Ancusa, Buglossa - Anchusa azurea

Generalità

Il genere Anchusa azurea conta circa una decina di specie di piante erbacee perenni e biennali, diffuse in Europa e in Africa meridionale.

Le piante di Ancusa producono larghi cespugli, alti 30-70 cm; i sottili fusti rigidi, leggermente lignificati alla base, tendono a piegarsi se si sviluppano eccessivamente in altezza; le foglie sono lanceolate, quasi lineari, ruvide, di colore verde chiaro; l'intera pianta, fusti e foglie, appare ricoperta da una sottile peluria, che la fa apparire di colore grigio o bluastro.

Nella stagione primaverile, all'apice dei fusti di buglossa sbocciano piccoli fiori di colore blu, a forma di stella, riuniti in piccoli mazzetti; ricordano i non-ti-scordar-di-me ma sono più grandi e più scuri. A. capensis è una biennale, spesso coltivata come annuale, le altre specie sono perenni; si consiglia di potare le specie perenni durante i mesi autunnali, per favorire, l'anno successivo, lo sviluppo di arbusti più densi e compatti che producono una fioritura più rigogliosa.

Ancusa


Esposizione

Ancusa Per ottenere dei buoni risultati con le piante di Anchusa azurea è bene porre a dimora in luogo soleggiato; è consigliabile, però, ombreggiare le piante di ancusa durante i mesi estivi, nelle zone più calde della penisola quando le temperature raggiungono livelli elevati.

Gli esemplari di Buglossa non temono il freddo, ma è bene coprire le radici con paglia,foglie secche o materiale pacciamante durante la stagione invernale, per evitare che il gelo e le temperature molto rigide le possano danneggiare.

  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...
  • piante perenni Con il termine generico Perenni si intendono quelle piante erbacee che hanno uno sviluppo pluriennale, quindi rimangono nel nostro giardino per anni, contrariamente a quanto accade alle annuali, che i...
  • Eliotropio al genere heliotropium appartengono circa duecentocinquanta specie di piante, diffuse in gran parte delle zone temperate del pianeta; Heliotropium arborescens è una pianta erbacea, perenne, sempreverd...
  • potentilla fructicosa red ace Piccolo arbusto a foglia caduca, originario dell'America settentrionale e dell'Asia; esistono circa cinquecento specie di potentilla, diffuse in tutto il globo, soltanto alcune vengono coltivate come ...


Annaffiature

buglossa Per quanto concerne la corretta fornitura d'acqua alle piante di Anchusa azurea, da marzo a ottobre, è bene annaffiare regolarmente, lasciando asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra pere evitare che possano formarsi dei ristagni idrici che risultano essere dannosi per gli esemplari di ancusa; in genere le buglossa sopportano senza problemi brevi periodi di siccità.

Durante il periodo vegetativo fornire del concime per piante da fiore, ogni 12-15 giorni, sciolto nell'acqua delle annaffiature così da avere una fioritura e una crescita migliori.


Terreno

ancusa Gli esemplari appartenenti alla varietà ancusa preferiscono terreni abbastanza ricchi di humus, leggeri e molto ben drenati; si sviluppano senza problemi anche nella comune terra da giardino, purché garantisca un ottimo drenaggio, fattore determinante per evitare che l'apparato radicale di queste piante si danneggi a causa dei ristagni idrici. Per il resto, si trata di piante piuttosto rustiche e resistenti che riescono a crescere anche in terreni poveri.


Moltiplicazione

La moltiplicazione degli esemplari di questo genere, di solito, avviene per seme o per talea; i semi delle varietà ibride in genere non producono esemplari identici alla pianta da cui si sono presi i semi.

Per avere delle piante con le stesse caratteristiche è meglio procedere con la tecnica delle talee.


Ancusa, Buglossa - Anchusa azurea: Parassiti e malattie

ancusa Queste piante, in genere, essendo di carattere rustico e resistente, non vengono colpite da parassiti o da malattie, anche se soffrono con facilità di marciume radicale o del colletto in caso di ristagno idrico. Controllare con attenzione che il terreno in cui sono poste a dimora consenta un ottimo grado di drenaggio.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO