitura dei terreni compatti

Ottima come foraggio per animali da latte

 Crescita veloce,

anche in inverno

 Effettuare semina scalare perché le piantine si esauriscono velocemente
 Senape nera (Brassica nigra) Fino a 1 m, fiori gialli Semi, foglie e fiori Molto piccante Buona pianta da sovescio  
 (Sinapis arvensis) Fino a 80 cm

Fiori giallo acceso

 Foglie e fiori Leggermente piccante. Buona nelle insalate o appena scottata Utile nelle bordure naturali per attirare insetti impollinatori e farfalle Fiorisce dalla primavera all’autunno, al Sud tutto l’anno.

Pianta mellifera

 Può diventare invasiva.
 Biennale Senape bruna (Brassica juncea) Da 40 a 150 cm

Fiori gialli a mazzetti

 Foglie e semi Sapore piccante come quello della nigra Da sovescio Crescita rapida, semi grandi

Con la nigra è la più impiegata per la produzione di estratti e della senape di Digione

 Può essere coltivata come annuale (per raccogliere le foglie) o come biennale (per i semi)


Senape - Sinapis arvensis: Altri utilizzi

La senape bianca è conosciuta fin dall’antichità e viene coltivata anche come pianta foraggera visto che gli animali che se ne nutrono producono un latte ricco e molto saporito. I loro fiori inoltre attirano molto insetti pronubi, quali api, bombi e farfalle. È quindi una buona idea coltivarne sempre qualche esemplare nei pressi dell’orto in maniera da ottenere un’abbondante produzione. È molto apprezzata anche come pianta da sovescio: grazie alle sue profonde e ramificate radici è capace di rendere più soffici e aerati i terreni argillosi. Gli sfasci possono poi essere inglobati nel terreno arricchendolo di sostanza organica.

Nell’orto è inoltre utile per allontanare i nematodi: si consocia quindi molto bene con patate, pomodori e melanzane (che ne sono spesso vittime). Va invece evitata la vicinanza di altre brassicacee come i cavoli, i ravanelli e la rucola. Entra in contrasto anche con i legumi.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta direttamente ai raggi del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare eccessivamente; in genere è sufficiente fornire acqua ogni 15-20 giorni, o anche meno; più il clima è freddo e meno la pianta necessita di annaffiature; si consiglia di sospendere le annaffiature durante i periodi con temperature molto rigide.


Tenere asciutto
concimazione
In genere l'orto non viene concimato durante i mesi invernali, se si è già proceduto ad aggiungere al terreno del concime organico durante l'autunno; altrimenti si pratica una concimazione con stallatico a dicembre o a febbraio.


Esigenze della piante a dicembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO