rinvaso mimosa

Domanda: quando rinvasare la mimosa?

buongiorno, ho una domanda da porvi: ho acquistato un alberello di mimosa, ha i fiori, ma mi sembra costretto in un vaso un po' piccolo, posso trapiantarlo in un vaso più grande adesso che è fiorita o devo aspettare che sfiorisca, ed esattamente in che mese? Grazie
mimosa


rinvaso mimosa: Risposta: come rinvasare la mimosa

Gentile Flavia,

spesso in vivaio troviamo delle piante di mimosa coltivate in vasi decisamente molto piccoli, soprattutto considerando la quantità di vegetazione prodotta dalla pianta; in effetti queste piante non disdegnano la vita in contenitore, anche se molto piccolo, ma è conveniente rinvasarla lo stesso, soprattutto perché la pianta si svilupperà molto (anche in una sola stagione vegetativa) ed inoltre sarà eccessivamente difficile riuscire a mantenere umido un vaso minuscolo durante le calde giornate di luglio ed agosto.

Quindi, preparati al rinvaso, acquistando un bel contenitore capiente, anche se non sarà necessario spostare subito il giovane alberello in un vaso enorme; procurati anche un buon terriccio, in genere si utilizza della terra per acidofile, mescolata a sabbia di fiume lavata e pietra pomice, in modo che il terreno, pur mantenendo un poco l’umidità, risulti in effetti molto ben drenante e permeabile, in quanto le mimose non amano i ristagni idrici, soprattutto se il vaso rimane inzuppato d’acqua ferma.

Attendi per il rinvaso che la pianta abbia finito la fioritura, perché causeresti uno stress eccessivo a spostarla adesso, che è in pieno rigoglio vegetativo.

Si tratta comunque di un alberello già coltivato in vaso, quindi spostarlo da un vaso minuscolo ad una condizione di coltivazione decisamente migliore, sarà sempre un miglioramento più che uno stress, ma è conveniente evitare di praticare queste cose durate la fioritura.

In generale le mimose sembrano non amare i contenitori eccessivamente grandi, per questo motivo può essere che ti capiti di ottenere un alberello decisamente grande per il contenitore in cui lo posizionerai; per questo motivo è consigliabile posizionare sul fondo del nuovo vaso un sottile strato di ghiaia, in modo da rendere il vaso un poco più pesante (soprattutto se hai scelto un vaso in materiale plastico), che tenderà ad ancorare la pianta a terra, senza che il vento la rovesci con facilità.

Subito dopo il rinvaso, annaffia la pianta, e cerca per qualche giorno di mantenere il terriccio abbastanza umido, ma non inzuppato d’acqua; durante i mesi estivi annaffia con regolarità: diraderai le annaffiature solo a fine autunno. Ricordati però che, nonostante le mimose possano sopportare brevi periodi di siccità, è sconsigliabile lasciarle a lungo all’asciutto, anche in inverno; nel caso in cui, anche in dicembre o in gennaio, le temperature siano superiori ai 10°C, inumidisci leggermente il terreno della tua mimosa, senza bagnarlo eccessivamente.


  • fiori secchi La vita dei fiori può essere, per così dire, "allungata", grazie all'utilizzo di tecniche di essiccazione, che consentono la conservazione di piante e fiori per un lungo periodo di tempo. La bellezza ...
  • Mimosa  La mimosa (acacia dealbata) è un albero originario della Tasmania, ma che, giunto nel nostro paese verso la metà del 1800, si è adattato benissimo al clima della Riviera Ligure e a quello delle region...
  • Mimosa pudica Arbusto sempreverde di piccole dimensioni, in genere ricadente o eretto, originario dell’America meridionale. Ha sottili fusti di colore marrone rossastro, scarsamente ramificati, che portano lunghe f...
  • Mimosa Con il termine mimosa si indica comunemente un arbusto appartenente al genere delle acacie, in particolare l'acacia dealbata, i cui piccoli fiori gialli vengono usualmente donati alle donne nel giorno...


Guarda il Video
  • mimosa pianta La mimosa (acacia dealbata) è un albero originario della Tasmania, ma che, giunto nel nostro paese verso la metà del 180
    visita : mimosa pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO