Erica

Come innaffiare l'erica

L'erica è caratterizzata dalla particolare fioritura che si concentra in autunno o in primavera. Per questo motivo, la sua innaffiatura deve essere mantenuta costante durante il corso dell'anno. Come regola generale, valida sia per le piante da giardino che per quelle da interno, l'erica va innaffiata ogni volta che il terreno risulti asciutto. La pianta infatti preferisce un terreno sempre fresco e umido. Nonostante la frequente bagnatura, è sempre bene evitare la formazione di ristagni di acqua che potrebbero causare la marcitura delle radici. Un accorgimento molto importante è quello di aggiungere della sabbia al terreno se la nostra pianta è di tipo acidofilo e si intende evitare la formazione di ristagni di acqua. In estate controllare maggiormente il terreno dell'erica se posizionata in giardino.
Erica in fioritura

SCOPA ERICA VERDE ART.8 (008049)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,14€


Come curare l'erica

Erica in vaso Sebbene l'erica riesca a fiorire anche in autunno, la pianta è molto sensibile alle temperature e soffre parecchio quando si arriva al di sotto dei 5°C. Quindi, se l'erica viene piantata in giardino è bene in inverno ripararla il più possibile.La pianta va potata subito dopo la fioritura, accorciando tutti i fusti che portano i fiori appassiti. E' importante procedere con la potatura immediata perchè una potatura tardiva potrebbe asportare gran parte della fioritura successiva.L'erica produce tanti piccoli semi che però, purtroppo, non sono sempre fertili. Quindi per la propagazione si tende a scegliere un altro procedimento. Si prelevano dalla pianta dei rametti, preferibilmente che non contengano fiori o boccioli, si tagliano le foglie della parte inferiore. Questi rami vanno poi immersi in un terriccio di torba e sabbia e andranno innaffiati regolarmente.

  • Patata americana le patate americane sono originarie dell’America centro meridionale, dove vengono coltivate per i loro tuberi commestibili, ricchi di amido, leggermente dolciastri; queste erbacee perenni rampicanti s...
  • Patata americana Viene comunemente chiamata patata americana, anche se i grossi tuberi somigliano alle patate soltanto per la forma; in effetti le patate americane, il cui nome botanico è ipomoea batatas, sono le gros...
  • Sommaco Il Sommaco americano o Rhus Typhina è un arbusto, o piccolo albero, a foglie caduche, originario dell'America settentrionale. Ha tronco eretto, generalmente corto, e chioma molto ramificata, disordi...
  • Erica Rallegrano giardini e terrazzi durante tutto l'autunno e l'inverno, ma in realtà si tratta di piccoli arbusti presenti in Italia anche in natura, sono le eriche, piccoli sempreverdi tappezzanti. Esist...

Gardman 34881 Annaffiatoio Metallico, Erica Antico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


Come concimare l'erica

Erica da giardino E' bene procedere con la concimazione dell'erica solamente inestate, quando la pianta è in fase di crescita. Questo processo va ripetuto ogni 15 giorni utilizzando un concime liquido, preferibilmente un concime specifico per piante acidofile, che andrà diluito nell'acqua di irrigazione. L'utilizzo di un concime di questo tipo aiuta la pianta a ricreare il pH con il quale essa si diffonde in natura. Un altro accorgimento per migliorare l'acidità dell'erica è aggiungere del calcare all'acqua di irrigazione. Se non fosse possibile fornire alla pianta dell'acqua demineralizzata, si può procedere fornendo periodicamente del concime rinverdente che potrà ripristinare la giusta quantità di ferro biodisponibile per le piante. Il terreno più adatto alla coltivazione dell'erica è un misto in quantità uguali di sabbia e torba.


Erica: Malattie dell'erica

Erica in fiore La causa principale di morte dell'erica è riscontrabile in cattive modalità di coltivazione che causano la formazione di muffe o marciumi. Se la pianta viene posizionata in luoghi troppo soleggiati, si rischia un suo essiccamento con conseguente morte all'interno dell'arbusto. Un clima eccessivamente asciutto potrebbe favorire l'attacco di cocciniglie e acari che rovinano il fogliame vistosamente.Se l'erica si trova in un ambiente con un clima umido ma scarsamente ventilato, si rischia la diffusione della muffa grigia causata dalla botrite.La pianta può essere fortemente danneggiata, fino a causarne la morte, se scarsamente innaffiata e posizionata allo stesso tempo in un luogo particolarmente soleggiato. La pianta è inoltre soggetta a clorosi, causata dall'utilizzo di un terreno calcareo. Questa malattia si presenta con lo scolorimento dell'erica.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO