Malattie ortensie

vedi anche: Ortensie

Malattie fungine

Le malattie ortensie possono essere svariate e dipendenti da numerosi fattori, come insetti, funghi e consinzioni ambientali. Per quel che riguarda le malattie ortensie di origine fungina, vediamo quali possono essere le più comuni da riscontrare.

- Botrytis: sì tratta di una malattia dovuta ad un fungo polifago, che alterna periodi di vita saprofitaria, ad altri di vita parassitaria. Si presenta come una polverina verde-grigiastra e si combatte con prodotti appositi, facilmente reperibili in commercio. Si sviluppa in condizioni di scarsa ventilazione, soprattutto quando tarde gelate sono seguite da piogge prolungate ed in presenza di forte umidità.

- Oidium: fungo che si presenta con macchie biancastre e in fase avanzata, costituisce una sorta di ragnatela piuttosto evidente. Piuttosto raro, compare di solito in estate e prolifera in condizioni di aridità. Basterà, se preso in tempo, garantire alle piante affette un apporto continuato di acqua per un periodo di ventiquattro ore, altrimenti utilizzare preparati specifici.

ortensia foglie

RINVERDENTE MICRO FERRO 30% ALTEA IN CONFEZIONE DA 15 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Malattie fungine: Hydrandea virus e armillaria melica

foglie di ortensia rovinate Alcune malattie ortensie sono piuttosto virulente e richiedono interventi radicali.

- Hydrandea virus: i sintomi sono rappresentati da una crescita stentata ed un aspetto fiacco ed opaco delle parti affette. Il virus ha un periodo di latenza e i sintomi sono rilevabili soltanto in condizioni di aridità, in estate.

L'unico intervento possibile è la distruzione di ogni pianta infetta.

- Armillaria melica: fungo saprofìta che attacca la radice o il colletto e si manifesta con la presenza nella zona sottocorticale di placche di micelio bianco-crema. Il suo sviluppo è favorito da ristagni idrici e lesioni su radici o colletto. Il primo sintomo è il rapido deterioramento di cespugli o loro parti fino a poco prima in perfetta salute: alcuni steli si mostrano avvizziti, disidratati, come se avessero sofferto grosse carenze di acqua. Su piante con attacchi iniziali o non molto estesi si può effettuare una ripulitura chirurgica, disinfettando poi colletto e zone adiacenti con sali di rame. Nel caso l'affezione crittogamica sia già avanzata non è possibile il risanamento, quindi asportare rapidamente e distruggere la pianta.

  • Ortensie  Il nome botanico è hydrangea, al genere appartengono alcune decine di specie, quasi tutte originarie dell'Asia, e in particolare di Cina, Giappone e Korea; la gran parte delle ortensie coltivate in Eu...
  • ortensie Vorrei sapere cosa può essere a causare l'accartocciamento e la forma irregolare delle foglie di ortensia fin da quando la gemma si schiude.Grazie...
  • ortensie Le ortensie sono piante generose, forti ed estremamente adattabili. Amano l'ombra, ma crescono bene anche al sole, vivono quasi in ogni tipo di terreno e le uniche due condizioni inderogabili per la l...
  • ortensia bianca E' con l'affascinante storia del loro nome che comincia la storia delle ortensie: fu il francese "cacciatore di piante" Philibert de Commerson che nel 1771 così battezzò alcuni esemplari provenienti d...


Insetti nocivi

foglie ortensia rovinate da insetti Gli insetti che possono procurare danni alle piante di ortensia sono:

- afidi, cocciniglia, ragnetti

- lumache

- nematodi

Per tutti questi esistono prodotti chimici specifici, tuttavia altamente dannosi anche per tutti gli altri insetti, l'ambiente e a volte per la pianta stessa. Perché la cura, come invece succede spesso, non sia peggiore del male, si consigliano prodotti più sicuri (malathion e derivati del piretro) anche se meno persistenti: per ovviare a questo basterà ripetere i trattamenti con una certa frequenza.


Malattie ortensie: Deficienze dell'ortensia

clorosi ortensia E' importante prestare attenzione a particolari segni che possono comparire sulla pianta di ortensia, per capire quale è il problema che li ha generati.

Clorosi: la pianta presenta un aspetto malaticcio, sciupato, le foglie scoloriscono mentre le sole venature rimangono verdi. Sarà opportuno trapiantare in un terreno più ricco di elementi nutritivi oppure intervenire somministrando chelati di ferro o sequestrene, allo scopo di rendere disponibili il più rapidamente possibile le sostanze necessarie.

E' importante ribadire che le ortensie sono piante molto robuste, forti, e difficilmente presentano questi problemi quando coltivate all'aria aperta, in terra o in vaso. Malattie e sofferenze sono invece molto più frequenti nelle Hydrangea coltivate in serra, in ambienti chiusi e sottoposte a forzatura.


Guarda il Video
  • ortensia bianca L'ortensia bianca è una varietà dell'ortensia classica, pianta ornamentale molto diffusa. Il colore dei fiori può variar
    visita : ortensia bianca

COMMENTI SULL' ARTICOLO