cura dell'ibiscus

Domanda : cura dell'ibiscus

Salve,

io ho un ibiscus in vaso che d'estate va continuamente dei bellissimi fiori gialli.

D'inverno lo tengo dentro casa, a circa una temperatura di 18-19°. Questo è il suo secondo inverno dentro casa mia, e noto che ha le foglie di un verde spento, tendente al giallognoso. Io vorrei fare due cose prima della prossima fioritura: rinvasarlo, per dargli un vaso più grande, e credo sia anche il caso di potarlo. Ma non so se posso fare le due cose contemporaneamente e in che momento, prima di aprile, momento in cui lo potrò portare in terrazzo di nuovo.

Grazie per i consigli, saluti

Ibisco

Kit trio Bonsai di Plant Theatre - 3 diversi alberi Bonsai da coltivare - Ottimo regalo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Risposta : cura dell'ibiscus

Gentile Elena,

la potatura degli ibischi viene effettuata a fine inverno, quindi puoi già in marzo rinvasare la pianta e potarla, in modo da favorire lo sviluppo di un bell'arbusto compatto. L'ingiallimento del fogliame può essere dovuto a mancanza di luce o di concime, o al clima asciutto presente in casa; quindi la tua pianta dovrebbe migliorare rapidamente una volta spostata all'aperto in aprile.

  • Ibisco Arbusto a foglie caduche, originario dell’Asia, molto diffuso in coltivazione come pianta ornamentale, nei giardini e come arredo urbano. Ha portamento eretto, ben ramificato, e raggiunge i 2-3 metri ...
  • Ibisco L' ibisco è un arbusto di medie dimensioni, o più spesso erbacea perenne; l'hibiscus coccineus è una pianta originaria dell'America settentrionale; produce sottili fusti eretti, che spesso divengono l...
  • Ibisco Al genere hibiscus appartengono svariate decine di specie, tra cui arbusti, piante annuali, erbacee perenni ed anche piccoli alberi; la gran parte delle specie di ibisco sono originarie dell’Asia, ma ...
  • Ibisco di palude pianta erbacea perenne a foglie caduche, originaria dell'Asia e del continente americano; questi arbusti sviluppano fusti legnosi eretti, alti 80-150 cm, ricoperti da una sottile peluria, che portano ...

Compleanno in argento Sterling, a forma di fiore collana/ciondolo -- settembre ---- Aster, presentato Effectz Sterling

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,36€


Potatura dell'ibiscus

Potatura dell'ibiscus Per far rinvigorire la pianta di ibiscus sono quindi necessari questi due interventi: la potatura ed il rinvaso. Per quel che riguarda la potatura si tratta di un intervento finalizzato sia al rinvigorimento della pianta che alla rimozione delle porzioni di rami secchi e morti. Attrezziamoci quindi con una forbice per potatura affilata e con lama disinfettata per poi iniziare con le operazioni di potatura.

Eliminiamo per prima cosa tutti i rami secchi e le porzioni di rami mal conce, storte e messe male. Fatto questo dobbiamo cercare di dare una forma alla pianta e quindi dovremo riequilibrare la lunghezza dei rami accorciando i rami troppo lunghi ed eliminando quelli che stonano con la visione d'insieme della pianta.

Fatto questo la potatura è terminata e non ci resta che procedere con il rinvaso. Se la potatura viene effettuata con criterio i risultati sono apprezzabili sin dalla primavera successiva.


L’hibiscus rosa-sinensis

L’hibiscus rosa-sinensis è una delle piante da giardino e da vaso più apprezzate. I suoi fiori sono infatti molto grandi, abbondanti e coloratissimi. La coltura e la propagazione sono delle più semplici. A tutti piace possedere uno di questi cespugli perché dalla metà della primavera ai primi freddi portano una ventata di vivacità ed esotismo.


La coltivazione dell’ibisco della Cina

Terreno

Questo arbusto predilige un terreno ben sciolto, mediamente ricco e a pH leggermente acido. Valutiamo bene il suolo del nostro giardino: se risultasse troppo argilloso possiamo lavorarlo inglobando un prodotto apposito per acidofile (dal 30 al 50%) e un poco di sabbia grossolana di fiume. Qualche manciata di stallatico ben stagionato è sempre gradita.


Esposizione

In linea generale l’esposizione migliore è il pieno sole, specialmente durante la primavera e l’autunno. Un caldo molto intenso (soprattutto con bassa umidità atmosferica) può però indurre l’ibisco (soprattutto se in vaso) ad entrare in riposo vegetativo, smettendo di produrre boccioli. Per questa ragione, un po’ in tutta Italia, ma specialmente sulle coste e nelle regioni meridionali, si consiglia, a luglio e agosto, una posizione più riparata. L’ideale è che la pianta sia raggiunta dal sole solamente durante le ore mattutine e magari alla sera. Ciò ci aiuterà anche nella prevenzione del ragnetto rosso.

Famiglia e genere
Altezza Da 40 cm a più di 2 m
Terreno Sciolto, ben drenato, pH leggermente acido
Esposizione Sole-mezz’ombra
Necessità idrica Media (alta in estate)
Umidità ambientale Medio-alta
Concimazioni Ogni 15 giorni, da aprile a settembre
Temperatura minima 5°C
Propagazione Talea erbacea, semilegnosa e legnosa
Fioritura Da aprile a inizio novembre


Clima

fiore di ibisco rosa sinensis L’hibiscus rosa-sinensis non è completamente rustico. Generalmente riesce a sopportare temperature fino a 3°C, ma sarebbe meglio ritirarlo quando le minime toccano gli 8°C.

Questo significa che in tutto il Centro-Nord della penisola è sconsigliabile inserire gli ibischi nel terreno in maniera permanente. Potremo coltivarli tranquillamente in vaso, riparandoli in inverno. Se vogliamo metterli in giardino saremo poi obbligati ad estrarli e portarli all’interno.

Vi sono però molte aree dove è possibile tentare la coltivazione permanente in piena terra, riuscendo così da ottenere arbusti di notevoli dimensioni, anche superiori ai 2 metri di altezza. Tutto il Mezzogiorno, specie le aree costiere, ha un clima favorevole, in particolare la Sicilia, la Campagna, la Puglia e la Sardegna.


Irrigazione e umidità ambientale

Questo arbusto non necessita di frequenti irrigazioni, se non nei periodi di grande caldo. In generale, in primavera e in autunno si procede quando il terriccio risulti asciutto. Nei mesi più caldi monitoriamo con attenzione la pianta e distribuiamo acqua appena le foglie appaiano un poco lasse: le somministrazioni potranno essere anche quotidiane (e si può far uso di sottovasi, ma solo in questo periodo!).

In inverno (se teniamo la pianta a riposo in ambienti non riscaldati) si irrigherà molto saltuariamente, solamente per evitare che il pane di terra diventi troppo secco e compatto.

Se possibile prediligiamo acqua piovana o demineralizzata per evitare che la grande quantità di sali innalzi il pH del substrato.

Umidità ambientale

La Rosa della Cina proviene da habitat tropicali e subtropicali, caratterizzati da forte umidità ambientale. Se vogliamo avere arbusti rigogliosi e estremamente fioriti è bene vaporizzare spesso le foglie con acqua distillata, bagnare spesso il pavimento nelle loro vicinanze o disporvi intorno dei sottovasi pieni di acqua e argilla espansa.


Concimazione

ibisco cinese Per ottenere fioriture abbondanti durante tutto il periodo vegetativo (da aprile a fine settembre) è importante apportare nutrienti regolarmente. Iniziamo con una concimazione di fondo impiegando un prodotto granulare a lenta cessione per piante fiorite. A questo bisognerà aggiungere un concime liquido ad alto tenore in potassio, da somministrare ogni circa quindici giorni. Quest’ultimo, volendo, può anche essere diluito notevolmente e aggiunto all’acqua di tutte le irrigazioni.

Queste piante traggono molto beneficio anche dalla concimazione fogliare, da effettuare contemporaneamente alle vaporizzazioni.


Potatura

La potatura dell’ibisco si effettua alla fine dell’inverno, in maniera da stimolare la ripresa vegetativa e il rinnovamento dall’esemplare.

Si può tagliare i rami a di circa 1/3 o ½ della loro lunghezza. Eliminiamo anche quelli che appaiano troppo vecchi o danneggiati dal freddo o da parassiti.


Propagazione

ibisco rosa sinensis tropicale Il metodo più facile per ottenere delle nuove piantine è senz’altro la talea.

Si può effettuare alla fine dell’inverno impiegando le parti derivanti dalle potature oppure, a metà primavera, prelevando dei segmenti apicali ancora totalmente erbacei.

Riescono anche bene alla fine dell’estate, facendo uso di sezioni semilegnose.

In ogni caso vanno riposte in un misto di torba e perlite (o sabbia), vaporizzate spesso e tenute in una zona calda e luminosa, ma non in pieno sole.


Parassiti e malattie

Sono arbusti resistenti, ma vengono attaccati con una certa frequenza da vari parassiti, anche se raramente in maniera grave. I più comuni sono gli afidi, le cocciniglie e il ragnetto rosso. Per i primi due è bene ricorrere ad insetticidi specifici, per l’ultimo è invece bene optare per un acaricida attivo su tutte le fasi di sviluppo (oltre ad aumentare l’umidità ambientale)

Può capitare che le foglie ingialliscano e i boccioli cadano prima di aprirsi. Le cause possono essere molteplici: irrigazioni troppo frequenti, esposizione eccessiva a sole e caldo o un ambiente troppo secco (specialmente se coltivata in appartamento).



Guarda il Video
  • ibiscus L’Ibisco è una pianta molto bella che dona ai giardini ed alle nostre case una sorta di allegria e felicità grazie ai su
    visita : ibiscus
  • ibisco pianta Arbusto a foglie caduche, originario dell’Asia, molto diffuso in coltivazione come pianta ornamentale, nei giardini e co
    visita : ibisco pianta
  • ibisco fiore Dotato di una bellezza straordinaria e di colori accesi e ricercati, l'ibisco è stato introdotto in Europa soltanto nel
    visita : ibisco fiore
  • fiore ibisco Lo splendido fiore di ibisco nativo dell’Asia e delle isole del Pacifico, introdotto in Europa nel ‘700 e negli Usa un s
    visita : fiore ibisco

COMMENTI SULL' ARTICOLO