Valeriana rossa, Lattarola - Centranthus ruber

Generalità

Il Centranthus ruber, meglio conosciuto come valeriana rossa o lattarola, è una pianta erbacea perenne, coltivata anche come annuale, diffusa in Europa, in Asia e in nord Africa.

Questa particolare varietà forma cespi ampi, composti da lunghi fusti eretti, talvolta arcuati,alti 50-90 cm, di colore verde-grigiastro; le foglie sono ovali o lanceolate, dello stesso colore dei fusti, leggermente coriacee, ruvide. In primavera inoltrata all'apice dei fusti sbocciano piccoli fiori a stella, riuniti in racemi ad ombrello o semisferici, di colore rosa acceso, rosso o anche bianco. La fioritura si prolunga per alcune settimane, producendo vistose macchie d colore; con l'arrivo dei freddi le foglie ed i fusti disseccano, durante l'inverno i centranthus ruber perdono la parte aerea, che ricomincerà a svilupparsi in primavera.

centranthus


Esposizione

centranthus ruber coccineus La valeriana rossa si pone a dimora in luogo molto luminoso, anche in semi ombra ma in una posizione in cui le piante di lattarola possano ricevere alcune ore di luce solare diretta al giorno per fare in modo di avere una buona fioritura. Se poste in ombra, infatti, queste piante non crescono in modo rigoglioso e possono presentare problemi di fioritura con una produzione di fiori scarsa o assente; il centranthus ruber non teme il freddo e può sopportare temperature anche molto rigide, permettendo una facile coltivazione anche nei luoghi in cui la stagione invernale può presentare un clima piuttosto freddo e rigido.

  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...
  • piante perenni Con il termine generico Perenni si intendono quelle piante erbacee che hanno uno sviluppo pluriennale, quindi rimangono nel nostro giardino per anni, contrariamente a quanto accade alle annuali, che i...
  • Eliotropio al genere heliotropium appartengono circa duecentocinquanta specie di piante, diffuse in gran parte delle zone temperate del pianeta; Heliotropium arborescens è una pianta erbacea, perenne, sempreverd...
  • potentilla fructicosa red ace Piccolo arbusto a foglia caduca, originario dell'America settentrionale e dell'Asia; esistono circa cinquecento specie di potentilla, diffuse in tutto il globo, soltanto alcune vengono coltivate come ...


Annaffiature

valeriana rossa Le piante di lattarola sono una varietà perenne a carattere rustico; per questo motivo, di solito, si accontentano dell'acqua derivante dalle precipitazioni atmosferiche; solo nel caso in cui ci sia un periodo siccitoso molto lungo o si abbiano degli esemplari giovani è possibile ci sia la necessità di intervenire con la fornitura d'acqua, con l'accortezza di evitare di inzuppare troppo il terreno, visto che, in natura, la valeriana rossa si sviluppa anche in luoghi sassosi e molto aridi.


Terreno

lattarola Questa particolare varietà di piante, presentando ottime caratteristiche di resistenza e rusticità, non richiede particolari cure culturali e si coltiva nella comune terra da giardino, purché si tratti di un substrato ben drenato e asciutto. Le piante di lattarola, infatti, temono il ristagno idrico, che può causare rapidamente la morte della pianta.


Moltiplicazione

La moltiplicazione delle piante di lattarola per ottenere nuovi esemplari avviene per seme nella stagione primaverile, seminando direttamente a terra, senza bisogno di predisporre un semenzaio dove far germogliare le nuove piantine, oppure per divisione dei cespi in autunno, da porre direttamente a dimora, data la grande rusticità e resistenza di questo tipo di pianta.


Valeriana rossa, Lattarola - Centranthus ruber: Parassiti e malattie

valeriana rossa può capitare che gli esemplari appartenenti a questo genere vengano attaccati dagli afidi, che, se non contrastati, possono portare anche a danni seri. Prima della ripresa vegetativa è possibile intervenire con l'impiego di prodotti specifici per un trattamento insetticida preventivo ad ampio spettro, così da garantire una giusta protezione alle piante. Se si nota la presenza di parassiti è possibile anche impiegare un preparato d'acqua in cui è stato fatto bollire dell'aglio, da vaporizzare sugli esemplari colpiti.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO