Creare sottobosco in pineta

Domanda : Creare sottobosco in pineta

Salve,

possiedo una pineta abbastanza ampia, formata non solo da alberi di pino ma anche da qualche ulivo e qualche quercia. La pineta si trova sul pendio di una collina, rivolta a nord, a 6 - 10 Km dal mare, in Sicilia.

Gli alberi di pino hanno circa 30 anni e si sono fatti abbastanza alti (circa 20 metri).

Nel frattempo sotto gli alberi però non cresce nulla e sembra essere sparito il verde, solo una distesa marrone di aghi di pino.

E' mia intenzione rendere verde la parte sotto gli ombrelli dei pini, magari creando un sottobosco.

Avevo pensato pi piantare diverse piante di felce (Davallia e Capelvenere) e convallaria sperando che si riproducano spontaneamente.

Inoltre avevo pensato di usare dei cespugli di camelia per dare un tocco di colore.

Per ricoprire i tronchi dei pini, pensavo ad una rampicante come l'edera.

Ecco i miei dubbi:

1) Le felci potrebbero trarre beneficio dal terreno (acido grazie agli aghi dei pini) ma non credo ci sia abbastanza umidità da poter crescere bene (soprattutto in estate) E' una buona idea piantarle? Quale potrebbe essere l'alternativa?

2) Non vorrei che l'edera, crescendo in sempre più alta, "soffochi" i pini facendoli morire. E' una preoccupazione fondata? Anche in questo caso, quale potrebbe essere l'alternativa?

hosta


Risposta : Creare sottobosco in pineta

Gentile Claudio,

effettivamente il terreno sotto le conifere è spesso spoglio; il motivo principale di questo fatto risiede nella conformazione della chioma delle conifere, soprattutto per quanto riguarda le sempreverdi. Infatti queste piante non permettono all'acqua delle precipitazioni di cadere al suolo; se ci hai mai fatto caso, difficilmente il terreno alla base delle tue conifere si bagna: a meno che non si tratti di un forte temporale estivo, le comuni piogge non raggiungono il terreno. Oltre a questo le conifere sono alberi maestosi, che producono un ampio apparato radicale e utilizzano grandi quantità di acqua. Detto questo, si capisce che il terreno al di sotto delle conifere risulta ombreggiato (la chioma delle conifere è pure sempreverde e fitta) e asciutto.

In genere le piante adatte per i terreni ombreggiati amano invece l'umidità.

Quindi, scegli ciò che preferisci: camelie, felci, hosta, pachysandra, ophiopogon; ricordati però che dovrai annaffiare in abbondanza le tue piante.

Per quanto riguarda l'edera, in genere queste piante difficilmente soffocano gli alberi, ma colonizzano di preferenza gli alberi morenti, per poi avere a disposizione il tronco per arrampicarsi. In ogni caso, nel corso degli anni l'edera diventa imponente, quindi non è forse la pianta più indicata per essere lasciata indisturbata nel giardon; se ti piace, ponila a dimora, ma ricorda di tenerne controllato lo sviluppo.

  • abies concolor L'Abete Abies concolor è una conifera sempreverde, originaria dell'America settentrionale; si tratta di un albero a crescita abbastanza lenta, mediamente longevo, che può raggiungere i 15-25 metri di ...
  • bonsai picea conifera sempreverde dall'aspetto imponente, diffusa in Europa e in nord America, in natura può raggiungere anche i 40-45 metri di altezza; è l'abete che più spesso viene utilizzato come albero di nat...
  • Bonsai di conifere Gli appassionati di bonsaismo spesso scelgono esemplari di conifere per produrre le loro opere d'arte; in effetti esistono centinaia di specie e varietà di conifere, la gran parte delle quali sono mol...
  • conifere Alla classe botanica delle conifere appartengono oltre 600 specie, diffuse principalmente nella fascia climatica temperato-fredda , e con minor diffusione, nella tropicale.In tali zone le conifere s...




COMMENTI SULL' ARTICOLO