Anisodontea

Generalità Anisodontea

L'Anisodontea è un genere che conta alcune specie di piante perenni, o piccoli arbusti, originari dell’Africa meridionale; nel corso degli anni possono raggiungere i 90-120 cm di altezza. Producono fusti eretti, scarsamente ramificati, che danno origine ad un ciuffo denso e abbastanza compatto; le foglie sono trilobate, rugose e con margine dentellato, di colore verde scuro, leggermente aromatiche. Dalla primavera inoltrata fino ai primi freddi autunnali, produce piccoli fiori piatti, simili ai fiori del pesco, nei toni del rosa e del bianco, delicatamente profumati. I fiori sbocciano lungo i fusti, all’ascella fogliare. Esistono varietà con i fiori particolarmente colorati, ed anche a foglia grigia. Per mantenere la pianta ben compatta e favorire lo sviluppo di nuove ramificazione, con conseguente abbondanza di fiori, è bene accorciare i rami di circa un terzo, all’inizio della primavera, evitando di tagliare fino al legno vecchio.
Anisodontea


Esposizione e annaffiature

fiori Le anisodontee sono specie che si coltivano al sole, anche se possono svilupparsi senza problemi in luoghi che godono di una leggera ombra. Sopportano brevi gelate di lieve entità, ma nei luoghi con inverni molto freddi è consigliabile coprire tutta la parte aerea, per evitare i danni del gelo e permettere cosi alla pianta di mantenersi anche quando le temperature sono difficili. Volendo è anche possibile coltivare le anisodontee in vaso, e riporre i contenitori in serra temperata o in casa durante la stagione fredda. Per quanto riguarda le annaffiature, queste vanno eseguite da da marzo a settembre abbastanza regolarmente, lasciando sempre asciugare alla perfezione il terreno tra un’annaffiatura e l’altra; ricordiamo che queste piante sono di origine africana, e quindi sopportano senza problemi la siccità. Durante i mesi freddi possiamo evitare di annaffiare.

  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...
  • piante perenni Con il termine generico Perenni si intendono quelle piante erbacee che hanno uno sviluppo pluriennale, quindi rimangono nel nostro giardino per anni, contrariamente a quanto accade alle annuali, che i...
  • Eliotropio al genere heliotropium appartengono circa duecentocinquanta specie di piante, diffuse in gran parte delle zone temperate del pianeta; Heliotropium arborescens è una pianta erbacea, perenne, sempreverd...
  • potentilla fructicosa red ace Piccolo arbusto a foglia caduca, originario dell'America settentrionale e dell'Asia; esistono circa cinquecento specie di potentilla, diffuse in tutto il globo, soltanto alcune vengono coltivate come ...


Terreno e moltiplicazione

anisodontea Si sviluppano in qualsiasi terreno purché non troppo pesante e molto ben drenato; nel mettere a dimora queste piante ricordiamo di aggiungere della sabbia al terreno, per evitare il formarsi di ristagni idrici. Durante la stagione vegetativa aggiungere all’acqua delle annaffiature un concime per piante da fiore, ogni 10-15 giorni.

Se desideriamo riprodurre la pianta, in estate inoltrata asportiamo gli apici dei rami che non hanno prodotto fiori, e facciamoli radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, evitando di farlo asciugare fino ad avvenuta produzione di radici. In primavera è possibile seminare i piccoli semi, già a febbraio-marzo, tenendo i semenzai in luogo protetto dal freddo e dal sole diretto.


Parassiti e malattie

pianta L'anisodontea, soprattutto se tenute in serra o in casa e durante l’estate teme lo sviluppo degli acari. Si tratta di fatto di minuscoli animaletti non più grandi di qualche millimetro, simili ai ragni ma molto più ridotti capaci di infestare intere specie di piante. Il corpo è tondeggiante e di colore giallo arancione. Le femmine presentano dimensioni maggiori rispetto ai maschi. Le specie colpite perdono il loro vigore originario dopo che gli acari hanno punto la superficie delle foglie nutrendosi della loro linfa.






Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare con regolarità, ogni 6-7 giorni, bagnando il terreno a fondo, ma attendendo che il substrato asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra; evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso.


Tenere Umido
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO