semi primule

Domanda : semi primule

salve sono Giovanna ho letto molti manuali ma nessuno soddisfa il mio problema... cosa devo e come posso fare per seminare le primule e ottenere ibridi?? Grazie mille
Primula ibrida


Risposta : semi primule

Gentile Giovanna,

le primule comunemente coltivate in vivaio e in giardino appartengono a ibridi di vario tipo, prodotti nell’arco dei decenni, con fiori di ogni colore possibile (compreso il nero), talvolta anche doppi o stradoppi. Non tutti questi ibridi producono semi, ma la gran parte lo fanno, e tendono anche ad auto ibridarsi tra loro, semplicemente perché il vento o le api ne trasportano il polline. Risulta perciò abbastanza agevole ottenere dei semi di primula, dalle nostre piantine sul terrazzo, o in bustine venduti nei negozi specializzati. Purtroppo, partendo da piante già ibride, non è prevedibile quali saranno i caratteri delle piante ottenute da seme, perché non sempre avranno le caratteristiche di fioritura della pianta che portava i semi, ovvero della pianta madre. Quindi, prendendo i semi dalle nostre piccole piante, da un lato è molto probabile che si prelevino semi che sono il risultato di una auto ibridazione, dall’altro non è detto che diano piantine identiche alla pianta madre.

Per provare ad ibridare in modo casalingo una primula, non dovremo fare altro che prelevare del polline da una piccola pianta (si utilizza un genere un pennellino morbido) e spennellarlo sui fiori di un’altra pianta, con fiori completamente diversi. Importante è praticare questa operazione su dei fiori che si sono aperti da poche ore, perché se lo facciamo su fiori sbocciati da giorni, è probabile che siano già stati fecondati; oltre a questo, se vogliamo che i semi siano il risultato della nostra ibridazione casalinga, dovremo coprire i fiori impollinati con della mussola, o con dell’agritessuto, per evitare che le api o il vento ripetano l’impollinazione.

Come detto prima, non saprai mai quale sarà il risultato, fino a che non avrai cresciuto le giovani piantine; nel senso: se prendi il polline da una primula rosa a fiore doppio, e lo posi su dei fiori di primula semplici e candida, non ti puoi aspettare di ottenere delle piantine con primule doppie di colore rosa tenue. Questo perché la variabilità genetica delle tue piante è già molto alta in partenza, poiché i loro progenitori sono moltissimi, visto che le primule sono già state ibridate e incrociate decine di volte.

Puoi però provare a cercare dei semi di specie botaniche, in modo da tentare di incrociare individui più puri.

I semi di primula si seminano quando le minime notturne non sono eccessivamente alte, quindi da ottobre fino a marzo-aprile, circa; questo perché se le minime sono eccessivamente alte queste piante tendono a non germinare, se non dopo essere state poste al freddo in frigorifero.

Per evitare di dover vernalizzare i semi, li si semina con il fresco.

Prepara un letto di semina composto da torba e sabbia in parti uguali, ben umido (annaffialo prima di seminare), e posa i semi ben distanziati tra loro (se ci riesci); tieni il letto di semina in luogo fresco, con temperature vicine ai 5-8°C, e vaporizza spesso il composto, in modo da mantenerlo sempre umido; i tuoi semi dovrebbero impiegare circa un paio di settimane per germinare.

  • Streptocarpus E' una piccola pianta sempreverde originaria dell'Africa meridionale. E' costituita da una densa rosetta di grandi foglie verdi, tonde, sottili e rugose; in primavera e in estate dalla rosetta di fogl...
  • Primula erbacea perenne di origine asiatica. Produce una rosetta basale, costituita da grandi foglie di colore verde, tondeggianti, con margine ondulato, generalmente abbastanza rigide e compatte; sono ricope...
  • Primula  Il genere primula riunisce circa quattrocento specie di piante erbacee, perenni o annuali, diffuse in gran parte dell’emisfero settentrionale; in Europa e in Italia sono molto diffuse anche allo stato...
  • primula Nome: Primula officinalis Hill.Raccolta: Le radici in autunno, i fiori e le foglie tra marzo e maggio.Proprietà: Le radici: calmante, lassativo, sudorifero, espettorante e diuretico; i fiori: seda...



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO