Timo - Thymus vulgaris

Timo caratteristiche generali

Il timo è una pianta aromatica perenne estremamente diffusa. Cresce spontaneamente in diversi paesi del Mediterraneo oppure viene coltivata nell'orto o in giardino molto facilmente. Preferisce i terreni leggeri, calcarei e ben drenati, o perfino aridi e rocciosi, e un clima caldo e soleggiato, ma può resistere anche a temperature rigide per brevi periodi.

Il timo appartiene alla famiglia delle Lamiaceae, come il basilico, la menta o la lavanda. È un arbusto perenne che forma cespugli fitti e compatti, e può raggiungere 20-30 cm di altezza. Gli steli sono sottili, legnosi e fragili, e le foglie persistenti sono strette, allungate e profumatissime, con una colorazione verde più o meno intenso e sfumature grigie.

Fiorisce da maggio a luglio, a seconda della specie. I fiori sono di un colore bianco rosato, e molto ricchi di nettare, perciò sono estremamente ricercati dalle api. Infatti il timo è una pianta mellifera, e il miele al timo è molto pregiato.


Generalità

thymus vulgaris Il Thymus vulgaris proviene dalla zona del Mediterraneo. E' una pianta aromatica a crescita spontanea sia nei terreni pianeggianti che in quelli montuosi dell'area mediterranea.

E' una pianta aromatica con foglie molto profumate, assai utilizzate in cucina, soprattutto per aromatizzare carni in umido e pesce. Durante il periodo invernale il timo perde completamente le foglie.

E' una varietà perenne che raggiunge i 40/50 cm e forma dei cespugli piuttosto folti e compatti.

Presenta delle foglie strette, a forma lanceolata di colore verde con sfumature grigie che sono ricoperte da peluria. Nella stagione primaverile e in quella estiva presenta una fioritura prolungata di fiori bianchi con sfumature rosate.

Il timo in breve
Famiglia Lamiaceae
Genere Thymus
Tipo di pianta  Aromatica e medicinale
Origine Area mediterranea
Foglie  Persistenti
Portamento Cespuglioso, leggermente prostrato
Uso  Balcone o terrazza, coprisuolo, giardino roccioso, bordure di vialetti
Altezza a maturità  Da 20 a 30 cm
Velocità di crescita  Media
Malattie e parassiti Marciume radicale
Temperatura Preferisce il caldo, ma resiste anche al clima rigido per brevi periodi


  • Timo Oltre ad essere una aromatica molto conosciuta, utilizzata e coltivata, il vulgaris viene cresciuto in giardino anche come pianta ornamentale; produce piccoli cuscini tondeggianti, con fusti eretti, d...
  • Pinus pinaster Con iltermine Pinus pinaster ci si riferisce alla famiglia di pinacee sempreverdi originarie del Mediterraneo e delle zone atlantiche di Portogallo e Francia, hanno crescita abbastanza rapida e raggiu...
  • Pleiospilos bolusii Le radici del nome Pleiospilos derivano dal greco Pleios = molte, Pilos = chiazze, piante dalle molte chiazze. Di questa pianta, originaria del Sub Africa, si conoscono 38 specie ed appartiene alle pi...
  • pino marittimo Salve mi trovo nella punta più a sud d'italia,e più precisamente a Portopalo di capo passero--vicino Pachino---,nella provincia di Siracusa, ho diversi terreni dedicati a giardino, in uno dei quali ho...


Varietà di Timo

Il timo è un genere che conta circa 350 specie. Oltre al timo comune (Thymus vulgaris), citiamo il timo citriodorus, molto amato per il caratteristico profumo di limone, e il timo serpyllum noto anche come serpillo, timo selvatico o timo cedrato.


Esposizione

timo Tutte le varietà di timo amano l'esposizione alla luce del sole tutto l'anno. Il Thymus vulgaris è una pianta rustica che cresce in maniera più rigogliosa all'interno di zone a clima temperato. Data la sua rusticità, può resistere anche a periodi di breve durata in cui sono presenti temperature piuttosto rigide, fino anche a -15 °C. In caso il clima rigido duri per più tempo, è necessario coprire le piante di Thymus vulgaris con un telo protettivo, oppure, se vengono coltivate in vaso, vanno trasferite in un luogo protetto.

Il timo è una pianta che ama il sole, ma sopporta anche le temperature rigide, e può resistere per periodi brevi a temperature di -10o/-150 gradi.


Terreno

timo Per una migliore crescita, il timo necessita di terreni ricchi, asciutti e ben drenati con una predominanza di calcare. Essendo una varietà rustica, comunque, può svilupparsi con facilità anche quando il terreno no presenta delle caratteristiche ideali.

Non necessita di particolari annaffiature, anche se cresce in modo più vigoroso se esse sono regolari, con l'accortezza, però, di verificare che il terreno consenta il corretto drenaggio e non permetta la formazione di ristagni idrici che possono compromettere la salute di questo genere di pianta. L'eccessiva umidità, infatti, può provocare marciumi radicali e seri problemi alla salute di questo genere di pianta.


Come coltivare il timo

In vasi, in fioriere o in piena terra, il timo si trapianta in primavera: scegliete una posizione soleggiata e innaffiate regolarmente, senza esagerare.

Se lo coltivate in vaso, mescolate al terreno del compost e della sabbia. In fondo al vaso mettete della ghiaia per favorire il deflusso dell'acqua, disponete sulla ghiaia il terreno preparato in precedenza e appoggiatevi la pianta. Riempite il vaso di terra e innaffiate un po'. Ponete il vaso in una posizione soleggiata.

Se lo piantate in piena terra, mettete le piantine a una distanza di 20-30 cm l'una dall'altra, pressate il terreno intorno alle piantine e innaffiate senza inzuppare il terreno, poiché il timo non ama il ristagno di acqua. Piantare il timo nell'orto è molto utile poiché tiene lontani insetti nocivi e parassiti.

Il timo non ha bisogno di cure: può resistere sia al caldo sia al freddo, e teme soltanto la troppa umidità. Ma si consiglia di eliminare le erbe infestanti che minaccerebbero la pianta, e i rametti secchi o danneggiati per evitare la propagazione delle malattie.

Soprattutto nei climi freddi e umidi, le piante devono essere rinnovate periodicamente (ogni 3-4 anni) per evitare che diventino legnose, e le foglie perdano l'aroma tipico.

La coltivazione del timo
Coltivazione Facile
Manutenzione  Semplice
Esposizione In pieno sole tutto l'anno
Terreno Leggero, povero e ben drenato
Pulizia/potatura  Primavera
Necessità idrica  Scarsa
Umidità suolo  Non tollerata
Concimazione Molto limitata o assente
Moltiplicazione  Seme, talea, divisione dei cespi


Parassiti e malattie

timo Questo tipo di pianta può essere soggetto all'attacco da parte di parassiti e malattie, ma dato l'uso che ne viene fatto, che risulta essere quello culinario, non è consigliabile intervenire in alcun modo con l'utilizzo di prodotti chimici insetticidi che comprometterebbero la salubrità della pianta. Risulta più conveniente, dato il basso costo delle piantine, procedere con la loro sostituzione. E' bene poi fare attenzione all'insorgenza di marciumi radicali, che risultano provocati dall'eccessiva presenza di acqua o di umidità.

Il timo è una pianta resistente e poco soggetta alle malattie. Il principale nemico è un fungo che fa morire la pianta: dapprima vengono intaccate le radici, man mano la pianta appassisce e infine muore. Per evitare che le radici marciscano, aggiungete al terriccio della ghiaia sia che si pianti in vaso sia in piena terra.

In caso di malattie è comunque consigliabile non utilizzare insetticidi o prodotti chimici che renderebbero non commestibile le foglioline e i fiori di timo.


Moltiplicazione

Per ottenere nuovi esemplari di timo è possibile procedere per per divisione dei cespi (in primavera), per talea (in maggio-giugno) o per seme (in marzo-aprile).

Procedendo con la semina c'è lo svantaggio di non sapere se i nuovi esemplari presenteranno le stesse caratteristiche genetiche della pianta madre, data l'alta variabilità delle componenti in gioco; ciò non avviene con la riproduzione tramite talea o divisione dei cespi.

Questa pianta aromatica si mette a dimora nel mese di ottobre o di marzo.


Raccolta

timo Di queste piante si raccolgono sia le sommità fiorite che le foglie.

i rami di timo possono essere raccolti dalla primavera all'autunno. Possono essere conservati anche essiccati. Le piante di timo non sono molto longeve, e devono essere sostituite ogni 3-4 anni.

Nel corso del primo anno è bene procedere con cautela con la raccolta, per evitare di indebolire troppo la pianta.

La raccolta può avvenire in qualunque periodo dell'anno, secondo la necessità. Ma prima della fioritura o all'inizio della fioritura, le estremità dei rametti e le foglie sono più profumate.

Tagliare i rametti contribuirà alla ricrescita e renderà il cespuglio più denso e folto. I rametti non devono essere tagliati rasoterra, ma a 5 cm dal suolo, al mattino.

Dopo averli raccolti, legateli formando dei mazzetti.

Il calendario del timo
Semina Marzo, aprile, maggio, settembre, ottobre
Messa a dimora  Marzo, aprile
Fioritura Marzo, aprile, maggio, giugno, luglio, agosto
Raccolta Marzo, aprile, maggio, giugno, settembre


Timo citriodorus, timo limone o degli agrumi

Timo citriodorus Il timo citriodorus è un piccolo arbusto che può raggiungere i 30 cm di altezza. Ha foglie ovali, più grandi rispetto alle altre specie, e ricche di oli essenziali che conferiscono a questa pianta una gradevole fragranza di limone. Le foglie sono caratterizzate da sfumature gialle o verdi a seconda della specie ibrida.

Si adatta a qualunque terreno, purché ben drenato visto che non tollera il ristagno d'acqua. La pianta di timo deve essere posta in un luogo soleggiato e riparato dal freddo nel periodo invernale poiché teme le gelate.

Del timo limone si utilizzano le sommità fiorite o le foglie raccolte prima dell'inizio della fioritura. Per il gusto intenso di limone risulta adatto a insaporire piatti di carne, pesce o insalate, ma è usato anche per condire le verdure.

Con le foglie e i fiori essiccati si realizzano infusi contro tosse, raffreddore e problemi di digestione.


Timo serpyllum, serpillo o timo selvatico

Il timo serpyllum è una varietà che resiste anche in zone con clima freddo. Molto comune nelle campagne, in prati o pascoli, oppure in montagna; cresce spontaneamente perfino su terreni aridi e calcarei, o su muretti e rocce fino a 2500 m. A differenza di altre specie, riesce a sopravvivere nei terreni umidi.

Ha portamento strisciante e di rado supera i 10/15 cm di altezza. Le foglie sono ovali e sottili, e hanno un colore verde intenso.

Il serpillo fiorisce ripetutamente da giugno a settembre, e i fiori viola trasformano il cespuglio in una nuvola colorata che copre quasi totalmente le foglie verde scuro.

Del timo serpillo si utilizzano anche le sommità fiorite, che devono essere raccolte in giornate asciutte e soleggiate. Mentre la raccolta delle foglie deve avvenire prima della fioritura.

Il profumo del serpillo è meno intenso del timo comune, e per questa ragione spesso viene preferito in cucina per condire piatti di carne, di pesce e legumi.


Annaffiature

pianta di timo La pianta di timo non necessita innaffiature frequenti, ma nei periodi più caldi può essere innaffiato regolarmente. Verificate sempre l'umidità del terreno ed evitate il ristagno dell'acqua, che potrebbe pregiudicare la sopravvivenza della pianta a causa idei marciumi radicali. Perciò, innaffiate soltanto se il terreno è asciutto, e in inverno riducete le innaffiature al minimo, soprattutto nelle zone in cui le giornate di sole sono rare.


Concimazione del timo

Non è necessaria la concimazione, poiché il timo ama il terreno povero. Soprattutto è sconsigliato fornire del concime in estate. Per favorire l'accrescimento è possibile somministrare del concime a cessione lenta all'inizio della primavera.


Potatura del Timo

taglio timo Per il timo non è corretto parlare di operazione di potatura vera e propria, ma soltanto di eliminazione di tutti i rami rovinati e secchi all'inizio della primavera.

È ugualmente possibile accorciare i rametti per conservare l'aspetto compatto e favorire lo sviluppo di nuovi rami e di nuove foglie. Si consiglia di accorciare gli steli al momento della fioritura: recuperate i rametti per conservarli e utilizzarli in cucina.


Propagare il Timo

La propagazione del timo può avvenire per seme, per talea oppure per divisione dei cespi.

Per seme

La riproduzione tramite seme viene effettuata in primavera (a marzo se si semina all'interno e a maggio all'esterno). Preparate il terriccio con della sabbia, disponete i semi e ricoprite con poco terriccio poiché i semi hanno bisogno di luce. Innaffiate leggermente con un nebulizzatore solo per mantenere il terriccio umido. Vedrete spuntare le prime piantine dopo due o tre settimane, ma dovrete attendere almeno cinque o sei settimane prima di mettere le piantine a dimora.

Per talea

La riproduzione per talea può essere effettuata nel periodo aprile-maggio, ad agosto oppure a settembre-ottobre. Per la talea si prelevano dei rametti già lignificati che possono essere messi a dimora direttamente oppure dopo averli fatti radicare in vaso.

Per divisione

All'inizio della primavera o in autunno, scegliete un cespuglio ampio e dividetelo con una zappetta facendo attenzione alle radici. Dopo aver prelevato una parte del cespo, innaffiate delicatamente le radici in modo da compattare la terra e favorire la ricrescita. Eseguite la normale messa a dimora della nuova pianta e innaffiate regolarmente.


Consigli per la conservazione del timo

timo Il timo può essere conservato essiccato o congelato. Se preferite essiccarlo, dopo averlo raccolto, sciacquatelo per togliere la polvere, sgocciolatelo e legate i rametti in mazzetti. Appendete i mazzetti sottosopra in un luogo caldo, asciutto e aerato, ma con poca luce. Quando è secco, conservatelo in un barattolo di vetro o in un contenitore a chiusura ermetica. Si conserva bene per un periodo di circa un anno, poiché progressivamente il profumo diventerà meno intenso.

Anche il congelamento consente di conservare inalterato il profumo del timo, potete provvedere a congelarlo in piccoli sacchettini dai quali è più facile prelevare la quantità necessaria.


Timo - Thymus vulgaris: Uso e Proprietà terapeutiche

Del timo possono essere utilizzati foglie e fiori per condire legumi e insalate, oppure piatti di carne e pesce alla griglia. Il timo ha proprietà antisettiche, digestive, depurative, carminative ed espettoranti.

Le tisane a base di timo sono particolarmente consigliate per problemi alle vie respiratorie superiori (tosse, mal di gola...).


  • timo pianta Il Timo è una nota e diffusissima erba aromatica, molto utilizzata nella cucina mediterranea; in natura questa piccola p
    visita : timo pianta



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno si concimano soltanto le orticole che stanno ancora fruttificando; gli appezzamenti precedentemente occupati da orticole annuali si lavoreranno a fondo, prima dell'inverno, aggiungendo al terreno del concime organico ben maturo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO